Classificazione Sars-CoV-2: recepita la Direttiva CE in Gazzetta

Classificazione Sars-CoV-2: recepita la Direttiva CE in Gazzetta

Il virus SARS-CoV-2 attraverso la Direttiva (UE) 2020/739 della Commissione del 3 giugno 2020, che “modifica l’allegato III della direttiva 2000/54/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda l’inserimento del SARS-CoV-2 nell’elenco degli agenti biologici di cui è noto che possono causare malattie infettive nell’uomo e che modifica la direttiva (UE) 2019/1833 della Commissione”, viene identificato nel gruppo 3.

La modifica all’allegato III della direttiva 2000/54/CE, ha comportato l’aggiunta di numerosi agenti biologici, tra cui il Coronavirus della sindrome respiratoria acuta grave (virus SARS) e il Coronavirus della sindrome respiratoria medio-orientale (virus MERS). Di questo ne avevamo già parlato in un articolo dedicato.

Con il Decreto Legge n. 149 del 9 novembre 2020 recante “Ulteriori misure urgenti in materia di tutela della salute, sostegno ai lavoratori e alle imprese e giustizia, connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19, viene recepita la Direttiva Europea e con l’articolo 17 introdotta la sostituzione degli allegati XLVII e XLVIII di cui al decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81.

Ciò significa che SARS-CoV-2 rientra tra gli agenti che possono causare malattie gravi in soggetti umani e che costituiscono un serio rischio per i lavoratori. L’agente biologico di questo tipo può propagarsi nella comunità, ma di norma sono disponibili efficaci misure profilattiche o terapeutiche.

Leggi anche: Isolamento e quarantena Covid-19. Quanto tempo devono durare?

Classificazione Sars-CoV-2: gli allegati TU sicurezza sostituiti

Gli allegati in questione sono:

  • allegato XLVII – INDICAZIONI SU MISURE E LIVELLI DI CONTENIMENTO
  • allegato XLVIII – CONTENIMENTO PER PROCESSI INDUSTRIALI

Entrambi gli allegati sono corredati da tabelle e nell’articolo viene chiarito il termine “raccomandato”, citato in corrispondenza dei Livelli di contenimento. Ciò significa che le misure dovrebbero essere applicate in linea di principio, a meno che i risultati della valutazione del rischio non indichino il contrario.

Nell’allegato XLVII, che cambia il titolo in “INDICAZIONI SU MISURE E LIVELLI DI CONTENIMENTO”, l’elenco delle misure viene suddiviso secondo:

• luogo di lavoro
• impianti
• attrezzature
• sistema di funzionamento
• rifiuti
• altre misure

Inoltre, nello stesso allegato, vengono introdotte le definizioni di:

• HEPA – filtro antiparticolato ad alta efficienza (High Efficiency Particulate Air filter);
• sistema chiuso – un sistema che separa fisicamente il processo dall’ambiente (per esempio vasche di incubazione, serbatoi ecc.);
 airlock/zona filtro – l’accesso deve avvenire attraverso una zona filtro che è un locale isolato dal laboratorio.

Per quanto riguarda l’allegato XLVIII – CONTENIMENTO PER PROCESSI INDUSTRIALI del D.lgs. n.81/2008 viene confermata la distinzione fra Agenti biologici del gruppo 1 e Agenti biologici dei gruppi 2,3,4. In riferimento al Gruppo 1 viene riformulata l’indicazione rispetto dei “principi di buona sicurezza e igiene professionale” per rispetto dei “principi in materia di sicurezza ed igiene del lavoro”. Nella Tabella viene, inoltre, introdotta una sezione “informazioni generali”.

Non perderti: Isolamento e quarantena Covid-19. Quanto tempo devono durare?

Tempi di recepimento rispettati

All’articolo 3 della Direttiva (UE) 2020/739 viene definito il tempo di recepimento fissato al 24 novembre 2020. Nella direttiva (UE) si legge: “alla luce della gravità della pandemia di Covid‐19 a livello mondiale e in considerazione del fatto che ogni lavoratore ha diritto a un ambiente di lavoro sano, sicuro e adeguato, come previsto dal principio 10 del pilastro europeo dei diritti sociali, la presente direttiva dovrebbe prevedere un periodo di recepimento breve. Sulla base di un’ampia consultazione è stato ritenuto appropriato un periodo di recepimento di cinque mesi. Viste le circostanze eccezionali, gli Stati membri sono invitati ad attuare la presente direttiva prima del termine di recepimento, ove possibile”.

I contenuti a cura della redazione di www.ingegneri.cc sono elaborati e visionati da Simona Conte, Giulia Gnola, Daniel Scardina, Gloria Alberti. Gli approfondimenti tecnici si rivolgono ad un pubblico di professionisti che intende restare aggiornato sulle novità di settore.