Contabilizzazione del Calore: presto le modifiche alla UNI 10200

A seguito della pubblicazione della UNI 10200 (14 febbraio 2013), norma sulla ripartizione delle spese di climatizzazione invernale e di acqua calda sanitaria, il CTI ha indetto una riunione preliminare del GL 803 Contabilizzazione del calore, per approfondire le criticità emerse dall’applicazione della norma.

 

In tal senso i corsi di formazione CTI, basati proprio sulla UNI 10200, hanno dato modo di raccogliere le difficoltà applicative riscontate dagli esperti del settore.


Questo lavoro, attualmente in atto, porterà all’elaborazione di un documento – che dovrà necessariamente essere approvato dal GL 803 – che modificherà l’attuale testo della UNI 10200 col fine di risolvere le incongruenze rilevate. Ai fini di una maggiore diffusione della norma su tutto il territorio nazionale, il CTI sta inoltre valutando la possibilità di organizzare uno o più eventi pubblici in collaborazione con istituzioni e associazioni.

 

Insieme alla UNI 10200 è stata pubblicata anche la UNI 9019, norma sui totalizzatori di zona termica e/o unità immobiliare, sviluppata dal GL 803/SG 03 che, oggi, è impegnato nella revisione della UNI/TR 11388 sui sistemi di ripartizione delle spese di climatizzazione invernale utilizzante valvole di corpo scaldante e totalizzatore dei tempi di inserzione. In particolare, l’attività di revisione prevede la conversione del rapporto tecnico (UNI/TR) in norma tecnica (UNI).

 

Inoltre, su richiesta delle aziende promotrici della revisione e stesura delle UNI 9019 e UNI/TR 11388, il CTI e il GL dovranno valutare la proposta di elevare la norma tecnica nazionale (nata da un eventuale merge tra le due norme) a norma tecnica europea (CEN), dal momento che in Europa le prospettive di mercato sembrano essere molto interessanti a causa della mancanza di norme specifiche sui sistemi indiretti basati sui totalizzatori dei tempi di inserzione.

 

Per quanto concerne invece le attività normative in ambito CEN, i lavori in seno al CEN/TC 176/ WG 2 sui contatori di calore (revisione della parte 6 della EN 1434 Installazione, messa in servizio, controllo e manutenzione) destano particolare interesse poiché, nelle bozze della UNI 10200 precedenti alla pubblicazione, era inclusa un appendice, poi stralciata, dedicata proprio ai contatori di calore.

 

Si ripresenta pertanto la necessità di risolvere, dal punto di vista normativo, alcuni aspetti, quali ad esempio la verifica periodica dei dispositivi, anche a causa del mancato recepimento italiano della Direttiva MID. In tal senso, si rinnova l’impegno del CTI nel monitorare le future ed eventuali attività legislative in merito anche al recepimento, tramite decreto, della direttiva 2012/27/CE, che si esprime sull’adozione della contabilizzazione del calore e sulla ripartizione delle spese. Il GL è stato inoltre impegnato nelle attività del WG 1 del CEN/TC 171 relative alla stesura della EN 834 sui ripartitori, che sarà pubblicata entro la fine del 2013.


Articolo di Mattia Merlini (merlini@cti2000.it). Il presente articolo è tratto da Energia & Dintorni (ottobre 2013), Rivista del Comitato Termotecnico Italiano.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico