Cogenerazione. Firmato il decreto per la definizione degli incentivi

Cogenerazione. Firmato il decreto per la definizione degli incentivi

Anche per il settore della cogenerazione è stato finalmente definita la disciplina che regola l’accesso agli incentivi statali. Dopo la firma, il 4 agosto scorso, del decreto interministeriale (MSE e MATTM) che ha definito i criteri per il riconoscimento della condizione di alto rendimento per gli impianti di cogenerazione, è stato firmato dal Ministro Romani anche il decreto 5 settembre 2011 sui meccanismi incentivanti, che definisce il nuovo regime di sostegno per la cogenerazione ad alto rendimento, in attuazione dell’articolo 30 della legge 99/2009.

Come si legge in una nota diffusa dal Ministero dello sviluppo economico, il metodo di calcolo degli incentivi sarà omogeneo per tutti gli impianti e commisurato all’effettivo risparmio di energia primaria, che viene definito secondo i nuovi criteri selettivi introdotti dalla direttiva comunitaria 2004/8/CE, applicabili dal 1° gennaio 2011 (leggi anche Cogenerazione. Le novità normative della direttiva 2044/8/Ce).

Il meccanismo incentivante
L’incentivo si basa sul sistema dei Certificati Bianchi, che vengono riconosciuti per un periodo di 10 anni per gli impianti di produzione e di 15 anni per gli impianti abbinati al teleriscaldamento. Al valore base del Certificato Bianco è inoltre applicato un coefficiente (K), differenziato per cinque scaglioni di potenza, per tener conto dei diversi rendimenti medi degli impianti e delle potenzialità di sviluppo della piccola e media cogenerazione.

La misura è cumulabile solo con fondi di garanzia, detassazione e altri contributi in conto capitale, dunque è sostitutivo dell’attuale Certificato Bianco.
La gestione della misura è affidata al GSE, cui l’operatore si rivolgerà per  richiedere la qualificazione come CAR (Cogenerazione ad alto rendimento) e che annualmente riconoscerà all’operatore stesso un incentivo corrispondente agli effettivi risparmi di energia primaria conseguiti e misurati.

Norme specifiche sono infine previste per definire gli incentivi anche per i rifacimenti di impianti esistenti e per gli impianti entrati in esercizio dopo il 1° aprile 1999 e prima del d.lgs. 20/0207, cui spetta un corrispettivo pari al 30% degli incentivi previsti per i nuovi impianti per un periodo di cinque anni, secondo il recente decreto legislativo 28/2011 sulle energie rinnovabili.

Fonte Ministero dello sviluppo economico

 

I contenuti a cura della redazione di www.ingegneri.cc sono elaborati e visionati da Simona Conte, Giulia Gnola, Daniel Scardina, Gloria Alberti. Gli approfondimenti tecnici si rivolgono ad un pubblico di professionisti che intende restare aggiornato sulle novità di settore.

Potrebbero interessarti anche