Bandi di progettazione 2020: boom per il mercato pubblico

Bandi di progettazione 2020: boom per il mercato pubblico

Il periodico rapporto OICE sull’andamento delle gare pubbliche di ingegneria e architettura fa ben sperare per il nuovo anno. Le anticipazioni dei dati di dicembre 2020 mostrano segnali positivi per quanto riguarda i bandi di progettazione che nel 2020 registrano un +10,5% in numero e +82,0% in valore rispetto al 2019.

Si parla di oltre 2,4 miliardi di valore per tutti i servizi tecnici banditi nel 2020, il dato più alto dal 1994.

Gli appalti integrati sono quelli che nel 2020 segnano un record con un +140,5% in numero e in valore +190,1% sul 2019 a differenza degli appalti diretti sotto i 75.000 euro che l’OICE definisce un “flop del decreto semplificazioni”.

I positivi riscontri si sono avuti soprattutto per il mercato pubblico, ma a detta del presidente OICE, Scicolone è necessario attuare gli accordi quadro e fare partire la domanda privata.

POTREBBE INTERESSARTI: Corrispettivo Superbonus. Ecco le linee guida per determinarlo

Nel 2020 più di 6 mila bandi SIA

OICE riporta che nel 2020 i bandi SIA, servizi tecnici di ingegneria e architettura che comprendono verifiche progetti, direzione lavori, sicurezza, assistenze ai Rup, ecc…, sono stati 6.438 (dato superato solo nel 2006), con un +8,4% sul 2019 e +60,6% in valore rispetto al 2019, per oltre 2,4 miliardi (il più alto dal 1994).

Gli accordi quadro nell’anno sono stati 322, il 5% del totale, con un valore di 798,4 milioni di euro, il 33,9% del totale.

Per quanto concerne la sola progettazione nel 2020 in totale il numero dei bandi è stato di 3.283 per un valore di 1.044,7 milioni di euro: +10,5% in numero e +82,0% in valore sul 2019. Per tutto il 2020 i bandi per accordi quadro di progettazione, sono stati 174, il 5,3% del numero totale, per 432,6 milioni di euro, il 41,4% del totale del valore.

POTREBBE INTERESSARTI: Esonero contributi previdenziali. Con la Legge di Bilancio 2021 in arrivo fondo per professionisti

Dicembre “esplosivo”

I dati provenienti dall’Osservatorio Oice/Informatel delineano un mese di dicembre estremamente proficuo che registra un “risultato esplosivo”.

Le gare di progettazione sono state 422 per 331,6 milioni di euro e rispetto al mese di novembre crescono del 30,2% in numero e del 567,0% in valore; rispetto a dicembre 2019 crescono del 14,7% in numero e del 417,8% in valore.

Il settore infrastrutture vede una ripresa nel mese di dicembre, della pubblicazione dagli accordi quadro per gare di progettazione:

  • ANAS con tre bandi, divisi in 32 lotti, ha raggiuto i 168,0 milioni di euro,
  • Autostrade per l’Italia con un bando in quattro lotti 22,7 milioni di euro.

In totale nel mese per accordi quadro pubblicati 39 bandi, il 9,2% del numero totale, per 191,0 milioni di euro, il 57,5%. Al netto degli accordi quadro i dati del mese si riducono a 403 in numero e a 140,6 milioni di euro in valore.

Delle 422 gare pubblicate nel mese per progettazione ben 158, il 37,4%, hanno riguardato affidamenti sotto i 75.000 euro, mentre il loro valore stimato, 6,0 milioni di euro, è stato pari ad appena il 1,83%. Dai dati emerge che le stazioni appaltanti danno la preferenza alle procedure ad evidenza pubblica contro gli affidamenti diretti.

Anche per gli appalti integrati il 2020 è un anno da record: sono stati pubblicati 505 bandi per 9.589,5 milioni di euro di lavori, con una crescita del 140,5% nel numero e del 190,1% nel valore rispetto al 2019 e considerando anche la frenata di dicembre. Nell’ultimo mese sono stati 58 i bandi pubblicati, con valore complessivo dei lavori di 579,8 milioni di euro e con un importo dei servizi stimato in 9,0 milioni di euro. Rispetto al mese di novembre il numero è calato del 18,3% e il valore del 71,2. Inevitabile il confronto con il mese di dicembre del 2019, rispetto al quale si vede una crescita del 123,1% nel numero e una diminuzione del 36,3% nel valore. Dei 58 bandi pubblicati nel mese 50 hanno riguardato i settori ordinari, per 5,6 milioni di euro di servizi, e 8 i settori speciali, per 3,4 milioni di euro di servizi.

Il top viene raggiunto dal mercato di tutti i servizi di ingegneria e architettura nell’ultimo mese dell’anno, con 675 gare pubbliche per un valore di 442,9 milioni di euro, +14,0% in numero e +160,7 in valore sul precedente mese di novembre, rispetto a dicembre 2019 il numero cala dell’1,9% ma il valore cresce del 153,0%. Gli accordi quadro pubblicati nel mese sono stati 44 bandi, il 6,5% del numero totale, per 219,2 milioni di euro, il 49,5%. Al netto degli accordi quadro i dati del mese si riducono a 631 in numero e a 223,7 milioni di euro in valore.

Il commento ai dati del presidente OICE, Gabriele Scicolone, è stato: “nonostante la pandemia il mercato pubblico dei servizi di ingegneria e architettura segna uno straordinario record positivo che ci rende particolarmente soddisfatti: per il valore il 2020 è il dato più elevato in assoluto e per il numero è il migliore risultato dal 2006. Si è probabilmente capito che l’ingegneria è un traino dell’economia e la progettazione delle opere, con l’aiuto della tecnologia e la possibilità di lavorare da remoto, sarà motore per i prossimi cantieri nell’anno che è appena entrato. Una tale performance, in parte insperata, è stata raggiunta grazie al forte impulso della domanda pubblica soprattutto delle grandi committenze, come ANAS, Autostrade per l’Italia, RFI. L’apporto degli accordi quadro in particolare è rilevante ed è un elemento positivo, sempre rimarcando che all’aggiudicazione degli accordi bisogna far seguire rapidamente la stipula dei contratti attuativi, vero momento in cui si concretizza il lavoro per professionisti e società, perché le aggiudicazioni non rimangano “sterili”. Notiamo che le deroghe approvate nel 2019 per gli appalti integrati, poi prorogate, hanno contribuito anch’esse a mettere sul mercato molte progettazioni esecutive anche di rilievo: bene, ma rimaniamo convinti che la qualità della progettazione sia garantita da appalti di sola progettazione e questo varrà anche in prospettiva per gli interventi del Recovery Plan. Adesso occorre fare partire la domanda privata, soprattutto quella legata al superbonus 110%.

I contenuti a cura della redazione di www.ingegneri.cc sono elaborati e visionati da Simona Conte, Giulia Gnola, Daniel Scardina, Gloria Alberti. Gli approfondimenti tecnici si rivolgono ad un pubblico di professionisti che intende restare aggiornato sulle novità di settore.

Potrebbero interessarti anche