Consolidamento fondazioni, l’intervento Kappazeta sulla tribuna dello Stadio Pampilhosa da Serra – Portogallo

Kappazeta ha realizzato le opere di consolidamento delle fondazioni impiegando una innovativa tecnologia di micropalificazione con il sistema GEOUP®, presso lo Stadio Municipale di Pampilhosa da Serra in Portogallo.

 

Il dissesto affrontato
Il fabbricato in oggetto è costituito da una tribuna in cemento armato, gettata in opera con una copertura metallica.

 

La struttura è realizzata su una platea di fondazione di spessore 20 cm ed ispessimento localizzato di ulteriori 15 cm, in corrispondenza dei pilastri in c.a., di dimensione variabile da 25×20 a 25×50 cm, a sostegno degli spalti.

 

Subito dopo la costruzione l’ala sud della tribuna ha cominciato a cedere con un movimento lento ma progressivo; cedimenti che si sono aggravati fino a raggiungere i 20 cm nella parte terminale.

 

Il campo cittadino è sito  su un versante mediamente acclive che è il frutto di uno sterro eseguito nell’area Nord dell’impianto e del consecutivo riporto di quanto scavato nell’area meridionale, al fine di realizzare il piano del campo da gioco ed il piano di posa della fondazione della tribuna.

 

La campagna geognostica ha evidenziato come il riporto sia costituito prevalentemente da frammenti rocciosi e la sua potenza al di sotto della parte terminale Sud della tribuna si attesti intorno ai 7,5 m.

 

Al di sotto di questo strato riportato si ha la coltre di copertura originaria dell’orizzonte roccioso di base. Lo spessore della copertura risulta di almeno 8 m e la sua costituzione prevalentemente argillosa, organica superficialmente e a compattezza via via crescente con l’aumentare della profondità. In particolare, al di sotto della parte terminale della tribuna la porzione superficiale di copertura meno consistente presenta una potenza decisamente superiore rispetto alla zona mediana.

 

Il cedimento differenziale verificatosi è stato quindi determinato dalla consolidazione del riporto e della parte superficiale di copertura, sotto l’azione del sovraccarico determinato dalla sovrastruttura e dal riporto stesso. Naturalmente il valore più alto di cedimento si è rilevato in corrispondenza della parte terminale Sud della struttura dove l’altezza del riporto e della copertura meno consistente raggiunge il valore massimo.

 

Il consolidamento
Kappazeta è stata incaricata di consolidare l’intera tribuna al fine di ottenere la sua stabilizzazione ed evitare il proseguo dei cedimenti differenziali della struttura. Studiata la problematica nel complesso si è optato, in accordo con i tecnici del Committente, per la realizzazione di micropali speciali tipo GEOUP®  infissi grazie all’utilizzo di martinetti  idraulici facilmente trasportabili anche all’interno ed in spazi ridotti.

 

Il consolidamento delle fondazioni  ha interessato 28 pilastri con carichi alla base compresi tra 18 e 51 t ed ha richiesto complessivamente l’installazione di 55 pali GEOUP® infissi fino alla profondità di 12 metri circa.

 

Ciascun palo è stato installato attraverso la realizzazione di carotaggi diametro 90 mm nella platea di fondazione e fissaggio di una piastra di collegamento alla base del pilastro, su uno dei suoi lati.

 

L’infissione dei pali è proseguita controllando in continuo la forza applicata dai martinetti idraulici fino al raggiungimento del substrato roccioso compatto dove si è avuto per ogni palo l’arresto della penetrazione.

 

La tecnologia
L’utilizzo della tecnica messa a punto da Kappazeta ha permesso di completare il lavoro di consolidamento delle fondazioni in soli otto giorni, senza la necessità di interventi più lunghi ed invasivi.

 

Inoltre raggiunta la profondità di progetto e prima del collegamento finale palo-piastra, è stato possibile, mediante l’uso dei martinetti, precaricare  ogni palo eliminando i cedimenti primari e recuperando anche se solo parzialmente  il cedimento avvenuto, con immediato beneficio per la struttura. Sui pali GEOUP®  sono state inoltre realizzate prove di carico per ciascun micropalo con modalità molto semplici e rapide.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico