Come vanno gli affari per le società di ingegneria italiane? La classifica

Come vanno gli affari per le grandi società di ingegneria italiane? Ecco la classifica

Società di ingegneria italiane

Dal rapporto elaborato dalla società di ricerca Guamari sui dati di bilancio forniti (2017) dalle società di ingegneria italiane, emerge una panoramica variegata. Il confronto sulle condizioni economiche delle 50 società di ingegneria, presenti in classifica, è stato eseguito relativamente agli anni 2016 e 2017. La cifra d’affari totale, registrata per il 2017 è pari a 1,7 milioni di euro, in rialzo di circa 146 mila euro rispetto a quella registrata per il 2016.

Nel complesso, l’ingegneria delle costruzioni ha registrato un andamento favorevole del valore della produzione nel 2017 con un aumento rispetto all’anno precedente del +16,4 %.

I segnali di ripresa per le società di ingegneria italiane erano stati già evidenziati dal presidente OICE, Gabriele Scicolone che in occasione della presentazione del rapporto OICE/CER 2018, esposta a metà anno 2018, ha riconosciuto la ripresa, affermando: “Le società di ingegneria hanno saputo intercettare l’aumento della domanda pubblica domestica determinato dal codice appalti e sono cresciute sul mercato internazionale con una presenza significativa. Occorre consolidare questo trend supportando la crescita del mercato interno e le dinamiche di internazionalizzazione

Leggi anche Bandi di gara per i servizi di ingegneria e architettura. Ripresa del settore

Chi occupa le posizioni della Top 50 delle società di ingegneria italiane

Dall’esame del Report 2018 on the Italian Construction, Architecture and Engineering Industry, si registra un podio occupato, da Italferr che conferma il primo posto in elenco seguita da EniProgetti che conquista due posti in più rispetto all’anno 2016, e da Spea Engineering che mantiene il terzo posto.

Per Italferr la cifra d’affari per il 2017, è di circa 178 mila euro, per EniProgetti di 170 mila euro e Spea Engineering di 112 mila euro.

Registrano un incremento: Italconsult, Enereco, Net Engineering International, Artelia Italia, Ird Engineering, Technip Italy Direzione Lavori, Aecom Urs Italia, Cooprogetti, Studio Altieri, Erm Italia, Ramboll Italy, Hitachi Industrial Engineering Emea, Studio Ing. G. Pietrangeli, Mpartner, Arup Italia, Sws Engineering, Tecnosistem, Agrotec, Ars Progetti, Anas International Enterprise.

Si confermano stabili nella classifica per l’anno 2017 rispetto al 2016 le società: Italferr, Spea Engineering, Stantec, Jacobs Italia, Golder Associates, Sipal, eFM, Ambiente, Inres e Politecnica.

Perdono posizione rispetto al 2016 le società: Proger, Rina Consulting, Manens – Tifs, Dba Group, Agriconsulting, Geodata, Metropolitana Milanese (Divisione Ingegneria), 3ti Progetti Italia, Arcadis Italia, Technital, F&M Ingegneria, Thetis, Infraengineering, Rpa, Rocksoil, Aic Progetti.

Di particolare interesse è il dato relativo all’utile netto. La cifra più alta si legge per EniProgetto ed è di circa 18 mila euro.

Delle 50, sono 6, le società che chiudono il bilancio in perdita.

Le società di ingegneria e architettura italiane nel panorama internazionale

Per il mercato estero, i dati provenienti dal Rapporto Estero OICE 2018 – Report on the Foreign Activities og Italian Engineering, Architectural and Consultancy Companies – parlano di una crescita della produzione all’estero che nel 2017 ha registrato un aumento del 22% sull’anno 2016 ed il trend è in aumento con un ulteriore 15% per il 2018. Le aree di riferimento sono: l’Asia, l’Unione Europea, i Paesi europei al di fuori dell’Unione Europea e la Penisola Arabica. I dati confermano il riposizionamento della produzione all’estero nei settori energia, trasporti e costruzioni.

È interessante il dato che riguarda il numero dei dipendenti. Dall’analisi OICE emerge che il 100% delle società con più di 250 dipendenti opera all’estero, mentre solo il 28% delle società con meno di 10 dipendenti, lo fa.

“Incrementare la capacità delle società italiane di collaborare con partner stranieri e stabilire joint venture nei paesi target è una delle priorità prevalenti che emergono dal Rapporto” – ha dichiarato Vincenzo Ercole Salazar Sarsfield della Farnesina, aggiungendo: “Il Ministero e la rete delle Ambasciate sono sempre più vicine all’Associazione OICE e aperti alle forme di collaborazione per promuovere networking e partnership”.

Ti consigliamo:

Guida all\'incarico per l\'affidamento dei servizi di architettura e ingegneria

Guida all\'incarico per l\'affidamento dei servizi di architettura e ingegneria


Mario Petrulli , 2018, Maggioli Editore

Questa guida operativa è rivolta al professionista tecnico e fornisce istruzioni pratiche per quanto riguarda l'incarico per l'affidamento dei servizi di architettura e ingegneria da parte della pubblica amministrazione, secondo quanto stabilito dal Codice dei Contratti Pubblici (d.lgs. n....


9,90 € 9,90 € Acquista

su www.maggiolieditore.it


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *