Contratto BIM: cosa c'è da sapere su consegna modello BIM e verifica committente?

Contratto BIM: cosa c’è da sapere su consegna modello BIM e verifica committente?

Contratto BIM

La consegna modello BIM e la verifica da parte del Committente, sono due fasi decisive nel contratto BIM: parliamo, difatti, proprio del nuovo oggetto contrattuale che l’Appaltatore deve produrre in attuazione di un contratto BIM e che il Committente si attende di ricevere.

Nell’ebook Il contratto BIM, viene approfondito l’aspetto circa il quando la prestazione deve essere consegnata e, una volta intervenuta la consegna, se la prestazione BIM è stata eseguita correttamente; in altri termini se è intervenuto l’adempimento nei tempi e nei modi fissati dal contratto. Vediamo nel dettaglio.

Contratto BIM. Il termine di esecuzione della prestazione – “quando”

Il contratto BIM dovrà stabilire il termine entro il quale l’Appaltatore BIM è tenuto a consegnare il proprio modello sviluppato secondo le regole contrattuali. La consegna potrà essere contrattualmente prevista anche per step mediante la previsione di apposite milestone.

Ciascuna milestone sarà identificata da:

  • un termine (data) di consegna;
  • una parte di modello – univocamente individuata – che, entro detto termine, dovrà essere consegnata.

È da ricordare che il contratto potrebbe prevedere, oltre al modello BIM, anche la consegna su supporto tradizionale, cartaceo o digitale. Ciò in particolare in questo momento storico di progressiva introduzione del BIM, nel quale ragionevolmente possiamo sostenere, sulla base delle attuali esperienze di mercato, che l’adempimento a carico dell’Appaltatore BIM comprende contemporaneamente la consegna del modello digitale e la consegna della progettazione secondo modalità tradizionali.

Ne discende che a livello contrattuale deve essere ben specificato che entrambe le consegne nel termine fissato sono rilevanti ai fini del corretto adempimento. Non potrà, cioè, esserci adempimento in caso di consegne parziali (solo digitali o solo tradizionali).

La verifica dell’adempimento – “come”

La verifica dell’adempimento attiene all’individuazione della effettiva esecuzione da parte dell’Appaltatore della prestazione BIM dedotta in contratto.

Rilevano al proposito principalmente due aspetti:

  • il rispetto delle regole che definiscono l’oggetto della prestazione dell’Appaltatore;
  • il rispetto del termine di esecuzione.

Va da sé che, sia in caso di consegna in una sola volta sia in caso di consegna per step, è determinante l’individuazione in modo chiaro e univocamente determinabile dell’oggetto della consegna. La mancanza di detta individuazione non potrà che portare incertezze sul contenuto della prestazione, con conseguenti situazioni di conflitto tra le parti contrattuali.

Leggi anche: UNI EN ISO 19650-2:2019 gestione informazioni BIM. Disponibile la norma in italiano

La documentazione cartacea

La verifica sostanziale dei contenuti della documentazione cartacea presuppone che siano definiti i contenuti della stessa ed il suo rapporto con il modello digitale. In particolare, nel caso in cui la documentazione cartacea venga derivata dal modello, andranno individuati esattamente nel contratto i contenuti del modello (tutti? una parte?) che dovranno essere riprodotti sul tradizionale supporto.

Tali contenuti dovranno essere definiti in funzione delle esigenze del Committente e in base alle possibilità tecniche di effettivo trasferimento su supporto tradizionale del modello digitale. La verifica del tempo di consegna della documentazione cartacea non si discosta dall’esperienza in questo campo sin qui sviluppata nei tradizionali appalti. Si tratta di una mera verifica della corrispondenza tra la data di materiale consegna effettuata dall’Appaltatore ed il termine contrattuale.

Il modello digitale

Partiamo, con riferimento al modello, dalla parte sostanziale: i contenuti del modello sono fissati, come più volte si è avuto modo di dire, nel Piano di Gestione Informativa contrattuale. Il modello, innanzitutto, potrà dirsi effettivamente consegnato se risponde ai requisiti informativi fissati in detto documento.

La verifica di rispondenza costituisce un’attività preminentemente tecnica.

Dato per inteso “cosa” deve essere prodotto, a questo punto andrà stabilito il momento di consegna del modello (quando). A questo riguardo assume carattere dirimente la strutturazione di un adeguato ambiente di condivisione dei dati, che – ai fini della definizione dell’adempimento – dovrà consentire che l’upload del modello sia certificato nel suo momento temporale di esecuzione. Così da definire in modo univoco quando le attività sono eseguite e quando sono completate.

Soprattutto nella fase di progressiva introduzione del BIM e nelle more dello sviluppo di piattaforme completamente autonome nelle modalità di informazione e comunicazione tra Committente e Appaltatore, potrà essere previsto che ogni attività di upload da parte dell’Appaltatore rilevante ai fini dell’adempimento contrattuale sia comunicata al Committente secondo certe formalità (i.e., a titolo esemplificativo, PEC).

Dovrà essere altresì individuato il soggetto facente parte dell’organizzazione dell’Appaltatore competente ad effettuare la comunicazione in questione. Dovrà essere un soggetto dotato – quantomeno in forza della individuazione effettuata dal contratto – del potere di impegnare l’Appaltatore, stante appunto la rilevanza ai fini dell’adempimento della sua comunicazione.

Nel descritto contesto occorre dedicare particolare attenzione ad un ulteriore aspetto: quello della interoperabilità. In altri termini, i sistemi utilizzati da Appaltatore e Committente devono essere effettivamente in grado di comunicare digitalmente. Altrimenti, si determina una paralisi del processo di consegna e di adempimento, con evidenti ritardi e pregiudizi. L’individuazione dell’esatto adempimento, nel complessivo significato sopra esposto, risulta un’attività indispensabile.

Difatti essa è rilevante sotto molteplici profili, sia nella fisiologia del rapporto che negli aspetti patologici, quali:

  • il pagamento delle prestazioni: stante la nuova complessità della gestione digitale dei processi informativi e dei relativi sistemi, risulta necessario collegare espressamente i pagamenti dei corrispettivi (parziali e a saldo) anche all’esito positivo delle verifiche sul modello, da effettuarsi in relazione alla conformità dello stesso rispetto alle regole contrattuali e in particolare a quelle del Piano di Gestione Informativa;
  • l’applicazione delle penali, sia che esse riguardino il ritardo rispetto al termine di consegna sia che attengano a carenze qualitative della prestazione BIM;
  • la formulazione da parte del Committente di diffide ad adempiere;
  • l’eventuale risoluzione del contratto per inadempimento dell’Appaltatore.
Non perderti: Dal BIM al BEM. La tecnologia 6D-BIM per le previsioni energetiche

L’attività di verifica del modello consegnato da parte del Committente – fermi restando gli obblighi e le procedure di legge in caso di appalti pubblici – potrà essere svolta autonomamente dallo stesso, eventualmente con il supporto di consulenze esterne, e nel caso anche mediante il coinvolgimento dell’Appaltatore. Quest’ultima soluzione potrà essere prevista nei documenti contrattuali come una facoltà del Committente e in tale sede opportunamente regolamentata.

A tal fine potranno essere previsti:

  • l’esame in contraddittorio del modello e della documentazione cartacea tra Committente e Appaltatore;
  • lo svolgimento delle attività in questione, da parte di Appaltatore e Committente, congiuntamente in un luogo determinato oppure in modalità remota, anche attraverso l’accesso contemporaneo, ove possibile, al modello ed ai dati della piattaforma.

L’attività di verifica da parte del Committente potrà essere declinata a livello contrattuale, stabilendo:

  • i tempi in cui dovrà essere eseguita;
  • la facoltà del Committente di richiedere chiarimenti, modifiche e integrazioni del modello, finalizzate a rendere quanto consegnato coerente con i requisiti fissati nel Piano di Gestione Informativa;
  • il termine entro il quale l’Appaltatore deve rispondere alle richieste del Committente;
  • le conseguenze contrattuali nel caso in cui l’Appaltatore non adempia alle richieste del Committente.

Gli autori del testo sono Andrea Versolato, Angelo Rota, Mario Caputi.

Continua a leggere dall’ebook:

IL CONTRATTO BIM

IL CONTRATTO BIM


Andrea Versolato, Angelo Rota, Mario Caputi , 2019, Maggioli Editore

L’ebook “Il Contratto Bim - Tematiche e regole contrattuali per appalti eseguiti con la metodologia Bim” è un percorso che accompagna il lettore nella contrattualizzazione BIM: si inizia dalle norme e dal loro commento e si prosegue nella concreta regolamentazione d’appalto, con il...


19,90 € Acquista

su www.maggiolieditore.it


 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *