Caos esame di stato 2020: proteste sulle novità Covid-19

Caos esame di stato 2020: proteste sulle novità Covid-19

Caos esame di stato 2020

L’emergenza Covid-19 ha portato alla riformulazione, da parte del Ministero dell’Università e Della Ricerca, di modalità e data della prima sessione esami di stato 2020, che per la Sezione A viene spostata dal 16 giugno al 16 luglio 2020, mentre per la Sezione B dal 22 giugno al 24 luglio 2020. A cambiare, appunto, non sarà solo la data ma anche la procedura d’esame che passa ,dalle tradizionali prove scritte più un’orale, ad unica prova orale a distanza.

Le indicazioni sono state annunciate attraverso i Decreti Ministeriali:

I cambiamenti hanno generato un caos esame di stato 2020, sollevato dagli aspiranti abilitanti proprio a proposito di tempi, modi e necessità degli esami di abilitazione alla libera professione.

I futuri professionisti hanno annunciato una manifestazione per il 4 giugno 2020 per dare voce alle difficoltà riscontrate a seguito dei cambiamenti causa Covid-19 per la prima sessione 2020 dell’esame di stato.

Leggi anche: Esame di stato ingegneria sessioni 2020: nuove date causa emergenza Covid-19

Caos esame di stato 2020: la prova unica potrebbe causare disparità

Oggetto di protesta la modalità d’esame che potrebbe creare disparità rispetto alla prova prevista per la seconda sessione dell’anno, nel caso in cui per quest’ultima dovesse essere riconfermata la modalità tradizionale.

La prova unica orale a distanza accorpa tutte le prove e consiste in un colloquio orale telematico, del quale non sono ancora ben chiare le tempistiche.

La nuova modalità di prova vale per le professioni di: dottore agronomo e dottore forestale, agrotecnico, architetto, assistente sociale, attuario, biologo, chimico, geologo, geometra, ingegnere, perito agrario, perito industriale, psicologo, odontoiatra, farmacista, veterinario, tecnologo alimentare, dottore commercialista, esperto contabile e revisore legale.

Gli atenei dovranno garantire che la suddetta prova orale verta su tutte le materie previste dalle specifiche normative di riferimento per ciascun profilo professionale con l’obiettivo di accertare l’acquisizione delle competenze, nozioni e abilità.

Caos esame di stato 2020 anche sul tema connessioni internet? Questo aspetto pare essere regolamentato già nei primi bandi universitari che chiariscono che in caso di connessioni internet saltate durante il colloquio d’esame, le commissioni esaminatrici potranno valutare un’ eventuale bocciatura. In tali casi la tassa di iscrizione non verrà rimborsata.

Non perderti lo speciale dedicato alle novità e agli approfondimenti sull’esame di stato ingegneri

Caos esame di stato 2020: le osservazioni del CSNU e dell’UDU

Il CNSUConsiglio Nazionale degli Studenti Universitari attraverso un documento chiede al Miur di “analizzare e valutare immediatamente la possibilità di effettuare una revisione della procedura di abilitazione per i corsi di laurea che prevedono già un percorso con tirocinio abilitante che ne attesta le competenze, contemplando la possibilità di abolire l’esame di Stato anche per le altre Classi di laurea che non hanno ancora un percorso formativo abilitante relativo a discipline ordinistiche, ma nessuna risposta è arrivata dal ministro”.

La richiesta di tramutare l’esame di stato nel riconoscimento di un tirocinio professionalizzante nasce a valle di quanto accaduto per i medici con il DL Cura Italia.

Enrico Gulluni, Coordinatore Nazionale dell’Unione degli Universitari – UDU ha dichiarato: “Anche in questa condizione si continua a perseverare nell’inutile formalità degli esami di stato per le abilitazioni, riducendoli semplicemente ad unica prova orale, che va a sostituire le diverse prove scritte e orali fino ad ora previste, rendendo la selezione ancora meno sensata delle precedenti e ancora più aleatoria, dando ancora più peso alle commissioni esaminatrici.

La cosa più sconfortante è che questa decisione sia stata presa ignorando completamente le sollecitazioni delle organizzazioni di rappresentanza studentesca. Proprio negli scorsi giorni come Unione degli Universitari avevamo espresso la necessità di risolvere il tema dell’esame di stato per le abilitazioni professionali, lanciando una petizione che ha ottenuto grande consenso tra gli studenti, toccando le 10mila firme.

Per questi motivi siamo assolutamente contrari a questa scelta e chiediamo al Ministro Manfredi di superare l’Esame di Stato definitivamente, e non solo per affrontare l’emergenza, e di rendere ciascun titolo di Laurea abilitante all’esercizio della rispettiva professione, evitando gli inutili costi sostenuti e il tempo perso dai giovani laureati prima di potersi inserire a pieno nel mondo del lavoro.”

Leggi le richieste CNSU

Hai fatto l'Esame di Stato 2020? Partecipa al sondaggio, lascia la tua opinione e scarica gratis il pdf su"La trasformazione digitale nella filiera delle costruzioni"

Preparati all’esame di stato:

 Kit esame architetto. Preparazione all’esame di abilitazione: Guida pratica alla progettazione - Prontuario tecnico urbanistico amministrativo

Kit esame architetto. Preparazione all’esame di abilitazione: Guida pratica alla progettazione - Prontuario tecnico urbanistico amministrativo

Alberto Fabio Ceccarelli, Paolo Villatico Campbell, 2020, Maggioli Editore
Volume 1: "Guida pratica alla progettazione per l’esame di abilitazione"Qualificato testo di riferimento per la progettazione architettonica, urbanistica e di recupero/restauro, la GUIDA PRATICA ALLA PROGETTAZIONE è, da oltre 19 anni, lo strumento indispensabile per prepararsi all’esame di...

115,00 € 109,25 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


3 commenti su “Caos esame di stato 2020: proteste sulle novità Covid-19

  1. Speriamo che venga abolito l’esame di stato. E’ una pratica inutile. non diventi professionista perché superi un ennesimo esame nozionistico-teorico, ma con la pratica sul campo.

  2. Dal articolo sembra che anche per l’esame di abilitazione per la professione di geometra sia prevista un unica prova orale, ma la cosa non mi sembra trovi riscontro sui decreti ministeriali, sabaglio?

    • Salve Antonio,
      anche per l’esame di abilitazione professione geometra è prevista, per la prima sessione dell’anno 2020, un’unica prova orale svolta con modalità a distanza. Le indicazioni sono contenute all’interno del Decreto Ministeriale 29 aprile 2020, n. 57. Saluti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *