Contributo CNI 2016: le scadenze per gli ingegneri

Contributo CNI 2016

Modalità di calcolo e versamento contributo Consiglio Nazionale Ingegneri: arrivano chiarimenti in merito a tali adempimenti per gli ingegneri. Mediante la circolare 708/XVIII, il CNI mette infatti in chiaro le cose con riferimento al contributo che ogni iscritto dovrà versare per l’anno 2016 al Consiglio medesimo.

Va ricordato in via introduttiva che il pagamento della quota annuale al proprio Ordine di appartenenza è un obbligo deontologico di ciascun ingegnere (art. 20, comma 2 Codice Deontologico Ingegneri Italiani)

In ossequio a quanto afferma l’art. 18 del R.D. 23 ottobre 1925 n. 2537, il CNI ha stabilito che le quote contributive per il suo funzionamento devono essere versate dagli Ordini territoriali in tre rate di acconto, ognuna di valore non inferiore al 30% del totale annuale dovuto. Una successiva quarta rata di conguaglio è necessaria a saldare definitivamente il contributo annuale.

Ecco in sintesi i termini di versamento della quota da versare all’Ordine per il 2016:
– Scadenza primo acconto (non inferiore al 30% del totale): 31 marzo 2016;
– Scadenza secondo acconto (non inferiore ad un ulteriore 30%): 30 giugno 2016;
– Scadenza terzo acconto (non inferiore ad un ulteriore 30% per il raggiungimento del 90% del totale dovuto): 30 settembre 2016;
– Versamento del restante 10% e conguaglio dei contributi calcolato sulla variazione del numero degli iscritti rilevata nel corso del 2016: 31 dicembre 2016.

Per tutte le informazioni aggiuntive e richieste di chiarimento, si suggerisce ovviamente di rivolgersi all’ordine di appartenenza.

Leggi anche l’articolo intitolato Minimi tariffari: gli ingegneri puntano su standard di prestazione.

Rimane valida la possibilità di corrispondere l’intera quota o la maggior parte di essa anche prima delle scadenze qua segnalate. Il mancato rispetto dei pagamenti nei tempi dovuti costituisce “grave nocumento” all’attività del Consiglio Nazionale e non corretta nei confronti degli Ordini adempienti.

Regime forfetario dei professionisti tecnici dopo la Legge di Stabilità

Regime forfetario dei professionisti tecnici dopo la Legge di Stabilità


L. De Simone , 2015, Maggioli Editore

Il 2016 si apre con molte novità positive per chi si appresta ad iniziare una nuova attività e vuol ridurre al minimo gli obblighi amministrativi e, soprattutto, il peso del fisco. Le modifiche al regime forfetario rendono infatti questo sistema molto più conveniente...


9,90 € 8,91 € Acquista

su www.maggiolieditore.it



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico