Ecco i 7 motivi per cui i modelli BIM sono intelligenti

In occasione del recente MADE Expo 2015 abbiamo avuto modo di incontrare presso lo stand Autodesk l’ing. Carlo Leone, Territory Sales Manager per l’Italia, la Spagna e il Portogallo, esperto di BIM e autore di un apprezzabile intervento su queste pagine dedicato alle città del futuro.

 

Nell’occasione si è parlato soprattutto di Building Information Modeling, focalizzando l’attenzione sulla crescente di diffusione di questa metodologia di lavoro a livello globale e, anche se più lentamente, nel nostro Paese.

 

Un dato, in particolare, ci fa capire come l’adozione del BIM stia diventando sempre più uno strumento essenziale per acquisire vantaggi competitivi nello scenario attuale del mondo delle costruzioni, caratterizzato da una competizione sempre più agguerrita e che comporta un aumento della pressione su architetti ingegneri, fornitori e imprese di costruzione per completare i progetti sempre più velocemente e con budget sempre più ridotti.

 

Se, infatti, nel 2007 il livello di adozione della metodologia Building Information Modeling si attestava al 28%, i dati aggiornati al 2012 rivelano una percentuale del 71% (visualizza lo SmarMarket Report completo Il valore del BIM in Nord America).

 

Sempre in base ai dati del rapporto citato, la percentuale di aziende statunitensi che hanno indicato la preferenza per le funzionalità BIM durante la scelta dei team di progetto supera l’80%.

 

Anche in Europa e in Italia l’adozione del BIM sempre più massiccia sarà inevitabile per una serie di motivi che possiamo qui brevemente elencare:

1. Nei primi mesi dello scorso anno, il Parlamento europeo ha approvato una direttiva sugli appalti pubblici per incoraggiare gli enti pubblici a considerare l’utilizzo del BIM nei lavori pubblici e porre l’attenzione sull’opportunità e i vantaggi che il BIM può portare ai progetti di costruzione pubblici.

 

2. Nel 2011, il governo inglese ha annunciato una strategia BIM che richiede l’adozione del BIM 3D di condivisione nei progetti governativi entro il 2016. Poiché il governo rappresenta circa il 40% degli investimenti di capitali del Regno Unito, si tratta di una importante richiesta di utilizzo del BIM.

 

3. Negli Stati Uniti, l’agenzia governativa GSA (General Services Administration) che costruisce e gestisce le strutture federali ed è il maggior titolare di spazi commerciali negli Stati Uniti, ha iniziato a richiedere la consegna di modelli BIM per i principali progetti edili federali nel 2006.

 

4. Dal 2008, la U.S. Army Corps of Engineers richiede l’utilizzo del Building Information Modeling per tutti i progetti di costruzione militare allo scopo di migliorare tempi e costi delle costruzioni.


I modelli BIM sono intelligenti? Sì, ecco i 7 motivi fondamentali

I modelli contengono rappresentazioni geometriche dell’edificio e dei relativi componenti che lo costituiscono, nonché l’ampia quantità di dati di progetto associati come specifiche, numeri di modello, informazioni sulla garanzia e così via.


I modelli sono corretti a livello comportamentale. Gli elementi architettonici come travi e condotte “conoscono” la loro natura, il loro scopo e il modo in cui interagiscono con il resto del modello.

 

Questa “intelligenza” integrata consente ai modelli di essere analizzati, visualizzati o quantificati come elemento architettonico composto da materiali reali con caratteristiche reali e relazioni funzionali, consentendo l’esecuzione di importanti attività come analisi strutturale, illuminazione con luce diurna, visualizzazione del progetto, simulazione della costruzione e stima dei costi.

 

L'”intelligenza” del BIM è data dalla gestione automatica di queste relazioni di modello. Il modello di costruzione e tutti i documenti di progettazione si trovano in un database integrato in cui tutto è interconnesso.

 

Disegni, viste, pianificazioni e molto altro rappresentano direttamente il modello 3D sottostante. Poiché i disegni in questo senso sono viste variabili del modello di costruzione, corrispondono sempre a rappresentazioni accurate della progettazione architettonica. Non è richiesto alcuno sforzo aggiuntivo per mantenere sincronizzati i dati di progetto e nessun intervento manuale per eseguire la stessa operazione con disegni e documentazione di progetto.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico