Concorsi 23 istruttori direttivi Brescia. Assunzioni a tempo indeterminato

Concorsi per 23 istruttori direttivi Brescia. Assunzioni a tempo indeterminato

23 istruttori direttivi Brescia

I posti per i 23 istruttori direttivi Brescia, messi a concorso dal comune lombardo, rientrano nella categoria D e non fanno parte di un’unica procedura concorsuale.

Difatti l’Ente ha attivato tre concorsi con l’obiettivo di assumere a tempo indeterminato figure dal profilo tecnico. Per le tre procedure è stato fissato come termine ultimo di presentazione delle domande il 20 maggio 2019. La domanda di partecipazione al concorso dovrà essere presentata esclusivamente per via telematica sul sito istituzionale del Comune di Brescia.

L’Ente ha pubblicato tre bandi, ciascuno dei quali in riferimento a differenti ambiti:

  • concorso pubblico per 13 Istruttori Direttivi Tecnici (cat. D) per l’ambito opere pubbliche-impiantistica;
  • concorso pubblico per 7 Istruttori Direttivi Tecnici (cat. D) per l’ambito gestione del territorio;
  • concorso pubblico per  3 Istruttori Direttivi Tecnici (cat. D) per l’ambito ambiente.

Le assunzioni dei vincitori avverranno negli anni 2019, 2020 e 2021 e comunque potranno essere effettuate entro tre anni dall’approvazione della graduatoria finale.

Vediamo nel dettaglio quali sono i requisiti richiesti da ciascun bando e quali prove sono previste per gli aspiranti 23 istruttori direttivi Brescia.

Concorsi 23 istruttori direttivi Brescia .Quali sono le mansioni richieste?

All’interno dei tre bandi, vengono dettagliate le mansioni che i 23 istruttori direttivi Brescia, dovranno svolgere nei differenti ambiti. Attività di ricerca, acquisizione, elaborazione ed illustrazione di dati e norme tecniche tra i principali compiti richiesti, ed in particolare la figura dell’istruttore direttivo tecnico:

  • imposta elaborati tecnici, grafici o tecnico-amministrativi;
  • propone interventi manutentivi, collabora alla progettazione di opere, o ne progetta direttamente;
  • esprime pareri tecnici sulle materie di competenza;
  • può essere incaricato della direzione lavori e della responsabilità dei procedimenti;
  • nell’espletamento delle attività di controllo effettua sopralluoghi di cantieri, fabbriche ed aree pubbliche;
  • possiede elevate conoscenze plurispecialistiche ed un grado di esperienza pluriennale, con frequente necessità di aggiornamento;
  • può coordinare l’attività di altro personale inquadrato nelle posizioni inferiori;
  • le attività possono essere caratterizzate da elevata complessità dei problemi da affrontare basata su modelli teorici non immediatamente utilizzabili ed elevata ampiezza delle soluzioni possibili;
  • mantiene relazioni organizzative interne di natura negoziale e complessa, gestite anche tra unità organizzative diverse da quelle di appartenenza, e relazioni esterne (con altre istituzioni) di tipo diretto. Le relazioni con gli utenti sono di natura diretta, anche complessa, e negoziale.

Quali sono i titoli di studio richiesti per i concorsi per i 23 istruttori direttivi Brescia?

Vediamo per ciascun bando quali sono i necessari titoli dei quali essere in possesso per poter partecipare.

Per i 13 istruttori direttivi (cat. D) opere pubbliche-impiantistiche

È necessario essere in possesso di uno dei seguenti titoli di studio:

  • lauree triennali: Ingegneria civile e ambientale (L-7); Ingegneria Industriale (L-9); Scienze dell’Architettura (L-17); Scienze e tecniche dell’Edilizia (L-23);
  • lauree magistrali: Ingegneria Civile (LM-23); Ingegneria dei sistemi edilizi (LM24); Architettura del Paesaggio (LM-3); Architettura e ingegneria edile-architettura (LM-4); Ingegneria elettrica (LM-28); Ingegneria della sicurezza (LM-26); Ingegneria dell’automazione (LM-25); Ingegneria elettronica (LM-29).

Inoltre è richiesto il possesso di abilitazione all’esercizio della professione relativa al diploma di laurea.

Per i 7 istruttori Direttivi Tecnici (cat. D) per l’ambito gestione del territorio

È necessario essere in possesso di uno dei seguenti titoli di studio:

  • lauree triennali: Scienze dell’architettura (L-17); Scienze della pianificazione territoriale, urbanistica, paesaggistica a ambientale (L-21); Ingegneria civile e ambientale (L-7); Scienze e tecniche dell’Edilizia (L-23);
  • lauree magistrali: Ingegneria per l’Ambiente ed il Territorio (LM-35); Architettura del paesaggio (LM-3); Architettura e ingegneria edile-architettura (LM-4); Pianificazione territoriale urbanistica e ambientale (LM-48); Ingegneria civile (LM23); Ingegneria dei sistemi edilizi (LM-24).

Inoltre è richiesto il possesso di abilitazione all’esercizio della professione relativa al diploma di laurea.

Per i 3 Istruttori Direttivi Tecnici (cat. D) per l’ambito ambiente

È necessario essere in possesso di uno dei seguenti titoli di studio:

  • lauree triennali: Ingegneria Civile e Ambientale (L-7), Scienze Geologiche (L-34), Scienze e Tecnologie Agrarie e Forestali (L-25), Scienze e tecnologie agroalimentari (L-26), Scienze e tecnologie fisiche (L-30), Scienze e Tecnologie per l’Ambiente e la natura (L-32); Scienze dell’architettura (L-17);
  • lauree magistrali: Biotecnologie Agrarie (LM-7), Fisica (LM-17), Ingegneria per l’Ambiente ed il Territorio (LM-35), Scienze e tecnologie Agrarie (LM-69), Scienze e Tecnologie per l’ambiente ed il territorio (LM-75), Scienze e Tecnologie forestali ed ambientali (LM-73), Scienze e Tecnologie geologiche (LM-74), Scienze Geofisiche (LM-79), Scienze della Natura (LM-60); Architettura del paesaggio (LM-3); Architettura e ingegneria edile-architettura (LM-4).

I titoli sopra elencati, dovranno essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito per la presentazione delle domande di ammissione.

Leggi anche: 28 istruttori tecnici Genova. Bandito il concorso per nuove assunzioni

Quali prove sono previste per i concorsi 23 istruttori direttivi Brescia?

La selezione dei candidati ai concorsi per i 23 istruttori direttivi Brescia sarà effettuata da una apposita Commissione esaminatrice sulla base di due prove scritte a contenuto teorico-pratico ed una prova orale, così strutturate:

  1. prima prova scritta – consisterà nella somministrazione di una serie di quesiti a risposta chiusa o aperta;
  2. seconda prova scritta – consisterà nella redazione di un elaborato relativo ad un progetto tecnico;
  3. prova orale – consistente in un colloquio individuale con accertamento della conoscenza della lingua inglese e della capacità di utilizzo delle applicazioni informatiche maggiormente impiegate negli uffici comunali.

Il superamento di ciascuna prova d’esame è subordinato al raggiungimento di un punteggio minimo non inferiore a 21/30. Il mancato superamento di una prova preclude automaticamente l’ammissione del candidato a quella successiva.

Quali sono le materie d’esame e come prepararsi ai concorsi 23 istruttori direttivi Brescia?

Le nozioni generali sull’ordinamento degli Enti Locali (D.Lgs. n. 267/2000) e sul rapporto di pubblico impiego sono materie comuni ai tre concorsi per i 23 istruttori direttivi Brescia, mentre materie specifiche sono previste in ciascun bando in base all’ambito.

Per i 13 istruttori direttivi (cat. D) opere pubbliche-impiantistiche tra le materie di interesse vi sono: normativa in materia di progettazione e conduzione di impianti termici, di condizionamento, idro-sanitari, elettrici e antincendio; programmazione, progettazione, esecuzione di opere pubbliche; progetto di un’opera impiantistica pubblica: procedure, elaborati, allegati; capitolato generale di appalto, capitolato speciale e analisi dei prezzi; la pratica tecnico-amministrativa nella condotta delle opere pubbliche: tenuta dei documenti contabili; normativa in materia di efficienza energetica edilizia; legislazione in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro; materiali da costruzione per opere pubbliche di qualsiasi natura, dalla canalizzazione fognaria al giardino pubblico e sino all’edificio in struttura.

Per i 7 istruttori direttivi Tecnici (cat. D) gestione del territorio, rientrano tra le materie di interesse: normativa nazionale e regionale in materia di pianificazione urbanistica e territoriale, di edilizia, di valutazione di sostenibilità ambientale e territoriale degli strumenti urbanistici; normativa sullo Sportello unico attività produttive (dpr 160/2010); valutazione degli effetti delle trasformazioni sul territorio, con particolare riferimento ai contenuti di Vas e VIA dlgs 152; norme per l’abbattimento delle barriere architettoniche (legislazione nazionale e regionale); norme sulla tutela dei beni culturali e paesaggistici; norme sulla prevenzione antisismica; elementi sui sistemi informativi: gestione dei dati e produzione dell’informazione; i database relazionali; i GIS.

Per i 3 Istruttori Direttivi Tecnici (cat. D) ambiente tra le materie oggetto d’esame vi sono: D.Lgs. 152/2006 (Norme in materia ambientale); tematiche inerenti gli agenti fisici di inquinamento ambientale (acustico, elettromagnetico, luminoso): inquadramento normativo e misure strumentali; normative e linee guida internazionali, comunitarie, nazionali e regionali relative allo sviluppo sostenibile; nozioni in campo agronomico per quanto attiene la gestione del verde pubblico; nozioni in merito alla gestione dei parchi pubblici di carattere sovracomunale; nozioni in materia di appalti e contratti pubblici.

Consulta il bando 13 istruttori direttivi (cat. D) opere pubbliche-impiantistiche

Consulta il bando 7 istruttori direttivi Tecnici (cat. D) gestione del territorio

Consulta il bando 3 Istruttori direttivi Tecnici (cat. D) ambiente

Per la preparazione consigliamo:

Il concorso per istruttore e istruttore direttivo

Il concorso per istruttore e istruttore direttivo


Stefano Bertuzzi , 2018, Maggioli Editore

Una guida chiara, esauriente e aggiornata per i partecipanti ai con- corsi indetti dagli Enti locali per la copertura del ruolo di Istruttore e Istruttore direttivo nell’Area Tecnica. Il volume riassume, infatti, tutti gli argomenti oggetto della fase selettiva scritta e orale previsti dai...


39,00 € 33,15 € Acquista

su www.maggiolieditore.it


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *