Abruzzo, le nuove procedure operative per l’antisismica

La Regione Abruzzo ha emanato due importanti delibere che danno attuazione agli artt. 14 e 15 della legge regionale n. 28 dell’11 agosto 2011 recante le Norme per la riduzione del rischio sismico e modalità di vigilanza e controllo su opere e costruzioni in zone sismiche. Nello specifico si tratta delle delibere n. 837 e 838 pubblicate sul Bollettino ufficiale regionale n. 73 del 7 dicembre 2011.

 

La delibera 837/2011 definisce i contributi per l’esercizio delle funzioni regionali e dei diritti e spese per l’esercizio delle funzioni provinciali. Nella delibera sono distinte le diverse procedure di corresponsione e calcolo degli oneri dovuti dai soggetti privati richiedenti, nel caso del Contributo per l’espletamento delle funzioni regionali (pagamento a favore della Regione Abruzzo per l’espletamento delle funzioni di competenza di cui all’art. 2 della l.r. 28/2011) e dei Diritti di istruttoria e spese di conservazione e consultazione dei progetti (pagamento a favore dell’amministrazione provinciale competente per territorio per l’espletamento delle attività relative all’autorizzazione sismica di cui agli articoli 7 e 13 e per il deposito dei progetti ai sensi dell’art. 9 della l.r. 28/2011).

 

La delibera 838/2011, invece, si compone di 3 allegati operativi illustranti le Procedure operative per il rilascio dell’autorizzazione sismica e dell’attestazione di deposito sismico. Nello specifico, il documento presenta le Procedure operative per il rilascio dell’autorizzazione sismica e dell’attestazione di deposito sismico (allegato 1); i Contenuti della Relazione sintetica del progetto strutturale (allegato 2); il Modello di istanza per la denuncia dei lavori (allegato 3).


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico