Distanze fra edifici, si applica anche nella ristrutturazione con demolizione e fedele ricostruzione?

La domanda è semplice. In caso di ristrutturazione mediante demolizione e fedele ricostruzione del manufatto originario si applica la disciplina sulle distanze fra edifici prevista dall’art. 9 del d.m. 1444/1968?

 

La risposta la troviamo nel volume di Antonella Mafrica e Mario Petrulli edito da Maggioli Editore Casi risolti di edilizia e urbanistica, che presenta una selezione di “casi” affiancati da sentenze di riferimento e gli articoli di legge.

 

Tornando al quesito di partenza, gli autori danno una risposta negativa. L’art. 9 del decreto 2 aprile 1968 n. 1444 impone la distanza di 10 metri tra le costruzioni, rendendo illegittima ogni eventuale previsione regolamentare in contrasto con tale limite minimo, mentre è indubbiamente consentito alle amministrazione comunale di fissare limiti superiori.

 

Secondo la giurisprudenza detta normativa trova applicazione in caso di nuove costruzioni, ma non nel caso di ristrutturazione mediante demolizione di edificio esistente e costruzione nel rispetto del volume e della sagoma originari, con mantenimento dell’originaria distanza.

 

Al contrario: “l’art. 9 del decreto 1444/1968 […] è applicabile […] alle ristrutturazioni che […] comportino un incremento non trascurabile dell’altezza del fabbricato […]”.

 

La normativa sulle distanze fra edifici deve quindi essere rispettata quando, attraverso la ristrutturazione, si modifica sostanzialmente il manufatto esistente, realizzando un organismo edilizio diverso dal precedente per volume e sagoma, perché in tal caso si integrano gli estremi di una vera e propria nuova costruzione non riconducibile concettualmente né tipologicamente alla categoria giuridica della ristrutturazione edilizia, come disciplinata dall’art. 3 del Testo Unico dell’edilizia.

 

Articolo tratto dal volume Casi risolti di edilizia e urbanistica di Antonella Mafrica e Mario Petrulli, Maggioli Editore, 2010, Rimini

I contenuti a cura della redazione di www.ingegneri.cc sono elaborati e visionati da Simona Conte, Giulia Gnola, Daniel Scardina, Gloria Alberti. Gli approfondimenti tecnici si rivolgono ad un pubblico di professionisti che intende restare aggiornato sulle novità di settore.

Potrebbero interessarti anche