Coronavirus valutazione del rischio. Come si tutela il datore di lavoro?

Coronavirus valutazione del rischio. Come si tutela il datore di lavoro?

Coronavirus valutazione dei rischi

L’emergenza Coronavirus COVID -19 sta interessando l’Italia, nello specifico le regioni del nord per le quali sono scattate misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica. A fronte di tale situazione è inevitabile domandarsi: come si tutela il datore di lavoro?

In risposta arrivano i provvedimenti emessi dal Governo e pubblicati in Gazzetta Ufficiale:

Le disposizioni più stringenti sulle chiusure è arrivata con il DPCM 11 marzo 2020 con il quale sono state sospese tutte le attività commerciali fino al 25 marzo 2020 (bar, ristoranti, parrucchieri, pub, gelaterie, pasticcerie al dettaglio) con eccezione delle attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità (edicole, tabaccai, farmacie, parafarmacie, servizi bancari, finanziari, finanziari, assicurativi).

Vediamo nel dettaglio cosa viene specificato attraverso tali riferimenti normativi.

Leggi lo speciale continuamente aggiornato: Coronavirus e luoghi di lavoro. Come gestire l’emergenza?

Coronavirus valutazione del rischio: DECRETO-LEGGE 23 febbraio 2020, n. 6 e DPCM del 23 febbraio 2020

Il Decreto Legge del 23 febbraio 2020, n. 6 si compone di cinque articoli:

  1. misure urgenti per evitare la diffusione del COVID-19;
  2. ulteriori misure di gestione dell’emergenza;
  3. attuazione delle misure di contenimento;
  4. disposizioni finanziarie;
  5. entrata in vigore.

Al comma 1 dell’art.1 viene specificato che le misure in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica sono messe in atto nei comuni o nelle aree nei quali risulta positiva almeno una persona per la quale non si conosce la fonte di trasmissione o comunque nei quali vi è un caso non riconducibile ad una persona proveniente da un’area già interessata dal contagio.

Con tale Decreto Legge viene fornito un elenco di attività lavorative per le imprese per le quali è prevista la sospensione, ovvero:

  • manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato, anche di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso;
  • servizi educativi dell’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado, nonché della frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, compresa quella universitaria, salvo le attività formative svolte a distanza;
  • le attività commerciali, esclusi gli esercizi commerciali per l’acquisto dei beni di prima necessità;

Nel decreto sono escluse le attività che erogano servizi essenziali e di pubblica utilità e di quelle che possono essere svolte in modalità domiciliare.

Tuttavia i casi elencati all’interno dell’art. 1 non sono limitati in quanto all’art. 2 viene precisato che le autorità competenti possono adottare ulteriori misure di contenimento dell’emergenza.

Al comma 4 – “Attuazione delle misure di contenimento” viene chiarito che il mancato rispetto delle misure di contenimento di cui al presente decreto è punito ai sensi dell’articolo 650 del codice penale (chiunque non osserva un provvedimento legalmente dato dall’Autorità per ragione di giustizia o di sicurezza pubblica o d’ordine pubblico o d’igiene, è punito, se il fatto non costituisce un più grave reato, con l’arresto fino a tre mesi o con l’ammenda fino a euro 206).

Per quanto riguarda il DPCM, questo è attuativo del Decreto Legge 23 febbraio 2020, n. 6 e al suo interno tratta il “lavoro agile” applicabile in via automatica ad ogni rapporto di lavoro subordinato nell’ambito di aree considerate a rischio nelle situazioni di emergenza nazionale o locale e anche in assenza degli accordi individuali ivi previsti.

Non perderti: Covid-19 infortunio e malattia: come considerare contagio in occasione di lavoro?

Coronavirus valutazione del rischio: CIRCOLARE N.3190 DEL 3 FEBBRAIO 2020

Con la Circolare del Ministero della Salute n. 3190 del 03/02/2020 vengono, invece, fornite le indicazioni per gli operatori dei servizi/esercizi a contatto con il pubblico.

Il documento parla del datore di lavoro in corrispondenza delle indicazioni operative e ne chiarisce le responsabilità: “Con riguardo, specificatamente, agli operatori di cui all’oggetto si rappresenta preliminarmente che, ai sensi della normativa vigente (D.Lgs. 81/2008), la responsabilità di tutelarli dal rischio biologico è in capo al datore di lavoro, con la collaborazione del medico competente”.

Tra le indicazioni operative da mettere in atto (ad esclusione degli operatori sanitari) vengono elencate le comuni misure preventive della diffusione delle malattie trasmesse per via respiratoria:

  • lavarsi frequentemente le mani;
  • porre attenzione all’igiene delle superfici;
  • evitare i contratti stretti e protratti con persone con sintomi simil influenzali.
  • adottare ogni ulteriore misura di prevenzione dettata dal datore di lavoro.

La circolare fornisce inoltre le indicazioni sul comportamento da tenere nel caso in cui nel corso dell’attività lavorativa, si venga a contatto con un soggetto che risponde alla definizione di caso sospetto.

Potrebbe interessarti: Impianti di aerazione e Covid-19: controllo, pulizia e disinfezione

Coronavirus DVR: è obbligatorio l’aggiornamento?

Coronavirus DVR: sì o no? La questione circa l’eventuale obbligo di aggiornamento della valutazione dei rischi biologici è largamente dibattuta. Il dubbio sulla strada da intraprendere nasce dalla questione: il rischio biologico da Coronavirus rappresenta un rischio professionale oppure no?

La risposta è positiva e di facile intuizione se si parla di realtà lavorativa dove i lavoratori sono soggetti ad un incremento del rischio perché direttamente a contatto con il virus, con agenti biologici o a rischio di esposizione, ciò accade ad es. nel settore della sanità o in laboratori. In tali situazioni esiste l’obbligo di procedere alla valutazione del rischio da agenti biologici e aggiornare il DVR perché la possibilità di contrarre un’infezione, è chiaramente superiore per via della specifica attività svolta.

Va ricordato tuttavia che oltre al rischio biologico deliberato (strettamente correlato all’ambito del ciclo produttivo), esiste anche quello occasionale e potenziale. A tal proposito il Datore di Lavoro a seguito della valutazione sarà tenuto a mettere in atto le misure necessarie per ridurre o eliminare l’esposizione agli agenti patogeni.

Pertanto esclusi i casi in cui il rischio di contagio da COVID-19  è deliberato e rappresenta un rischio professionale, per tutti gli altri settori non è obbligatorio l’aggiornamento del DVR, tuttavia va ricordato che il Datore di Lavoro nel caso dello svolgimento di mansioni, da parte dei propri lavoratori, che richiedano un contatto continuativo col pubblico, o con colleghi, tra i quali è probabile la presenza di soggetti contagiosi, espone il lavoratore nell’ambiente lavorativo ad un rischio biologico che attiene la posizione di garanzia del datore di lavoro come stabilito al D. Lgs. n. 81/2008, articoli 271 e 272.

Assolombarda precisa in merito alle disposizioni su COVID-19 e rapporto con il D.Lgs. 81/2008:

“L’emergenza coronavirus rappresenta un problema di salute pubblica e, in questa fase di continua e rapida evoluzione, la gestione delle misure di prevenzione e protezione deve seguire le disposizioni speciali appositamente emanate e i provvedimenti delle Autorità Sanitarie competenti. I Decreti e le Ordinanze che vengono emanati da Governo/Regioni sono Atti generali contenenti disposizioni speciali in ragione dell’emergenza sanitaria che come tali prevalgono sugli ordinari obblighi di tutela della salute sul lavoro previsti dal D.Lgs 81/08 e da altre leggi. In relazione a quanto sopra, previe verifiche effettuate, lo specifico obbligo di aggiornamento del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all’art. 28 del decreto 81/08 suddetto in relazione al COVID19, è subvalente rispetto alle citate normative speciali emanate in via d’urgenza a tutela dell’incolumità pubblica e della salute della collettività. I datori di lavoro e i lavoratori, in relazione al contenimento degli effetti del coronavirus, devono rispettare, nelle aree non soggette a disposizioni specifiche, le norme cogenti predisposte dalle Autorità, oltre a rafforzare le ordinarie indicazioni igieniche comunemente in atto. La collaborazione, la responsabilità e diligenza di tutti i soggetti aziendali sono fattori essenziali in questa fase momentanea di criticità per le imprese, che potrà assicurare attenzione e prudenza accanto alla necessaria operatività aziendale. La diffusione interna delle sole informazioni e comunicazioni messe a disposizione dalle Autorità Sanitarie (e non altre di fonti incerte), esaminate e adattate alle varie e diverse esigenze aziendali, può rappresentare un utile strumento di prevenzione e condivisione con i lavoratori”.

Ti consigliamo l’e-book, aggiornato al DPCM 17 maggio 2020

con esempi pratici e procedure di sicurezza in relazione al settore (uffici, imprese commerciali e turistiche, pubblici esercizi, stabilimenti balneari, trasporti e scuole):

COVID-19: COME ORGANIZZARE E GESTIRE I LUOGHI DI LAVORO IN SICUREZZA

COVID-19: COME ORGANIZZARE E GESTIRE I LUOGHI DI LAVORO IN SICUREZZA

Pierpaolo Masciocchi, 2020, Maggioli Editore
L’e-book, aggiornato al DPCM 17 maggio 2020, si propone come un vero e proprio vademecum completo per orientare il lettore nel nuovo contesto giuridico e normativo di riferimento. Esso si propone di illustrare, con esempi pratici ed estrema chiarezza, quali sono le procedure di sicurezza che...

19,90 € 15,90 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *