Dal GBC si precisa: nessuna certificazione LEED ITACA

Non ci sarà nessuna certificazione unica e “non ci sarà, per quanto prevedibile, nessuna unificazione dei sistemi LEED e ITACA”. A precisarlo in una nota è lo stesso GBC Italia a seguito di una serie di notizie pubblicate su diversi siti web che riportano “informazioni imprecise”.

 

Il Green Building Council italiano, dunque, precisando che “ci sono solo accordi di parziale riconoscimento incrociato di crediti tra LEED e BREEAM,  in base a un accordo tra USGBC e BRE”, afferma che sono erronee “tutte le affermazioni che alludano o ipotizzino una qualsiasi forma di fusione e confusione tra i sistemi GBC Italia (LEED Italia incluso) e ITACA”.

 

Riportiamo per completezza tutte le precisazioni del GBC al riguardo:
1. Esistono molteplici sistemi di rating, a livello internazionale; alcuni di essi sono usati anche in Italia;

 

2. Ogni sistema di rating è proprietà ed è  gestito dalla struttura che lo ha elaborato e promosso; in particolare tutti i sistemi LEED® sono di proprietà e gestiti da USGBC. GBC Italia ha un accordo con USGBC per la gestione di LEED Italia; inoltre GBC Italia è proprietario dei sistemi di rating a proprio marchio.

 

3. Non risulta esistano al momento, a livello internazionale,  processi di fusione tra sistemi, date le differenze  di impostazione e le difficoltà tecniche che ciò comporta. Ci sono solo accordi di parziale riconoscimento incrociato di crediti tra LEED e BREEAM, in base a un accordo tra USGBC e BRE.

 

4. Non ci sono in Italia processi di fusione tra protocolli che coinvolgano GBC Italia, né per quanto riguarda LEED Italia né per quanto riguarda i protocolli a marchio GBC (come GBC Home); non esiste nessuna  procedura in atto per verificare la fusione tra i sistemi di GBC Italia (LEED Italia incluso) e      ITACA.

 

5. Diverso il caso della multicertificazione, vale a dire che il titolare di un progetto decida, per sua libera scelta, di certificare lo stesso edificio seguendo più procedure contemporaneamente. Trattasi comunque di processi distinti e paralleli, che richiedono documentazioni separate; in ogni caso, per quanto riguarda LEED (spesso coinvolto, per il suo prestigio, in casi di      multicertificazione) l’ente di certificazione rimane il GBCI (Green      Building Certification Institute).  Per quanto riguarda LEED Italia, la certificazione è compito  di GBCI, come tutti i sistemi LEED, mentre l’elaborazione di aggiornamenti e modifiche è titolarità esclusiva di GBC Italia, in virtù dell’accordo esclusivo con USGBC. La certificazione multipla è una opzione liberamente disponibile a chi la vuole, e chiunque, socio o non socio GBC, può offrire servizi  a tal fine: è una libera attività professionale regolata dal mercato. Pertanto: certificazione unica no, multicertificazione sì.

 

6. Sono quindi erronee e fonte di confusione sul mercato tutte le affermazioni che:
a) alludano o ipotizzino una qualsiasi forma di fusione e confusione tra i sistemi GBC Italia (LEED Italia incluso) e ITACA; mentre, se esistono, si dovrà parlare di casi di certificazione multipla secondo più standard;
b) ipotizzino che soggetti diversi da GBC Italia siano proprietari del sistema LEED e legittimati a intraprendere percorsi di questo tipo (fusione o confusione tra sistemi). Questo vale anche per i soci di GBC Italia, senza eccezioni, che non hanno titolo per sostituirsi all’associazione in quanto tale.

 

7. GBC Italia conta oggi più di 550 soci distribuiti su tutto il territorio nazionale; tra le adesioni diversi soggetti quali aziende che erogano servizi di consulenza e prodotti, società di capitali e cooperative, studi professionali associati, enti pubblici e privati, fondazioni, associazioni di categoria, università e numerose amministrazioni pubbliche.

 

8. GBC Italia è un ente istituzionale super partes, con le finalità di elaborazione e adattamento di protocolli di certificazione della sostenibilità ambientale degli edifici su base LEED, alcuni di proprietà USGBC altri di proprietà diretta di GBC Italia.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico