Cogenerazione. Prorogati a marzo 2012 gli incentivi alla CAR

Sono stati prorogati al 31 marzo 2012 i termini di presentazione delle domande per gli incentivi a favore della Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR) per gli anni anteriori al 2011. La misura è contenuta nel decreto 25 novembre 2011 del Ministero dello sviluppo economico.

 

È un atto dovuto per una serie di motivi ben precisi”, commenta l’ing. Silvio Rudi Stella, presidente di Italcogen, l’associazione, federata ANIMA, che riunisce i costruttori e i distributori di impianti di cogenerazione e celle a combustibile a livello nazionale.

 

Secondo Stella, infatti, il recente d.m. 5 settembre 2011 che stabilisce il nuovo regime di sostegno per la cogenerazione ad alto rendimento, ha previsto, all’art. 8 comma 4, l’invio della documentazione al GSE, per gli esercizi degli anni precedenti all’anno 2011, entro il 30 novembre 2011.

 

La presenza di una vasta molteplicità di fattispecie operative – derivanti anche dalla mancata pubblicazione delle “Linee guida” per la definizione di alcuni valori per il calcolo dell’indice PES”, continua il presidente di Italcogen, “ha sollevato numerosi interrogativi anche interpretativi che sono oggetto di intensi contatti con il GSE e lo stesso Ministero dello sviluppo che ad oggi non sono totalmente chiariti, come ad esempio il tema di accesso agli incentivi ai sensi dei recenti decreti sulla CAR che richiede approfondimento e chiarimento, dove peraltro l’Associazione chiede una confronto urgente con il GSE e MSE relativo al riconoscimento CAR per l’accesso agli incentivi per le unità entrate in esercizio tra il 1° aprile 1999 ed il 7 marzo 2007 e da quest’ultima al 31 dicembre 2010”.

 

Decreto 25 novembre 2011, Ministero dello sviluppo economico, Proroga  dei termini di presentazione delle domande per l’accesso al regime di sostegno alla cogenerazione ad alto rendimento (CAR)

 

(Riproduzione riservata)


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico