Assicurazione RC professionale obbligatoria, come si muovono CNI e INARCASSA

Assicurazione RC professionale obbligatoria. Ne è stato scritto molto negli ultimi mesi, anche con una serie di approfondimenti pubblicati anche sul quotidiano online Ediltecnico.it (consulta il Dossier Assicurazione RC professionale obbligatoria).

 

In questo articolo riportiamo il testo della recente proposta la proposta assicurativa della Gava Broker s.r.l., esaminata dal Centro Studi del CNI, per gli ingegneri (consulta la circolare n. 189 dell’11 marzo 2013, Polizze Assicurative) e l’articolo apparso sul numero di dicembre del tabloid Ingegneri sulle iniziative riguardanti l’assicurazione RC professionale obbligatoria messe in campo da INARCASSA con la compagnia Willis.

 

Come ormai tutti i professionisti sanno, la Responsabilità Civile professionale indica la responsabilità gravante sui professionisti (ingegneri e architetti, medici, avvocati, commercialisti, notai, amministratori di condomini, ecc.) per la cattiva esecuzione dei contratti d’opera intellettuale che vengono instaurati con la clientela nell’espletamento della professione.

 

Con la nuova convenzione RC professionale, che da fine ottobre ha sostituito definitivamente quella da anni in vigore con Unipol, INARCASSA ha dato una risposta all’esigenza di previdenza della categoria, consentendo un adeguamento ai dettami del d.lgs.138/2011.

 

L’oggetto della garanzia della nuova convenzione del Broker Willis con i Lloyd’s di Londra è, infatti, molto più ampio di quello previsto dai testi in uso sul mercato. La polizza copre tutti i servizi forniti dall’assicurato, realizzati nel settore di competenza (architettura e/o ingegneria), in ottemperanza alle vigenti leggi e regolamenti. A prescindere dall’attività esercitata, anche fuori dal comparto edilizio, e dalle modalità di esercizio della stessa, il professionista è quindi sempre protetto dalla nuova assicurazione.

 

Come rappresentato nella tabella 1, dal punto di vista delle garanzie la copertura offerta da Willis opera sostanzialmente in forma All Risk e sono coperti tutti i danni di natura materiale, corporale o patrimoniale causati o attribuiti all’assicurato.

Tabella 1

I dati riportati dimostrano la validità dell’offerta di Willis per INARCASSA rispetto ai prodotti più utilizzati dal mercato di riferimento. Per rispondere in modo davvero esauriente alle esigenze dei diversi iscritti è stata, inoltre, prevista una gamma molto ampia di massimali e sono stati rimossi tutti i possibili sottolimiti abitualmente applicati dagli assicuratori.

 

È dimostrato che attraverso una drastica riduzione dei premi, la nuova convenzione INARCASSA/ Willis consente all’intera platea degli iscritti di acquistare una garanzia molto più estensiva di quelle proposte dal mercato ad un costo competitivo, come verificabile, facendo un rapido preventivo sul sito di INARCASSA online.

 

Infine, vale la pena di dare il risalto all’effettivo sforzo che è stato compiuto per dedicare un’attenzione particolare ai giovani iscritti.
Con la tariffa Quadrifoglio Verde si è offerta agli under 35 la miglior copertura possibile in termini di premio/prestazioni, come evidenziato dalla tabella comparativa dedicata a questo particolare target di clientela.

Tabella 2

Da aprile 2012 sono circa 6.000 i professionisti che hanno scelto di aderire alla nuova convenzione INARCASSA/Willis. Questi professionisti godranno anche della garanzia rappresentata dalla Commissione Mista Paritetica, che annovera tra i suoi membri, in forma paritetica, i rappresentanti di INARCASSA, di Willis e degli Assicuratori con l’obiettivo di analizzare i sinistri di particolare rilevanza, per valutare la fondatezza delle richieste risarcitorie e convenire congiuntamente delle eventuali tesi difensive.

 

L’articolo sulle iniziative INARCASSA/Willis è di Roberto Berta, responsabile Specialty Affinity Willis Italia s.p.a. e Thierry Oungre responsabile Specialty Financial Lines Willis Italia s.p.a.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico