Diaspora degli Ingegneri dall’albo professionale? Non sembra proprio!

Diaspora degli Ingegneri dall’albo professionale? Non sembra proprio!
Diaspora degli Ingegneri dall’albo professionale? Non sembra proprio!

A dispetto delle Cassandre che paventavano una fuga in massa degli Ingegneri dagli albi professionali a seguito delle novità normative riguardanti la categoria, il numero degli Ingegneri che si iscrivono all’Ordine non cala … anzi, aumenta!

 

Il dato piacevolmente sorprendente e che testimonia, se non altro, la vitalità della categoria e della libera professione, arriva direttamente dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri che ha analizzato il trend di iscrizione all’albo professionale dell’ultima parte del 2013.

 

A far temere un tracollo delle adesioni agli Ordini provinciali erano soprattutto l’introduzione della polizza di assicurazione per RC obbligatoria e, aggiungiamo noi, il pasticcio del POS obbligatorio per i professionisti tecnici.

 

Ebbene, dati alla mano, il paventato tracollo nel numero degli iscritti non c’è stato ma, a sorpresa, si è invece registrato un sensibile aumento degli Ingegneri che aderiscono all’albo: sia quelli della Sezione A sia della Sezione B.

 

Mentre per i primi l’aumento è dello 0,7% rispetto al 2013, gli Ingegneri triennali (iscritti alla Sezione B dell’albo) segnano un sorprendente +5,6% a livello nazionale. A livello assoluto, invece, sono gli Ingegneri magistrali ad essere preponderanti con un numero di iscritti pari a 227.710 contro gli 8.783 della Sezione B.

 

Il numero di iscritti appare in crescita in tutta Italia con qualche rara eccezione: spicca il dato di Napoli, dove gli iscritti sono calati dell’1,3% rispetto all’anno precedente, e di Palermo (-0,9%)

 

Il primato regionale va ancora una volta alla Lombardia, ai cui Ordini provinciali è iscritto il 13,1% degli ingegneri italiani, anche se l’Ordine di Roma resta il più numeroso in assoluto con 22.203 iscritti. Lo stesso Ordine di Roma, unitamente a quelli di Milano e Napoli accolgono comunque complessivamente quasi 48mila iscritti, circa il 20% di tutti gli iscritti in Italia.

 

Rimandando alla lettura dell’analisi completa realizzata per il CNI da Emanuele Palumbo, sottolineiamo un paio di dati.


Distribuzione geografica e donne ingegnere

Gli Ingegneri magistrali della sezione A sono uniformemente distribuiti sul territorio nazionale. Praticamente appaiate le regioni del Nord e del Sud dove si trova l’80% circa degli iscritti, mentre il restante 20% è concentrato nelle regioni centrali nonostante la presenza dell’Ordine di Roma.

 

Diversa è invece la distribuzione degli ingegneri iscritti alla Sezione B: quasi la metà (49%) appartiene ad un Ordine del meridione, con Campania e Sicilia che da sole annoverano il 26% di tutti gli ingegneri triennali italiani.

 

Crescono ancora, infine, le donne ingegnere che segnano un +13% contro il 12,5% del 2013.

I contenuti a cura della redazione di www.ingegneri.cc sono elaborati e visionati da Simona Conte, Giulia Gnola, Daniel Scardina, Gloria Alberti. Gli approfondimenti tecnici si rivolgono ad un pubblico di professionisti che intende restare aggiornato sulle novità di settore.

Potrebbero interessarti anche