150 società di ingegneria. Come è cambiata la classifica?

150 società di ingegneria. Come è cambiata la classifica delle maggiori che operano in Italia?

150 società di ingegneria

Il secondo aggiornamento del “Report 2018 on the Italian Construction, Architecture and Engineering Industry” è datato 15 aprile 2019, mentre la precedente pubblicazione del resoconto sulle condizioni finanziare delle maggiori società di ingegneria che operano in Italia, risale a novembre 2018.

Il report è stato elaborato da Guamari su dati di bilancio riferiti al 2017 delle principali 150 società di ingegneria e mostra un fatturato complessivo in crescita dell’8,6% e sono solo 12 su 150 le società che chiudono il bilancio in perdita.

A differenza del settore ingegneria che abbraccia diversi ambiti in ascesa come quello industriale e dell’informazione, non se la passa bene il comparto delle costruzioni che vede le imprese in difficoltà.

Chi svetta nella classifica delle 150 società di ingegneria?

Il podio, delle 150 società di ingegneria, è occupato dalle grandi società Italferr, EniProgetti e Spea Engineering.

Italferr (Gruppo FS), che a dicembre 2018 ha acquisito l’80% della società di architettura-ingegneria Crew (Cremonesi Workshop), presenta un aumento di fatturato dal 2016 al 2017 pari al 3,2% così come EniProgetti che vanta un incremento del 53,3%.

Registra un dato negativo invece Spea Engineering, gruppo Atlantia/Autostrade per l’Italia, con un -8,9%. Nel maggio 2015 Spea e Adr Engineering (società del gruppo) si sono fuse in Spea Engineering.

Le maggiori crescite di fatturato si registrano per Sina, che in seguito alla fusione per incorporazione di Sineco presenta una crescita del 77% così come Sti Engineering con un 72,4%, Heliopolis Energia con un 72,2%, Pro Iter Ambiente con un 70,9% e Ste – Structure and Transport Engineering al più 61,6%.

Se si guardano i dati relativi all’estero, Elc-Electroconsult presenta un volume d’affari pari al 100% così come Studio Ing. G. Pietrangeli, Aic Progetti e Anas International Enterprise (oggi gruppo Fs). Anche Agrotec, Ars Progetti, Ird Engineering, Maffeis Engineering (controllata dal libanese Dar Group), Italconsult e Geodata (PowerChina) producono fatturato all’estero per poco meno del 100%.

Nella classifica risalente a novembre 2018 Elc – Electroconsult e Sgi – Studio Galli Ingegneria (che aveva fatto richiesta di concordato preventivo) non erano presenti in quanto al 12 ottobre 2018, i dati non erano ancora reperibili al Registro Imprese i bilanci 2017.

Relativamente alle sopracitate società, Elc – Electroconsult guadagna posizioni in classifica passando dal 39° posto del 2016 al 35° del 2017, mentre perde quota Sgi – Studio Galli Ingegneria che dal 54° del 2016 scende all’80° con un calo del fatturato pari -40,1%.

Relativamente al 2018 ed il 2019, come vanno i dati sui servizi di ingegneria e architettura?

I dati sulle 150 società di ingegneria sono stati resi noti in concomitanza con il rapporto del Centro Studi CNI sull’andamento dei servizi di ingegneria e architettura, relativamente ai dati di marzo-aprile 2019.

L’andamento delle gare per i servizi di ingegneria ed architettura si mostra positivo per i primi quattro mesi del 2019, tuttavia un miglioramento del mercato era già stato registrato nel 2018 rispetto agli anni precedenti.

In riferimento al periodo marzo-aprile 2019, gli importi posti a base d’asta per le sole gare di progettazione ed altri servizi (escludendo dunque accordi quadro, concorsi, servizi ICT e gare con esecuzione) arrivano a sfiorare i 180 milioni di euro, il 141% in più rispetto allo stesso bimestre del 2018.

150 società di ingegneria

© Centro studi CNI

Considerando tutti i bandi messi a gara dall’inizio dell’anno, nel complesso gli importi posti a base d’asta sono arrivati a sfiorare i 326 milioni di euro mentre il dato riferito allo stesso periodo dell’anno precedente si aggirava sotto i 150 milioni di euro.

I dati del primo quadrimestre 2019 sembrano dunque confermare non solo il trend positivo del mercato delle gare per i servizi di ingegneria e architettura in atto da tre anni e ad influenzare l’andamento è stato molto probabilmente l’impatto del Decreto Correttivo al Codice dei Contratti Pubblici (D.Lgs 19/04/2017 n° 56 entrato in vigore nel mese di maggio del 2017) su tale mercato, in attesa degli effetti che avrà lo sblocca cantieri.

Ti consigliamo:

Gli appalti pubblici dopo il decreto “sblocca-cantieri” e le altre recenti novità

Gli appalti pubblici dopo il decreto “sblocca-cantieri” e le altre recenti novità


Alessandro Massari , Maggio 2019, Maggioli Editore

Il volume intende offrire agli operatori uno strumento di aggiornamento sulle numerose e dirompenti novità introdotte dal decreto sblocca-cantieri (D.L. 32/2019): dal ritorno del regolamento unificato, alle procedure sotto-soglia, dalla semplificazione nella verifica dei requisiti (inversione...


32,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *