Acciaio strutturale in tutte le forme per il Padiglione Argentina a EXPO 2015

“L’Argentina ti nutre” è il messaggio centrale che ha guidato la progettazione del Padiglione Argentino per Expo Milano 2015, esprimendo la forza e l’energia di un Paese, in grado di fornire innumerevoli varietà di alimenti e paesaggi.

 

In questo nuovo appuntamento del nostro viaggio nelle strutture di EXPO Milano 2015, concentriamo la nostra attenzione sul paese sudamericano che ha scelto l’acciaio strutturale in tutte le sue forme per la realizzazione del proprio padiglione: dalle yravi ai profili tubolari, dai laminati mercantili alle lamiere grecate per i solai.

 

 

 

Il silo, oggetto di accumulo e preservazione degli alimenti, diventa icona e segno distintivo dell’edificio. L’intero fabbricato è costituito da una serie di cilindri di diametro variabile posti in successione e rivestiti esternamente da lamiere ondulate.

 

 

Nel dettaglio l’edificio è composto da due corpi di fabbrica che si sviluppano per un’altezza massima di 12 metri. Il corpo principale presenta due livelli: il piano terra, aperto perimetralmente ed un ulteriore piano a quota +5,2 metri. Una serie di portali, disposti a passo regolare di 7,15 m e con luce tra le colonne di circa 14 m, fungono da base per i cilindri soprastanti.

 

 

Le strutture orizzontali di copertura e calpestio sono formate da travi metalliche secondarie IPE 270, poste a passo regolare, in appoggio sulle travi principali HEB 500. Le strutture verticali, colonne HEB 450, sono opportunamente controventate lateralmente attraverso diagonali in tubi circolari anch’essi in acciaio.

 

Le strutture dei cilindri sono in acciaio S275J0, con montanti verticali HEA 160 disposti sul perimetro a passo regolare (1,4/1,5 m circa) collegati alle travi principali in corrispondenza della base ed in sommità.

 

 

Il secondo corpo è costituito da una rampa pedonale aperta che alterna tratti rettilinei a tratti curvi e occupa l’intera larghezza del fabbricato. La passerella porta dal piano terra al primo livello e successivamente ad uno spazio espositivo ubicato all’interno della rampa stessa, a quota +7,8 m.

 


Dal punto di vista strutturale è formata da telai in profili HE ed IPE, che costituiscono l’appoggio delle rampe e del volume espositivo posto all’interno. Tutte le strutture prevedono sistemi costruttivi a secco, il montaggio in loco dei profili in acciaio avviene mediante bulloni di classe 8.8; i solai sono in lamiera grecata con legno collaborante. Peculiari sono i rivestimenti esterni, realizzati interamente con lamiere ondulate.

 


PADIGLIONE ARGENTINA

Committente:

Governo della Repubblica Argentina

Progetto architettonico:

Team tecnico Governo della Repubblica Argentina

Progetto strutturale, prevenzione incendi:

GLG Progetti srl – Edgardo M. Passalacqua, Andrea Pontiggia

Impresa:

Paolo Beltrami spa

Costruttore metallico:

C.M.S. srl

Immagini:

GLG Progetti (fotografie e dettagli), Team tecnico Governo della Repubblica Argentina (disegni)

 

PRODOTTI IN ACCIAIO

Totale acciaio: 250 tonnellate

LAMIERE ONDULATE

Rivestimenti costituiti da lamiere ondulate

TRAVI

Travi IPE e HE per le strutture principali e secondarie

BULLONERIA STRUTTURALE

Giunti realizzati in situ mediante bulloni di classe 8.8

LAMIERE GRECATE

Lamiere grecate per solai realizzati a secco

 

Il materiale inserito è stato fornito da Fondazione Promozione Acciaio per gli usi esclusivi ed autorizzati dai diversi padiglioni


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico