Bando Inail cantieri. Arriva l’archivio delle buone pratiche di sicurezza

Bando Inail cantieri. Arriva l’archivio delle buone pratiche di sicurezza

Bando Inail cantieri

Il bando Inail cantieri “Archivio delle buone pratiche per la salute e sicurezza sul lavoro nei cantieri temporanei o mobili” è stato bandito dall’Istituto e dal Gruppo tecnico interregionale per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro in collaborazione con il Consiglio nazionale degli ingegneri (CNI) e la Rete delle professioni tecniche (RPT), con la finalità di creare un archivio di casi esemplari reiterabili e che promuovano le buone pratiche di prevenzione per la sicurezza, riducendo il rischio di infortuni e malattie professionali.

La chiamata del bando Inail cantieri è rivolta alle imprese edili che operano appunto nell’ambito dei cantieri temporanei o mobili, ai coordinatori per la sicurezza nei cantieri e agli enti pubblici.

Il lancio dell’iniziativa, legata al Piano prevenzione in edilizia 2014-2018, prorogato al 2019, risale al primo luglio 2019 e per partecipare sarà possibile candidarsi direttamente sul sito istituzionale dell’ente dal 22 luglio al 22 novembre. Il bando rientra tra le azioni di sensibilizzazione previste dal Piano nazionale prevenzione in edilizia e coordinato dalle Regioni Sicilia e Toscana, in linea con l’Accordo quadro stipulato nel 2015 tra l’Inail, la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e il Ministero della Salute.

Bando Inail cantieri. Cosa prevede il bando?

Rappresenta un requisito necessario la regolarità con gli obblighi contributivi e assicurativi, inoltre i partecipanti non devono aver riportato condanne in sede penale in materia di salute e sicurezza sul lavoro negli ultimi cinque anni.

Ogni partecipante può inviare fino a tre proposte, per ognuna delle quali è necessario compilare il modulo di iscrizione reperibile sul sito istituzionale a partire dal 22 luglio 2019, diversificata a seconda delle categorie di partecipazione, ovvero:

  1. imprese del settore edilizia;
  2. coordinatori per la sicurezza nei cantieri;
  3. enti pubblici.

La procedura di iscrizione al concorso, si articola in tre fasi, ciascuna delle quali prevede:

  1. compilazione della scheda di iscrizione, distinta per categorie;
  2. upload di moduli di liberatorie e autorizzazioni e la dichiarazione di veridicità e conferma dei dati;
  3. compilazione della scheda tecnica, che contiene descrizione e autovalutazione del progetto, e caricarlo.

Gli elaborati, la scheda d’iscrizione, la scheda tecnica del progetto e la documentazione indicata nel bando Inail cantieri, devono essere trasmessi in un’unica sessione, utilizzando il link “Invio telematico della domanda”.

Leggi anche: Lavori in quota. Quale formazione è obbligatorio eseguire?

Come avverrà la selezione?

Gli elaborati di progetto saranno oggetto di selezione da parte del Comitato Tecnico Scientifico e di una giuria.

Ad essere premiate saranno, per ciascuna categoria, le prime tre buone pratiche valutate migliori, scelte tra i finalisti, il cui elenco verrà pubblicato entro 120 giorni dalla chiusura della procedura.

Nel dettaglio, la procedura di selezione prevede 4 fasi:

  1. il Comitato tecnico scientifico valuterà le schede pervenute, secondo i criteri stabiliti all’interno del regolamento, individuando i finalisti scelti per ogni categoria;
  2. le prime buone pratiche, per un massimo di 10 per categoria, valutate come migliori, in base ai punteggi ottenuti dalle analisi delle schede tecniche, saranno oggetto di un approfondimento da parte del comitato tecnico scientifico;
  3. la Giuria, tra le buone pratiche presentate, selezionerà i vincitori in numero pari a tre per ciascuna categoria, sulla base della proposta del Comitato tecnico scientifico;
  4. entro 120 giorni dal termine ultimo per la presentazione della documentazione (il 22 novembre 2019), sarà pubblicato, sui portali degli enti organizzatori l’elenco delle buone pratiche per categoria selezionate come finaliste.
Potrebbe interessarti: Smart safety belt: la cintura intelligente per la sicurezza dei lavoratori nei cantieri edili

Perché partecipare? Rotoli: “Le buone pratiche hanno un ruolo strategico”

L’importanza di tali iniziative risiede nella possibilità di sensibilizzare alla tematica della sicurezza sui cantieri temporanei o mobili che rappresentano un luogo di lavoro ad alto rischio infortunistico per via della tipologia di lavorazioni che vengono messe in atto.

La direttrice centrale Prevenzione dell’Inail, Ester Rotoli, ha motivato lo scopo del concorso, ribadendo che le buone pratiche di sicurezza hanno un ruolo strategico: “Con questa iniziativa puntiamo a valorizzare esempi virtuosi, dal punto di vista tecnico e organizzativo, che possano essere replicati facilmente…Alle buone pratiche è riconosciuto ormai un ruolo strategico nella promozione della cultura della prevenzione. In particolare, in un ambito a elevato rischio infortunistico come quello dei cantieri edili, l’individuazione di best practice potrà migliorare gli standard prevenzionali, svolgendo una importante funzione di contrasto alla notevole incidentalità”.

I progetti vincitori verranno premiati con targhe di merito e saranno proclamati in funzione del punteggio ottenuto, che potrà arrivare ad un massimo di 100 punti. Le buone pratiche premiate saranno presentate in occasione delle giornate della sicurezza in edilizia organizzate da Inail e Regioni e potranno essere pubblicate su riviste di settore. È prevista una giornata a Roma dedicata alla premiazione delle buone pratiche.

Gli elaborati vincitori potranno, inoltre, essere trasmessi alla Commissione consultiva permanente per la salute e la sicurezza sul lavoro per la procedura di validazione come “Buone Prassi”. Tutti i lavori riconosciuti di interesse entreranno a far parte dell’archivio.

Leggi il regolamento completo

Ti consigliamo:

Lavori in quota e cadute dall’alto

Lavori in quota e cadute dall’alto


Danilo G.M. De Filippo, Alessio Cencioni , 2018, Maggioli Editore

La caduta dall’alto rappresenta indubbiamente una delle principali cause d’infortunio sul lavoro. Collegata alle cosiddette lavorazioni in quota, è certamente riscontrabile in tutte le attività industriali, ma diviene rischio “principe” quando si affronta il settore delle costruzioni e...


26,00 € 22,10 € Acquista

su www.maggiolieditore.it


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *