Droni, l’invasione di Natale: 1 milione di pezzi previsti negli USA

Droni

Una piccola e rapida idea su come si configurerà lo scenario fisico dei cieli del prossimo Natale? Secondo la FAA (Federal Aviation Administration, l’Agenzia governativa statunitense incaricata di regolare e sovrintendere a ogni aspetto riguardante l’aviazione civile) circa 1 milione di persone riceveranno durante le prossime festività natalizie un drone come regalo. Che sia un micro-elicottero di alto lignaggio o un prodottino da consumo comprato a 20 dollari al supermercato, mettetevelo bene in testa: i droni domineranno la classifica delle strenne natalizie 2015. O almeno: ciò accadrà senza ombra di dubbio dall’altra parte dell’Oceano.

La FAA è davvero preoccupata in queste ore: e non è un eufemismo. Cosa potrebbe accadere con un milione di mezzi volanti nuovi di zecca che penetrano negli spazi aerei statunitensi? “Un sacco di gente senza esperienza o formazione di volo piloterà questi droni da remoto nell’aria” affermano pensierosi dai corridoi del FAA.

Il CEO della Hawaiian Airlines, Mark Dunkerley, è tranciante: “Da una prospettiva operativa, c’è un problema serio da considerare ed è quello che qualcosa di pericoloso e spiacevole possa accadere. E non è soltanto nelle prossimità degli aeroporti che i droni possono essere fonte di pericolo agli altri mezzi di trasporto aereo. Esistono molteplici aree fuori dal raggio di 5 miglia degli aeroporti dove un potenziale scontro tra droni può verificarsi”.

Per una rassegna di articoli che toccano da diversi angoli visuali l’ambito dei droni leggi i seguenti articoli:

Droni, l’evoluzione del regolamento ENAC sui sistemi APR.

Droni professionali: l’età dell’oro in Italia inizia adesso.

Sicurezza dei droni a uso civile: la prima indagine ufficiale.

“Esiste un problema evidente sull’uso irresponsabile di tali mezzi usati per svago: tali mezzi, a mio modo di vedere – afferma Peter DeFazio, senatore a capo del comitato Trasporti e Infrastrutture al Congresso – dovranno essere presto settati e schedati in maniera tale che non possano essere venduti senza essere adeguatamente tracciati e vincolati con riferimento ad altitudine e raggio d’azione”.

Fonte: popularmechanics.com


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico