Consolidamento delle fondazioni: i test d’iniezione con resina Uretek Geoplus

Il metodo Deep Injections® per il consolidamento e l’aumento della capacità portante del terreno sottostante le fondazioni con l’ausilio di resine espandenti è stato sviluppato e brevettato dalla società Uretek srl.

 

Il materiale d’iniezione Uretek Geoplus®, già impiegato con successo in numerosi paesi europei, è stato testato nel 2009 dall’Austrian Institute of Technology GmbH che ha condotto prove su larga scala.

 

L’iniezione
Il prodotto e il metodo in oggetto si definiscono a iniezione con compressione del terreno di fondazione (permeazione/fratturazione idraulica).

 

Parametri e criteri
La pressione di espansione della miscela bifase è pari a 10.000 kPa e diminuisce con l’aumentare del grado di espansione, fino a raggiungere uno stato di equilibrio nel terreno.

 

La resistenza meccanica della resina espansa e indurita è funzione del grado di espansione. Per pesi specifici compresi tra 0,5 e 3,3 kN/m3 sono stati determinati valori di resistenza da 0,2 a 6,0 MPa.

 

Stabilità nel tempo: Uretek fornisce una garanzia assicurativa per la durata di dieci anni sugli interventi d’iniezione eseguiti. Anni di esperienza dimostrano tuttavia che il materiale iniettato resiste ben oltre questo lasso di tempo.

 

Aspetti ambientali: vari istituti internazionali tra cui l’Università di Padova hanno certificato che “Se un sito non inquinato all’origine viene trattato con resina Uretek Geoplus®, rimane non inquinato“.

 

Le prove d’iniezione su larga scala sono state condotte in presenza di condizioni al contorno ben definite e riproducibili per assicurare la comparabilità dei risultati.

 

1. I risultati delle prove di carico evidenziano con chiarezza l’effetto positivo della resina Geoplus® sul comportamento di deformazione e sulla capacità portante dei tipi di suolo oggetto d’indagine.

 

2. Nei terreni non coesivi (calcare di Leitha), con l’iniezione si è potuta ottenere una netta riduzione degli assestamenti indotti dalla prova di carico. L’osservazione dell’area d’iniezione rivela che il materiale ha completamente permeato i vuoti e il terreno trattato ha le caratteristiche di un conglomerato.

 

3. Nei terreni di natura coesiva (tegel, löss), l’iniezione ha ridotto nettamente gli assestamenti indotti dalla prova di carico. Inoltre anche la capacità portante risulta decisamente migliorata. La resina ha formato nel tegel un fitto reticolo di lame che ha compattato e irrobustito il terreno in prossimità delle lame.

 

4. Nel terreno di löss non iniettato, la capacità portante limite è raggiunta fin dai primi cicli di carico. Dopo l’iniezione, invece, si può applicare un carico fino a 100 kN/m2 con assestamenti ancora accettabili: ciò significa un netto aumento della capacità portante e al contempo la riduzione degli assestamenti risultanti.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico