Competenza e varietà di indirizzi: ingegneria si conferma la laurea top

Competenza e varietà di indirizzi: ingegneria si conferma la laurea top

Un balzo nel futuro delle professioni: tra quelle ingegneristiche non si può non fare riferimento ai differenti orientamenti presenti, che fanno della laurea in ingegneria uno dei canali più multiformi ed interessanti da attraversare per un’ottima e proficua qualificazione nel mondo del lavoro. Ingegneria aerospaziale, energetica, dell’automazione, della produzione industriale: sono 20 gli indirizzi per chi vuole diventare ingegnere, una varietà di scelta molto ampia.

“Tutte le università di recente hanno riorganizzato i corsi di laurea – spiega sulle pagine di Repubblica Giampio Bracchi, professore emerito della Fondazione Politecnico di Milano – per distinguersi dalla concorrenza, soprattutto se parliamo di piccole università che devono competere con quelle più rinomate. Ma l’importante non è la grandezza di un ateneo, quanto il fatto che disponga di laboratori ben attrezzati, perché le lezioni pratiche sono fondamentali”.

Analizzando i dati di AlmaLaurea relativi al 2015, il 93,8% degli ingegneri a cinque anni dalla laurea ha un lavoro. Quindi è facile essere assunti nel nostro Paese? La risposta del prof. Bracchi è senz’altro positiva: “Al Nord e Centro Italia senza alcun dubbio, mentre le difficoltà aumentano al Sud. Inoltre, un ingegnere biomedico può benissimo andare a lavorare società non strettamente connesse con la sua specializzazione: la maggior parte degli ingegneri sono intercambiabili”.

Leggi anche l’articolo Ingegneri al lavoro: tutte le offerte dal settore automotive.

Ma come sono percepiti i nostri ingegneri dal resto dell’Europa? “Sono molto apprezzati nel mondo industriale – prosegue Bracchi – e a questo proposito il Politecnico, insieme con Assolombarda, da circa sette anni chiede ai propri laureati di valutare la preparazione che hanno ricevuto a due anni dalla laurea”. Quest’ultima è stata giudicata superiore rispetto alle necessità aziendali, mentre gli ingegneri assunti nelle multinazionali hanno lamentato una preparazione non sufficiente riguardo alle nozioni giuridico-normative.

0

I contenuti a cura della redazione di www.ingegneri.cc sono elaborati e visionati da Simona Conte, Giulia Gnola, Daniel Scardina, Gloria Alberti. Gli approfondimenti tecnici si rivolgono ad un pubblico di professionisti che intende restare aggiornato sulle novità di settore.

Potrebbero interessarti anche