Circolare NTC 2018 pubblicata. Contenuti e cronistoria del documento

Circolare NTC 2018 pubblicata in Gazzetta. Contenuti e cronistoria del documento

Circolare NTC 2018 pubblicata

Circolare NTC 2018 pubblicata! La Gazzetta Ufficiale Serie Generale n.35 dell’11 febbraio 2019 – Supplemento ordinario, contiene il documento tanto atteso dai tecnici progettisti: CIRCOLARE 21 gennaio 2019, n. 7 C.S.LL.PP – Istruzioni per l’applicazione dell’«Aggiornamento delle “Norme tecniche per le costruzioni”» di cui al decreto ministeriale 17 gennaio 2018.

A detta del presidente del Consiglio superiore dei lavori pubblici: “la circolare mette in evidenza il percorso interpretativo e applicativo più semplice e più evidente possibile delle norme tecniche, eliminando le diverse possibilità di interpretazione della normativa”. La dichiarazione è stata rilasciata da Carlea al quotidiano del Sole 24 Ore, Edilizia e Territorio qualche giorno prima della pubblicazione in Gazzetta.

Un lungo periodo di attesa quello preceduto dalla sua pubblicazione, durante il quale c’è stato il cambio di Governo e l’avvicendamento di Donato Carlea a Massimo Sessa nella presidenza del Consiglio Superiore. Eventi che molto probabilmente hanno inciso sulle tempistiche di revisione e rilascio della Circolare NTC 2018 pubblicata.

La cronistoria della Circolare NTC 2018 pubblicata

Per arrivare ad oggi, sono stati diversi i passaggi seguiti, vediamo insieme la cronistoria.

L’entrata in vigore delle NTC 2008 (approvate con dm 14 gennaio 2008) risale al 1° luglio 2009. Il testo rappresenta per le costruzioni, uno strumento insostituibile in quanto fornisce i criteri generali di sicurezza, precisa le azioni che devono essere utilizzate nel progetto, definisce le caratteristiche dei materiali e dei prodotti e più in generale, tratta gli aspetti attinenti alla sicurezza strutturale delle opere.

Dopo dieci anni vengono pubblicate in Gazzetta le NTC 2018. Tra le grandi novità, l’eliminazione del metodo delle tensioni ammissibili nel calcolo da eseguire nelle zone sismiche (ex zone 4) a favore del metodo degli stati limite. Inoltre viene esteso l’approccio geotecnico di tipo 2 ad eccezione di casi particolari.

Potrebbe interessarti: Cemento armato SLE. Quali verifiche effettuare agli stati limite di esercizio?

Altra novità riguarda l’introduzione dei calcestruzzi fibrorinforzati (FRC) nelle nuove tecnologie volte al miglioramento delle prestazioni del calcestruzzo in fase post fessurativa.

La circolare NTC 2018 pubblicata oggi in Gazzetta, dopo quasi un anno dalla pubblicazione delle NTC 2018, fu approvata da parte del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici il 27 luglio 2018. Da allora non si sono avute più notizie circa il documento, fino allo scorso 17 gennaio 2019 giorno in cui è stato firmato il decreto di approvazione del documento esplicativo, attraverso l’apposizione della firma del Ministro Danilo Toninelli.Circolare NTC 2018 pubblicata

Tra le novità ponti e compatibilità idraulica, azione sismica e affinità con gli Eurocodici

Il testo del documento, si attiene a quello dell’ultima bozza approvata dall’ex Ministro Graziano Delrio nel luglio 2018.

Sulla G.U. si legge, a firma del Ministro Toninelli:“Pur essendo state apportate numerose e significative modifiche rispetto alla precedente circolare, non e’ stato cambiato l’impianto generale e l’articolazione del documento e, pertanto, il testo e’ articolato conformemente alle norme tecniche di cui mantiene la medesima strutturazione in capitoli e paragrafi., al fine di una piu’ agevole consultazione”.

La circolare NTC 2018 pubblicata, rappresenta un documento esplicativo che aiuta i tecnici nell’applicazione della normativa. Una delle grandi novità, preannunciate già da Carlea e presenti nella Circolare NTC 2018 pubblicata, è il nuovo capitolo dedicato alla progettazione dei ponti stradali e ferroviari. In particolare si fa riferimento agli schemi di carico per le verifiche statiche e a fatica e vengono forniti i modelli di carico per il calcolo degli effetti globali in ponti di luce superiore a 300 m.

Viene sottolineato, inoltre, l’aspetto della compatibilità idraulica delle pile dei ponti ricadenti all’interno o all’esterno degli alvei, al fine di valutare l’impatto dell’acqua sulle strutture.

A livello di sismica, vengono indicati nel testo i livelli di accelerazione agS e scompaiono i riferimenti alla zonazione sismica.

Il presidente del Consiglio Superiore aveva, in anteprima, preannunciato la definizione di un nuovo approccio sismico chiarito nel documento: “una strategia progettuale basata su livelli crescenti dell’azione sismica e dei danni corrispondenti, cioè la sollecitazione sismica si incrementa. Questo serve anche nei casi in cui ci sia stata in precedenza una sollecitazione sismica che ha già indebolito la struttura”.

Il calcolo dei carichi accidentali nel caso di strutture scolastiche che vede l’applicazione dei valori dei sovraccarichi (parola che prende il posto del termine carichi variabili). Tali modifiche portano ad un avvicinamento del testo a quello dell’Eurocodice. Rimanendo in tema di sovraccarichi, nello stesso capitolo si legge che in fase di progetto, nel caso di cambio destinazione funzionale degli ambienti, può essere opportuno adottare i valori dei sovraccarichi corrispondenti alla pertinente destinazione funzionale più critica.

“Ho messo a lavorare dieci giovani ingegneri “in serie”, assegnando a ciascuno 30 pagine…e ora il lavoro è finito” la battuta di Carlea, fu espressa in occasione delle dichiarazioni rilasciate al momento della conclusione dell’iter di revisione finale avvenuto nell’ultima settimana del mese di gennaio 2019.

I capitoli di cui si compone il documento, sono:

CAPITOLO C1 – INTRODUZIONE

CAPITOLO 2 – SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE

CAPITOLO 3 – AZIONI SULLE COSTRUZIONI

CAPITOLO 4 – COSTRUZIONI CIVILI E INDUSTRIALI

CAPITOLO 5 – PONTI

CAPITOLO 6 – PROGETTAZIONE GEOTECNICA

CAPITOLO 7 – PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

CAPITOLO 8 – COSTRUZIONI ESISTENTI

CAPITOLO 9 – COLLAUDO STATICO

CAPITOLO 10 – REDAZIONE DEI PROGETTI STRUTTURALI ESECUTIVI E DELLE RELAZIONI DI CALCOLO

CAPITOLO 11 – MATERIALI E PRODOTTI AD USO STRUTTURALE

Leggi il testo della circolare

Ti consigliamo:

Norme tecniche per le costruzioni 2018 e circolare esplicativa

Norme tecniche per le costruzioni 2018 e circolare esplicativa


Andrea Barocci , 2019, Maggioli Editore

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della circolare esplicativa n. 7 del 21 gennaio 2019 si dà piena applicazione e operatività alle Norme Tecniche per le Costruzioni 2018 (d.m. 17 gennaio 2018). Questo manuale offre un quadro completo della normativa sulle costruzioni in Italia,...


59,00 € 50,15 € Acquista

su www.maggiolieditore.it


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *