Domani si apre Dronitaly: il mercato interno vale 350 milioni di euro

Domani si apre Dronitaly: il mercato interno vale 350 milioni di euro

Numeri interessanti quelli del mercato dei droni nel nostro Paese: un giro d’affari annuo che genera un fatturato di 350 milioni di euro con una media di 700mila euro ad azienda e sette addetti per ognuna (sempre dato medio). Il settore dei veicoli unmanned è in piena salute e sarà protagonista domani e sabato a Milano per la nuova edizione di Dronitaly la più grande fiera italiana per i droni civili in programma al Centro Congressi Atahotel Expo Pero-Milano.

I dati diffusi dall’organizzazione della manifestazione sono stati raccolti ed elaborati dalla Doxa Marketing Advice per il primo “Osservatorio sull’industria italiana dei droni civili” mai realizzato nel nostro Paese e individuano il “cuore” pulsante dell’industria dei sistemi APR nel Centro Italia.

L’inchiesta si basa su un campione rappresentativo di 53 aziende, che consente di scattare la prima “fotografia ufficiale” del settore. Finora in Italia, infatti, non era ancora stata realizzata un’indagine così approfondita tra i protagonisti del settore unmanned, settore ancora giovane ma con forti potenzialità di crescita in Italia e all’estero.

La relazione e la presentazione completa dell’indagine saranno al centro del convegno che battezzerà la manifestazione L’industria dei droni civili in Italia, Come aiutare la crescita delle start-up innovative, durante la quale sarà da Massimo Sumberesi, managing director Doxa Marketing Advice, illustrerà i risultati raggiunti e le prospettive di crescita del mercato SAPR. Il convegno vedrà la presenza degli enti regolatori del settore che ne trarranno spunto per discutere gli sviluppi della normativa italiana e europea.

Molti i professionisti interessati alle opportunità offerte dai droni, tra cui, oltre agli agronomi, agli avvocati e ai fotografi, si aggiungono gli ingegneri, gli architetti e i geometri sempre più intrigati dai possibili impieghi in ambito edilizio dei sistemi a pilotaggio remoto.

Le grandi aziende italiane, da Vodafone a Rete Ferroviaria Italiana (RFI), da Enel a Eni, si dimostrano sensibili all’utilità dei droni nelle attività industriali e saranno protagoniste di un convegno finora inedito in Italia che racconta l’impiego dei sistemi unmanned in queste realtà.

Dronitaly 2015, che annovera la presenza di tutte le maggiori aziende del panorama, rappresenta l’occasione per entrare in contatto con i protagonisti della filiera italiana dei droni civili italiana. Concentrato in due giornate, l’evento rappresenta una full immersion che consente alle aziende produttrici, agli operatori e alle scuole di volo, insieme ai professionisti e alle aziende, di fare networking e sviluppare business.

Per quanto riguarda i visitatori, la kermesse permette ai neofiti di approcciare con un unico colpo d’occhio il mondo dei droni, mentre per gli esperti è la chance di vedere concentrate tutte insieme applicazioni, novità e anteprime dei migliori mezzi unmanned sul mercato nei segmenti consumer, semi-pro e pro.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico