Autocertificazione crediti 2018 ingegneri. Parte la compilazione on line

Autocertificazione crediti 2018 ingegneri. Da oggi, 19 dicembre, parte la compilazione on line

Autocertificazione crediti 2018

È possibile procedere con l’ autocertificazione crediti 2018 per gli ingegneri. Dal 19 dicembre 2018 fino al 31 marzo 2019, i professionisti iscritti al Consiglio Nazionale, potranno presentare l’istanza di riconoscimento dei CFP (Crediti Formativi Professionali) mediante compilazione on line, di un modulo dedicato, disponibile sulla piattaforma Mying.

Ad essere riconosciuti, previa autocertificazione, sono 15 CFP per l’aggiornamento informale svolto dall’ingegnere durante la sua attività lavorativa svolta, in forma libera, alle dipendenze e senza partita IVA, durante il 2018.

Altra data da non dimenticare è il 31 gennaio 2019, termine entro il quale, ogni iscritto dovrà inviare al proprio ordine di appartenenza le richieste di riconoscimento dei crediti formali e degli esoneri per l’anno 2018.

Come procedere per la compilazione dell’ autocertificazione crediti 2018?

Per poter accedere al portale Mying, bisogna essere in possesso delle credenziali personali. Nel caso non si disponga delle stesse, sarà necessario eseguire la richiesta attraverso il tasto Richiedi credenziali.

Dopo aver effettuato il login, bisognerà procedere attraverso il tasto Autocertificazioni, quindi cliccare su Procedi alla compilazione, posizionato sotto la scritta Nuova autocertificazione 15 CFP – per attività svolte nel 2018.

Al termine della compilazione dei campi, il tasto Conferma, permetterà di inoltrare l’istanza che risulterà attuata solo al momento della comparsa del messaggio Istanza correttamente inviata. Una copia dell’istanza, in formato PDF, sarà automaticamente inviata all’indirizzo mail e sarà ulteriormente visualizzabile in Autocertificazioni.

Fino al 31 marzo 2019, è possibile apportare modifiche o eliminare l’istanza inviata, seguendo il percorso Autocertificazioni > Nuova autocertificazione 15 CFP – per attività svolte nel 2018 > quindi Modifica o Elimina.

Il riconoscimento dei 15 CFP, potrà essere verificato sulla pagina personale del portale.

Potrebbe interessarti: Fattura elettronica in arrivo. Entrata in vigore prevista per il 1° gennaio 2019

Quali sono le attività di aggiornamento che possono essere indicate?

Le attività di aggiornamento, effettuate nell’anno oggetto di autocertificazione crediti 2018, vanno descritte con gli opportuni riferimenti.

All’interno delle Guida alla compilazione 15 CFP 2018, in allegato alla Circolare n.329/XIX del CNI, viene fornito un elenco (non esaustivo), delle attività di aggiornamento che possono essere indicate come:

  • approfondimenti tecnici (libri, riviste, articoli formazione uso o aggiornamento software e/o hardware tecnico);
  • aggiornamenti normativi;
  • partecipazioni ad eventi o manifestazioni fieristiche o simili relativa al proprio ambito professionale (SAIE MADE Expo, ecc.);
  • partecipazioni, in Italia o all’estero, a corsi, seminari, convegni, ecc., o altri eventi di provato valore scientifico in modalità frontale;
  • partecipazioni a corsi o attività formative fornite dall’ente o azienda datore di lavoro, erogati, in assenza di cooperazione o convenzione di iscritti che svolgono attività di lavoro dipendente;
  • attività di tutoraggio in stage formativi per periodi superiori a 3 mesi;
  • attività di ricerca tecnico scientifica;
  • altre attività.

Ulteriori criteri di riconoscimento CFP informali, potranno essere acquisiti secondo le seguenti modalità:

Articoli su rivista

  • 2,5 CFP per articoli di lunghezza pari ad almeno 5 mila caratteri pubblicati su una delle riviste indicizzate da SCOPUS, Web of Science e/o quelle riconosciute dall’ANVUR;
  • 2,5 CPF per ogni articolo pubblicato su riviste del CNI.

Monografie

  • 5 CPF per la pubblicazione di manuali, libri, monografie, ricerche e studi, i cui autori siano indicati in copertina.

Contributo su volume

  • 2,5 CFP per articoli di lunghezza pari ad almeno 5 mila caratteri pubblicati su volume.

Brevetti nell’ambito dell’ingegneria

  • 10 CFP per ogni brevetto attestato dall’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (UIBM) o da una struttura equivalente per brevetti internazionali. I CFP saranno riconosciuti al titolare e all’inventore citato nel brevetto.

Partecipazione qualificata ad organismi, gruppi di lavoro, commissioni tecniche nell’ambito dell’ingegneria

  • 5 CFP/anno per la partecipazione qualificata ad organismi, gruppi di lavoro, commissioni tecniche istituite da: Ministeri, Regioni, Provincie, Comuni, UNI, Consiglio superiore Lavori Pubblici, CEI ed equivalenti italiani ed esteri. Tale incarico dovrà essere stato ricoperto per almeno 6 mesi.

Partecipazione a commissioni di esami di Stato per l’esercizio della professione di ingegnere

  • 3 CFP per singola sessione di esame di stato, riconosciuti sia ai membri effettivi, sia agli aggregati.

 

Per approfondimenti sull’ autocertificazione crediti 2018, consulta:

Circolare n.328/XIX del CNI

Guida alla compilazione

Ti consigliamo:

L’autotutela del professionista tecnico nei contratti d’appalto privati

L’autotutela del professionista tecnico nei contratti d’appalto privati


Massimo Cartone , 2018, Maggioli Editore

Il progettista ed il direttore dei lavori, fra tutti i professionisti coinvolti nella realizzazione di un’opera, rivestono i ruoli di maggiore responsabilità e infatti capita spesso che, nel caso in cui l’opera presenti vizi e difformità, costoro vengano chiamati a rispondere in solido...


16,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Un commento su “Autocertificazione crediti 2018 ingegneri. Da oggi, 19 dicembre, parte la compilazione on line

  1. ma non ho ben capito un passaggio: si vede trasmettere “manualmente” l’autocertificazione al proprio ordine di appartenenza o è un passaggio che avviene in automatico?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *