A Londra il cetriolo costa 800 mln di euro: in vendita la Gherkin Tower di Norman Foster

Se siete interessati a prendere casa a Londra e avete 800 milioni di euro (al cambio inglese circa 650 milioni di sterline), allora potreste essere tentati di candidarvi per l’acquisto di Gherkin, il Cetriolo, la torre progettata dall’archistar Norman Foster e simbolo della City londinese.

 

A causa di difficoltà finanziarie della proprietà originaria, che non è stata in grado di garantire i prestiti a lei concessi a causa delle fluttuazioni sul mercato delle valute tra sterlina e franco svizzero, l’edificio che svetta sullo skyline della capitale britannica è stato posto in amministrazione controllata e posto in vendita, per l’appunto a 650 milioni di sterline.

 

La torre Gherkin, soprannominata cetriolo per la sua forma caratteristica, è subito diventata l’oggetto del desiderio di decine di società immobiliari. I potenziali acquirenti, infatti, non mancano. Si parla di circa 200 soggetti da tutto il mondo interessati a diventare i nuovi padroni di casa della Gherkin Tower.

 

Secondo le agenzie riportate dall’Ansa, il 75% dei candidati all’acquisto sono extra europei, con una forte preponderanza degli asiatici, seguiti da soggetti con sede nel continente nordamericano e in Medio Oriente.

 

Il cantiere per la costruzione del Gherkin (cetriolo) venne aperto nel 2001, e la struttura fu completata e inaugurata nell’aprile del 2004. Il design particolare, progettato per diminuire l’influenza sulla struttura da parte del vento, fece guadagnare nel 2004 alla Foster and Partners il prestigioso RIBA Stirling Prize istituito dal Royal Institute of British Architects.

 

La Gherkin Tower, alta 180 metri e con 41 piani adibiti a uffici e sedi di società, sorge nel punto dove sorgeva il Baltic Exchange, un edificio irrimediabilmente danneggiato dallo scoppio di un ordigno esplosivo collocato dai terroristi dell’IRA agli inizi degli anni novanta.

 

Sempre secondo l’Ansa, a gestire la vendita del grattacielo ci sono i colossi del settore immobiliare Savills e Deloitte Real Estate, che manderanno i loro agenti in un tour mondiale di 10 giorni per discutere coi maggiori potenziali acquirenti. Il vaglio delle offerte e la decisione finale è attesa per il prossimo mese di settembre.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico