Alluvione Genova e Cinque Terre. Pioggia vs Siccità: emergenza acqua

Alluvione Genova e Cinque Terre. Pioggia vs Siccità: emergenza acqua

Novembre 2010: città allagate nel Veneto, un’inondazione che ha interessato più di 500.000 persone e che ha colpito Vicenza e molti altri comuni. Alluvione avvenuta a poche settimane da quella di Genova e della provincia di Savona, quando per giorni la Liguria è rimasta paralizzata con strade, autostrade e linee ferroviarie interrotte.

 

A quasi un anno di distanza lo scenario si ripete, ma questa volta siamo nelle Cinque Terre, a Monterosso, Borghetto, Vara, Vernazza, Aulla. Per non parlare di Genova, capoluogo della Liguria, devastata da un’alluvione drammatica.

 

Il capo della Protezione Civile, Franco Gabrielli afferma che: “In Italia c’è un problema di mancata prevenzione generale, in un territorio fin troppo antropizzato dove spesso non vengono fatti gli interventi per ridurre i rischi”.

 

Le cause di questi scenari disastrosi sono numerose: l’intensità delle piogge, i piani urbanistici non studiati adeguatamente, la mancata prevenzione del dissesto idrogeologico. Tuttavia esiste una ragione ben precisa: l’aumento smisurato dell’intensità delle precipitazioni è uno degli effetti più marcati del cambiamento climatico in atto.

 

È così che si hanno meno giorni di pioggia, ma con fenomeni molto più intensi.
Se i fenomeni più intensi li stiamo vivendo direttamente in questi giorni, non dobbiamo pensare che non sia vero che quantitativamente parlando, i giorni di pioggia sono drasticamente diminuiti. Lo conferma anche uno studio, pubblicato dal Journal of Climate, dell’Agenzia Usa per lo studio degli Oceani e l’Atmosfera (Nooa), secondo cui le precipitazioni (pioggia e neve) invernali nel Mediterraneo sono crollate ormai da 20 anni.

 

Sono stati esaminati i dati dal 1902 allo scorso anno. Si nota subito che dei 12 inverni più secchi dell’ultimo secolo ben 10 sono stati registrati a partire nell’ultimo ventennio. Grazie a diverse simulazioni i ricercatori sono pervenuti alla conclusione (amara) che i gas serra emessi artificialmente, ovvero prodotti dall’uomo, sono i maggiori responsabili. Sicuramente una piccola componete è dovuta anche alla variabilità naturale, ma lo stress idrico cui è sottoposto la regione mediterranea è troppo grave e difficilmente potrà essere superato solo grazie alla natura. Il fenomeno e’ preoccupante anche perché una percentuale tra il 60 e l’80% dell’acqua potabile viene usata per irrigare i campi.

 

Quando si parla di desertificazione, istintivamente si pensa ad Africa o Asia, tuttavia, anche in Italia si sta già assistendo a fenomeni di desertificazione.
Un’analisi pubblicata di recente dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) mette in evidenza come i fenomeni di vulnerabilità del suolo non si limitano alle cinque regioni ben note: Sicilia, Puglia, Calabria, Basilicata e Sardegna, ma anche ad altre non così intuitive come Piemonte, Liguria, Toscana e Abruzzo.

 

Il periodo analizzato è il decennio 1990-2000. Emerge chiaramente che circa il 70% della superficie della Sicilia ha un grado medio-alto di vulnerabilità ambientale, ma anche Molise (58%), Puglia (57%) e Basilicata (55%) sono zone fortemente a rischio.

 

Occorre precisare che la desertificazione è il risultato di una combinazioni di caratteristiche naturali intrinseche del terreno, con le attività dell’uomo, che di solito sono propense ad uno sfruttamento eccessivo del suolo. Se a questi si somma l’impatto dei cambiamenti climatici, che implica una diminuzione di apporto di acqua, una modifica delle temperature e della frequenza degli eventi estremi (ad esempio piogge dilavanti molto forti), si ha una vera e propria distruzione dello strato superficiale fertile dei suoli e un loro conseguente inaridimento.

 

Scontata è la direzione da seguire: se i cambiamenti naturali non si possono bloccare, si può ridurre l’apporto del contributo umano alla “disidratazione” dei terreni e ai cambiamenti climatici in genere.

 

Articolo di Roberta Lazzari

 

Fonte Ansa

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque ut maximus sem. Duis facilisis nisi vitae ullamcorper rutrum

Potrebbero interessarti anche