Carichi struttura. Quali sono quelli da verificare?

Carichi struttura. Quali sono quelli da verificare?

Nel effettuare le verifiche di calcolo è necessario considerare specifiche tipologie di carichi che gravano sulla struttura. Quali sono? Ecco una breve panoramica che raccoglie le diverse categorie.

La norma prevede i seguenti carichi struttura da considerare ai fini delle verifiche:

  • carichi permanenti strutturali (G1);
  • carichi permanenti non strutturali (G2);
  • carichi accidentali (Q);
  • carichi sismici (S);
  • carichi eccezionali (E).

Carichi permanenti

I carichi permanenti strutturali, indicati genericamente G1, sono quelli dovuti agli elementi con funzione portante, compresi gli orizzontamenti. Pertanto sono i pesi delle murature portanti, dei pilastri e travi in cemento armato, dei solai, dei setti portanti, ecc.

I carichi permanenti non strutturali, indicati G2, sono quelli dovuti ai pesi di elementi non strutturali, come ad esempio i pavimenti, le tramezzature, le tamponature, gli impianti, ecc. Detti carichi sono permanenti in quanto rimangono costanti nel tempo ma non sono riferibili ad elementi con funzione portante.

I carichi G1 e G2 possono considerarsi costanti nel tempo durante la vita utile di una costruzione.

LEGGI ANCHE: Staffe pilastro in cemento armato: funzione e passo

Carichi accidentali e sismici

I carichi accidentali, invece, sono quelli che variano nel tempo, come ad esempio quello dovuto alla neve, che si ha solo in presenza di nevicate e per determinati periodi. Similmente il carico dovuto al vento o quello dovuto alla destinazione d’uso
della costruzione
. Ad esempio, il carico previsto per il solaio di un locale commerciale soggetto ad affollamenti può prevedere il carico accidentale di 400 kg/m2. Tuttavia, quando il locale è chiuso tale carico sarà assente, durante i giorni feriali ci potrebbe essere poco affollamento e quindi non si raggiunge tale valore, mentre nei giorni festivi tale carico può essere avvicinato o raggiunto. Quindi si ha variabilità del carico nel tempo e dunque siamo in presenza di carico accidentale.

I carichi sismici sono quelli che nascono sulle costruzioni in occasione di terremoti, mentre quelli eccezionali sono carichi che generalmente non si hanno, ma che in occasione non previste o non prevedibili possono nascere, come nei casi di esplosioni, urti di veicoli, ecc.

NON PERDERTI: Predimensionamento geometrico trave: tutti i passaggi da seguire

Come calcolare i carichi struttura permanenti?

I carichi permanenti, strutturali e non, sono abbastanza facili da calcolare, infatti, noti i materiali utilizzati e le loro densità, si può determinare il loro peso.

Un pavimento ad esempio sarà realizzato da un massetto e dalle piastrelle. Se immaginiamo un massetto in sabbia e cemento che pesa 1800 kg/m3 e facciamo 5 cm di massetto,
avremo:

p_m = γ ⋅ h = 1800 ⋅ 0,05 = 90 kg/m^2

Se poi le piastrelle hanno peso specifico di 2400 kg/m3 e hanno spessore di 1 cm si ha:

p_p = 2400 ⋅ 0,01 = 24 kg/m^2

In definitiva, il peso del pavimento vale:

p_tot = 90+24 = 114 kg/m^2

Similmente, una tamponatura realizzata con laterizi che pesano 800 kg/m3 di spessore 25 cm, intonacati sulle due facce opposte con malta di cemento avente spessore di 3 cm e peso specifico pari a 2300 kg/m3, generano un peso pari a:

p_tot = 800 ⋅ 0,25 + 2 (2300 ⋅ 0,03) = 338 kg/m^2

POTREBBE INTERESSARTI: Travi in legno lamellare: tipologie, caratteristiche e campi d’impiego

Esempi di materiali e relativi pesi specifici

A titolo indicativo, negli elenchi di seguito, vengono riportati i pesi specifici di alcuni materiali utilizzati nell’ambito delle costruzioni.

Calcestruzzi cementizi e malte
– Calcestruzzo ordinario 24 kN/m3
– Calcestruzzo armato (e/o precompresso) 25 kN/m3
– Calcestruzzi “leggeri”: da determinarsi caso per caso dai 14 ai 20 kN/m3
– Calcestruzzi “pesanti”: da determinarsi caso per caso dai 28 ai 50 kN/m3
– Malta di calce 18 kN/m3
– Malta di cemento 21 kN/m3
– Calce in polvere 10 kN/m3
– Cemento in polvere 14 kN/m3
– Sabbia 17 kN/m3

Metalli e leghe
– Acciaio 78,5 kN/m3
– Ghisa 72,5 kN/m3
– Alluminio 27 kN/m3

Materiale lapideo
– Tufo vulcanico 17 kN/m3
– Calcare compatto 26 kN/m3
– Calcare tenero 22 kN/m3
– Gesso 13 kN/m3
– Granito 27 kN/m3
– Laterizio (pieno) 18 kN/m3

Legnami
– Conifere e pioppo dai 4 ai 6 kN/m3
– Latifoglie (escluso pioppo) dai 6 agli 8 kN/m3

Sostanze varie
– Acqua dolce (chiara) 9,81 kN/m3
– Acqua di mare (chiara) 10,1 kN/m3
– Carta 10 kN/m3
– Vetro 25 kN/m3

Peso di volume del legno lamellare – Tipo di legno lamellare
– GL24h 38 kN/m3
– GL28h 41 kN/m3
– GL32h 43 kN/m3
– GL36h 45 kN/m3
– GL24c 35 kN/m3
– GL28c 38 kN/m3
– GL32c 41 kN/m3
– Gl36c 43 kN/m3

Peso legnami vari – Tipo legno

  • Abete rosso dai 10 – 4 kN/m3
  • Ontano 10 – 5 kN/m3
  • Acero 10 – 6 kN/m3
  • Palissandro 10 – 6 kN/m3
  • Balsa 1 kN/m3
  • Pero 10 – 6 kN/m3
  • castagno 10 – 6 kN/m3
  • Pino 9 – 4 kN/m3
  • Ciliegio 10 – 7 kN/m3
  • Pioppo 8 – 5 kN/m3
  • Faggio 10 – 7 kN/m3
  • Pitch-pine 9 – 7 kN/m3
  • Frassino 11 – 6 kN/m3
  • Platano 10 – 6 kN/m3
  • Larice 8 – 5 kN/m3
  • Robinia 10 – 8 kN/m3
  • Mogano 10 – 6 kN/m3
  • Rovere 11 – 8 kN/m3
  • Noce 9 – 6 kN/m3
  • Sughero 2,4 kN/m3
  • Olmo 10 – 6 kN/m3
  • Tiglio 8 – 4 kN/m3

Valori dei sovraccarichi per ciascuna categoria d’uso

I pesi dei solai generalmente vengono forniti dalle ditte costruttrici e, se realizzati con soletta piena, possono calcolarsi sulla base del peso specifico dei materiali.

I carichi accidentali, invece, vengono definiti dalla norma, in base alla destinazione d’uso dei locali. Di seguito i valori dei sovraccarichi per le diverse categorie d’uso delle costruzioni.

Categoria A – Ambienti ad uso residenziale

Aree per attività domestiche e residenziali; sono compresi in questa categoria i locali di abitazione e relativi servizi, gli alberghi (ad esclusione delle aree soggette ad affollamento), camere di degenza di ospedali:

qk = 2,0 kN/m3 Qk = 2,0 kN/m3 Hk = 1,0 kN/m3

Scale comuni, balconi, ballatoi:

qk = 4,0 kN/m3 Qk = 4,0 kN/m3 Hk = 2,0 kN/m3

Categoria B – Uffici

Cat. B1 Uffici non aperti al pubblico:

qk = 2,0 kN/m3 Qk = 2,0 kN/m3 Hk = 1,0 kN/m3

Cat. B2 Uffici aperti al pubblico:

qk = 3,0 kN/m3 Qk = 2,0 kN/m3 Hk = 1,0 kN/m3

Scale comuni, balconi e ballatoi:

qk = 4,0 kN/m3 Qk = 4,0 kN/m3 Hk = 2,0 kN/m3

Categoria C – Ambienti suscettibili di affollamento

Cat. C1 Aree con tavoli, quali scuole, caffè, ristoranti, sale per banchetti, lettura e ricevimento:

qk = 3,0 kN/m3 Qk = 3,0 kN/m3 Hk = 1,0 kN/m3

Cat. C2 Aree con posti a sedere fissi, quali chiese, teatri, cinema, sale per conferenze e attesa, aule universitarie e aule magne:

qk = 4,0 kN/m3 Qk = 4,0 kN/m3 Hk = 2,0 kN/m3

Cat. C3 Ambienti privi di ostacoli al movimento delle persone, quali musei, sale per esposizioni, aree d’accesso a uffici, ad alberghi e ospedali, ad atri di stazioni ferroviarie:

qk = 5,0 kN/m3 Qk = 5,0 kN/m3 Hk = 3,0 kN/m3

Cat. C4 Aree con possibile svolgimento di attività fisiche, quali sale da ballo, palestre, palcoscenici:

qk = 5,0 kN/m3 Qk = 5,0 kN/m3 Hk = 3,0 kN/m3

Cat. C5 Aree suscettibili di grandi affollamenti, quali edifici per eventi pubblici, sale da concerto, palazzetti per lo sport e relative tribune, gradinate e piattaforme ferroviarie:

qk = 5,0 kN/m3 Qk = 5,0 kN/m3 Hk = 3,0 kN/m3

Scale comuni, balconi e ballatoi. Secondo categoria d’uso servita, con le seguenti limitazioni

qk ≥ 4,0 kN/m3 Qk ≥ 4,0 kN/m3 Hk ≥ 2,0 kN/m3

Cat. D – Ambienti ad uso commerciale

Cat. D1 Negozi:

qk = 4,0 kN/m3 Qk = 4,0 kN/m3 Hk = 2,0 kN/m3

Cat. D2 Centri commerciali, mercati, grandi magazzini:

qk = 5,0 kN/m3 Qk = 5,0 kN/m3 Hk = 2,0 kN/m3

Scale comuni, balconi e ballatoi: secondo categoria d’uso servita

Cat. E – Aree per immagazzinamento e uso commerciale ed uso industriale

Cat. E1 Aree per accumulo di merci e relative aree d’accesso, quali biblioteche, archivi, magazzini, depositi, laboratori manifatturieri:

Qk = 7,0 kN/m3 Hk = 1,0* kN/m3 (*Non comprende le azioni orizzontali eventualmente esercitate dai materiali immagazzinati)

Cat. E2 Ambienti ad uso industriale: da valutarsi caso per caso

Cat. F-G – Rimesse e aree per traffico di veicoli (esclusi i ponti)

Cat. F Rimesse, aree per traffico, parcheggio e sosta di veicoli leggeri (peso a pieno carico fino a 30 kN)

qk = 2,50 kN/m3 Qk = 2 x 10,0 kN/m3 Hk = 1,0 ** kN/m3 (**per i soli parapetti o partizioni nelle zone pedonali. Le azioni sulle barriere esercitate dagli automezzi dovranno essere valutate caso per caso)

Cat. G Aree per traffico e parcheggio di veicoli medi (peso a pieno carico compreso fra 30 kN e 160 kN), quali rampe d’accesso, zone di carico e scarico merci, da valutarsi caso per caso, comunque non minore di:

qk = 5,00 kN/m3 Qk = 2 x 5,0 kN/m3 Hk = 1,0 ** kN/m3 (**per i soli parapetti o partizioni nelle zone pedonali. Le azioni sulle barriere esercitate dagli automezzi dovranno essere valutate caso per caso)

Cat. H-I-K – Coperture

Cat. H Coperture accessibili per sola manutenzione e riparazione

qk = 0,50 kN/m3 Qk = 1,2 kN/m3 Hk = 1,0 kN/m3

Cat. I Coperture praticabili di ambienti di categoria d’uso compresa fra A e D: secondo categoria di appartenenza.

Cat. K Coperture per usi speciali, quali impianti, eliporti: da valutarsi caso per caso.

Tra i carichi accidentali, annoveriamo anche quelli dovuti al vento ed alla neve.

L’articolo è tratto dal volume ” PRONTUARIO OPERATIVO DI CALCOLO
DELLE STRUTTURE”
di Santino Ferretti, edito da Maggioli Editore.

I contenuti a cura della redazione di www.ingegneri.cc sono elaborati e visionati da Simona Conte, Giulia Gnola, Daniel Scardina, Gloria Alberti. Gli approfondimenti tecnici si rivolgono ad un pubblico di professionisti che intende restare aggiornato sulle novità di settore.

Potrebbero interessarti anche