Cambiare abitudini logistiche si può: ecco come

Cambiare abitudine logistiche si può: ecco come

Sappiamo perfettamente che le emissioni generate dal settore trasporti sono da sempre le più difficili da combattere, in quanto trovano vita dalle nostre abitudini quotidiane. Spostarsi con i mezzi pubblici spesso è difficoltoso, questo anche perché sempre più spesso vengono urbanizzate aree distanti dai servizi e quindi ci si riduce a diventare schiavi della macchina. Al momento le emissioni prodotte da questo settore rappresentano il 23% della CO2 totale emessa, e potrebbero raddoppiare entro il 2050, vista la rapidità con cui Cina, India e Paesi emergenti del sudest asiatico si stanno motorizzando.

Una soluzione al problema potrebbe essere lo sviluppo sempre maggiore di auto e mezzi di trasporto in genere ad alimentazione elettrica, far entrare nelle nostre abitudini il car sharing, utilizzare bici elettriche, laddove quelle tradizionali risultano di difficile condotta, e investire sul trasporto ferroviario per renderlo appetibile e fruibile dai pendolari.

Con un certo orgoglio, non si può non citare il progetto Made in Italy dello Smart Ped: un monopattino elettrico dove il motore è nascosto nella ruota posteriore ed entra in funzione solo in caso di bisogno.

L’idea era già stata sperimentata all’inizio del Novecento dai postini newyorkesi, tuttavia i primi monopattini erano pesanti e rumorosi e vennero pertanto ben presto abbandonati.

Da qualche anno invece il monopattino è rientrato nelle nostre case come gioco dei nostri figli, ma il progetto proposto dalla start up italiana Zehus vanterebbe un mercato più ampio di clienti. Zehus si è fatta conoscere tra il 2013 e il 2014 per il suo progetto Bike+, motore ibrido ricaricabile con l’energia generata dalla pedalata.

Il progetto Smart Ped, curato da FlyKly srl, controllata di Zehus, consiste in un monopattino a spinta assistita in grado di riconoscere il movimento e azionare il motore, in modo da mantenere la velocità più a lungo possibile. La sua maneggevolezza è data da una struttura leggera (11 kg) e una struttura ripiegabile che ne consente il trasporto da parte dell’utilizzatore anche sui convenzionali mezzi pubblici.

Il motore da 250 Watt permette di raggiungere i 25 km orari e ha un tempo di ricarica di sole 3 ore.

Il prezzo non sarà proprio leggero da sostenere (sui 700 euro), però potrà permetterci di respirare un’aria più salubre.

Articolo di Roberta Lazzari

Foto di apertura da FlyKly.com


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico