Da Flygt Italia a Xylem Water Solutions, nomi diversi ma eccellenza sempre al top

In cinquant’anni di presenza nel nostro Paese, Flygt, oggi identificata come Xylem Water Solutions, ha modificato il nome del proprio marchio in più di un’occasione, ma la storia di innovazione tecnologica e di collaborazione con i clienti per raggiungere l’eccellenza tecnica e gestionale degli impianti non ha mai conosciuto pause.

 

La prima filiale italiana dell’azienda svedese nasce nel mese di aprile 1963. Ufficialmente il 29 aprile del 1963 debutta Flygt Italia S.p.A., con amministratore delegato svedese – Lars Lundgren – e con sede a Milano.

 

Le prospettive sono subito interessanti soprattutto nel campo delle pompe da cantiere. Sono gli anni in cui l’edilizia viaggia a ritmi elevati e le elettropompe sommergibili, così efficienti per mantenere asciutti gli scavi, semplici da installare e da spostare all’interno del cantiere, riscuotono immediato successo.

 

L’innovazione epocale arriva però con l’estensione del concetto di pompa sommergibile anche alla realizzazione delle stazioni di sollevamento fognario. I vantaggi in termini di riduzione dei costi, semplicità d’installazione e gestione sono talmente evidenti che presto questa soluzione diventa uno standard per questa tipologia di impianti.

 

Nel 1977 un’altra invenzione Flygt che cambierà gli standard del mercato nel settore del trattamento delle acque reflue. Arriva il primo mixer sommergibile. È molto efficiente e permette grandi risparmi energetici, molto silenziosa e robusta, estremamente versatile e può essere installata senza problemi perché non richiedere lo svuotamento delle vasche. Con la sua modularità il concetto di miscelazione sommersa sviluppato da Flygt riesce a soddisfare ogni configurazione applicativa in vasche di qualsiasi forma.

 

Tra il 1989 e il 1990, la questione energetica diventa sempre più importante e Flygt realizza alcuni impianti in Italia con elettroturbine sommerse, una evoluzione della tecnologia delle pompe ad elica in tubo contenitore, in grado di sfruttare piccoli salti idraulici per produrre energia elettrica. Anche in questo caso la soluzione sommersa è quella che meglio si presta nel ripristino di piccole centrali idroelettriche dismesse. Nel 1991 Flygt Italia S.p.A si trasferisce nella nuova sede di Cusago e cambia nome in  ITT Flygt S.p.A.

 

Il marchio Sanitaire entra a far parte del gruppo e si cominciano a costruire i primi impianti di aerazione utilizzando i diffusori a bolle fini che aumentano l’efficienza degli impianti con una notevole riduzione dei consumi di energia elettrica nella fase del trattamento biologico, quello con i maggiori consumi energetici.

 

Nel 1998 Flygt fornisce le pompe per il disinquinamento del Lago di Varese, praticamente ridotto all’anossia completa, con un sistema alimentato ad ossigeno ed eiettori asserviti a pompe Flygt. Nel 1999 nella magnifica Villa d’Este di Tivoli Flygt contribuisce al sistema di risanamento ambientale delle acque del fiume Aniene, che alimenta le fontane e i giochi d’acqua nel parco della villa o l’impianto fognario in pressione tra le piccole e bellissime Isole Borromee sul Lago Maggiore per l’invio delle acque reflue al depuratore che sorge sulla sponda del lago.

 

Nel 2001 Flygt introduce ancora una volta una pompa talmente innovativa da rappresentare negli anni che seguiranno un punto di riferimento per il pompaggio di acque reflue: è la pompa N con una girante inintasabile ad elevato rendimento in grado di pompare senza problemi reflui fognari contenenti solidi di dimensioni rilevanti e soprattutto di pompare senza problemi bottiglie di plastica, lattine, cavi elettrici, stracci e/o contenuti fibrosi che possono provocare il blocco di altri tipi di pompe. 

 

Nel 2008 ITT Flygt diventa ITT Water & Wastewater, altro cambio di nome che risponde alle mutate e più ampie competenze e gamme di prodotti con cui l’azienda ormai opera a livello mondiale. Sono anni in cui le soluzioni tecnologiche sono ormai mature e diversificate, per questo inizia una intensa campagna di convegni tecnici sulle tecnologie ITT Water & Wastewater a Pesaro, Padova, Cagliari, Catania, Firenze, Napoli, Pescara e Roma.

 

I marchi di prodotto si arricchiscono di due nomi importanti, Leopold per i sistemi di filtraggio a gravità e Godwin, produttore di pompe per drenaggio con motore diesel o elettrico dalle caratteristiche di prestazione superiori.

 

Nel 2011 nasce, dallo spin-off del gruppo ITT, la nuova società Xylem Water Solutions e, ancora una volta, cambia il nome per adeguarsi alle rinnovate ambizioni del gruppo che, avendo deciso di dare completa autonomia al settore operativo sull’intero ciclo dell’acqua, si pone a livello mondiale come entità esclusivamente orientata a questo bene sempre più prezioso. Il tema di fondo resta sempre quello di prevenire le necessità in tema di conservazione, depurazione e distribuzione dell’acqua fornendo la migliore tecnologia disponibile agli enti preposti alla gestione e conservazione delle risorse idriche del pianeta. Da queste considerazioni è nata Xylem, unica azienda del settore completamente dedicata alle problematiche inerenti la gestione dell’acqua.

 

Nel 2012, infine, arriva un nuovo caposaldo della tecnologia Flygt: Flygt Experior, non un semplice prodotto ma un sistema per ridurre del 30 % i consumi di energia per il funzionamento delle stazioni di pompaggio delle acque reflue con l’idraulica N adattiva, motori ad alta efficienza e l’innovativo sistema di controllo basato sulla variazione della frequenza con funzioni avanzate chiamato Smart Run.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico