Concorsi per 7 tecnici Banca d’Italia. Laurea e diploma i titoli richiesti

Concorsi per 7 tecnici Banca d’Italia. Laurea e diploma i titoli richiesti

Pubblicato in Gazzetta martedì 23 aprile 2019, il bando per i concorsi pubblici aventi come oggetto l’assunzione di figure esperte dal profilo tecnico, presso la Banca d’Italia.

Nello specifico, l’istituto è alla ricerca di 7 tecnici Banca d’Italia da assumere presso il Servizio Immobili di Roma o Frascati (Centro Donato Menichella) per l’attività di progettazione, ristrutturazione e manutenzione del patrimonio immobiliare della Banca d’Italia.

La domanda di partecipazione deve essere presentata entro le ore 16.00 del 24 maggio 2019, attraverso il sito istituzionale.

I 7 tecnici Banca d’Italia ricercati sono:

A – n. 2 laureati (Esperti – profilo tecnico) con esperienza nel campo della progettazione architettonica, restauro e direzione lavori;

B – n. 1 laureato (Esperto – profilo tecnico) con esperienza nel campo dell’ingegneria edile e direzione lavori;

C – n. 2 laureati (Esperti – profilo tecnico) con esperienza nel campo della progettazione di impianti meccanici e direzione lavori;

D – n. 1 diplomato (Assistente – profilo tecnico) con esperienza nel campo edile;

E – n. 1 diplomato (Assistente – profilo tecnico) con esperienza nel campo dell’impiantistica meccanica.

Quali titoli ed esperienze sono richiesti per i 7 tecnici Banca d’Italia ?

Per ciascun concorso sono richiesti specifici titoli ed esperienze lavorative post laurea o diploma, di almeno due anni maturate in attività di lavoro dipendente o autonomo, vediamo quali:

  • per il concorso A: abilitazione alla professione di architetto (Sezione A del relativo Albo professionale); laurea magistrale/specialistica richiesta per l’abilitazione di cui al punto precedente, conseguita con un voto di almeno 105/110 o 96/100; esperienza lavorativa, documentabile nel campo della progettazione architettonica e direzione lavori di interventi di ristrutturazione, restauro, manutenzione e arredamento di edifici del terziario avanzato;
  • per il concorso B: abilitazione alla professione di ingegnere (Sezione A, settore Civile-ambientale del relativo Albo professionale); laurea magistrale/specialistica richiesta per l’abilitazione di cui al punto precedente, conseguita con un voto di almeno 105/110 o 96/100; esperienza lavorativa, documentabile nel campo della progettazione e direzione lavori per l’esecuzione di opere civili di costruzione, riqualificazione e manutenzione di edifici del terziario avanzato;
  • per il concorso C: abilitazione alla professione di ingegnere (Sezione A, settore Industriale del relativo Albo professionale); laurea magistrale/specialistica richiesta per l’abilitazione di cui al punto precedente, conseguita con un voto di almeno 105/110 o 96/100; esperienza lavorativa, documentabile nel campo della progettazione, direzione lavori e manutenzione di impianti meccanici in edifici del terziario avanzato;
  • per il concorso D: diploma di istituto tecnico, settore tecnologico, con indirizzo Costruzioni, ambiente e territorio, conseguito con un voto di almeno  80/100 o titolo di studio equipollente, con votazione equivalente o, in alternativa, diploma di istruzione secondaria di secondo grado,  conseguito con un voto di almeno  80/100 o 48/60 e iscrizione all’Albo dei Geometri e Geometri laureati; esperienza lavorativa documentabile, maturata dopo il conseguimento del  diploma di cui al punto precedente e comunque successivamente al 31 dicembre 2013, nel campo del supporto alla progettazione e alla  direzione lavori per l’esecuzione di opere civili in edifici del terziario avanzato o industriali, incluse le pratiche estimative e il rilievo di beni immobili;
  • per il concorso E: diploma di istituto tecnico, settore tecnologico, con indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia, conseguito con un voto di almeno 80/100 o titolo di studio equipollente, con votazione equivalente; esperienza lavorativa documentabile della durata di almeno due anni, maturata dopo il conseguimento del diploma di cui al punto precedente e comunque successivamente al 31 dicembre 2013, nel campo del supporto alla progettazione, installazione e gestione di impianti meccanici (riscaldamento, condizionamento, idrico, antincendio) in edifici del terziario avanzato o industriali.

All’interno del bando, relativamente ai 7 tecnici Banca d’Italia, è chiaramente specificato che è consentita la partecipazione a uno solo dei concorsi.

Quali prove sono previste per gli aspiranti 7 tecnici Banca d’Italia ? 

Le prove consistono in una prova scritta ed una prova orale sulle materie sotto indicate e si svolgono a Roma.

Nello specifico per i concorsi A, B e C: la prova scritta prevede lo svolgimento di un elaborato progettuale consistente in una relazione tecnica, eventualmente corredata da schemi grafici a mano libera, o nell’analisi critica di un caso di studio riguardante un intervento sul patrimonio immobiliare e di un breve elaborato in lingua inglese, su argomenti di attualità.

Per i concorsi D e E: la prova scritta consiste nella formulazione di risposte sintetiche a quesiti, anche a contenuto progettuale, riguardanti le materie del programma d’esame.

Per tutti i concorsi, i candidati 7 tecnici Banca d’Italia che superano la prova scritta vengono ammessi a sostenere una prova orale consistente in un colloquio sulle materie sotto indicate e in una conversazione in lingua inglese.

Tutte le informazioni sugli ammessi alle prove ed i risultati delle prove vengono indicati sul sito istituzionale della Banca d’Italia.

Leggi anche: Concorsi per 23 istruttori direttivi Brescia. Assunzioni a tempo indeterminato

Su quali materie è necessario prepararsi?

Tra le materie oggetto di ciascun concorso, per i 7 tecnici Banca d’Italia, sono previste quelle sotto elencate.

Concorso A: ristrutturazione, riqualificazione e manutenzione di edifici del terziario, con particolare riguardo agli edifici storici e soggetti a tutela; tecniche di restauro architettonico, valutazione delle tipologie strutturali e dei materiali; progettazione eco-sostenibile ed energeticamente efficiente; valutazione tecnico-economica ed analisi costi-benefici e verifica di progetti; elementi di impiantistica per l’edilizia e relative tecniche di manutenzione; architettura d’interni e arredamento per edifici del terziario; metodi e strumenti  informatici di rilievo, disegno e modellazione per l’edilizia; normativa in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro;

Concorso B: ristrutturazione, riqualificazione e manutenzione di edifici del terziario, con particolare riguardo agli aspetti edili e strutturali; organizzazione del cantiere e conduzione dei lavori, anche con riferimento alla sicurezza nei cantieri; aspetti di manutenzione degli edifici; scienza e tecnica delle costruzioni, restauro e  consolidamento delle strutture; geotecnica e tecnica delle fondazioni; tecnologia dei materiali da costruzione; elementi di impiantistica per l’edilizia e relative tecniche di manutenzione; gestione   digitale   dei   processi informativi delle costruzioni; normativa in materia di tutela della salute e  della  sicurezza nei luoghi di lavoro, anche con riferimento ai cantieri; normative urbanistiche ed edilizie, dei beni  culturali  e  del paesaggio.

Concorso C: ristrutturazione, riqualificazione e manutenzione di edifici del terziario, con particolare riguardo agli impianti meccanici ed all’efficientamento energetico del sistema edificio-impianti; energy management e gestione della conduzione e manutenzione degli impianti meccanici; organizzazione del cantiere e conduzione dei lavori; fisica tecnica, macchine; norme tecniche di progettazione e realizzazione di impianti meccanici; prevenzione incendi e progettazione idraulica antincendio; architettura dei sistemi informatici per la supervisione e la conduzione degli impianti tecnologici.

Concorso D: progettazione, realizzazione e manutenzione di interventi edili, anche con riferimento alle strutture, in edifici destinati ad uffici o in stabilimenti industriali, avendo a riferimento le normative di salute e sicurezza sul lavoro, di prevenzione  incendi, la legislazione in materia di contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, le normative sul contenimento dei consumi energetici e  le normative urbanistiche ed edilizie; programmazione dei lavori con tecniche di project management; preventivazione, contabilizzazione delle opere e direzione lavori negli appalti pubblici; estimo e due diligence immobiliare; elementi di costruzioni e tecnologia delle costruzioni e dei materiali; principi e soluzioni per il contenimento dei consumi energetici; elementi di BIM (Building Information Modeling); estimo e due diligence immobiliare.

Concorso E: progettazione, installazione, gestione e manutenzione di impianti tecnologici, con particolare riferimento a quelli termici, di condizionamento dell’aria, idrici e di supervisione e telecontrollo in edifici destinati ad uffici o industriali; elementi di meccanica, macchine e tecnologia generale; contenimento dei  consumi  energetici  e  utilizzo  di  fonti rinnovabili di energia: principi e tecnologie; fondamenti di psicrometria e comfort termoigrometrico; progettazione (CAD) e contabilità dei lavori e  delle  attività  di manutenzione degli impianti tecnologici; cenni  sull’architettura  dei  sistemi  informatici  per   la conduzione e supervisione di impianti tecnologici in grandi complessi del terziario.

Per maggiori informazioni consulta il bando.

Per la preparazione al concorso si consiglia:

0

 

I contenuti a cura della redazione di www.ingegneri.cc sono elaborati e visionati da Simona Conte, Giulia Gnola, Daniel Scardina, Gloria Alberti. Gli approfondimenti tecnici si rivolgono ad un pubblico di professionisti che intende restare aggiornato sulle novità di settore.

Potrebbero interessarti anche