Visto al Solarexpo: Sistema Module Protection System per il fotovoltaico

All’edizione 2011 di Solarexpo non si è discusso solo di Conto Energia e incentivi. Nel corso della manifestazione veronese, infatti, sono state presentate numerose novità e innovazioni tecnologiche, come quella presentata da Brandoni Solare nel settore della sicurezza dei moduli fotovoltaici. L’azienda marchigiana è infatti una delle prime aziende a fornire, in abbinamento ai moduli fotovoltaici, un dispositivo che garantisce standard elevati di protezione dei moduli sia contro i guasti “tecnici”, come le sovratensione, sia contro furti e manomissioni.

La soluzione presentata è il sistema MPS (Module Protection System) che permette di disabilitare la generazione di energia da parte di ogni singolo modulo in caso d’incendio.
L’attuale indirizzo, contenuto nel recente Quarto Conto Energia (leggi anche Incentivi fotovoltaico. Godot è arrivato: le novità del decreto) porterà a una drastica riduzione degli impianti fotovoltaici installati a terra e a un incremento notevole delle installazioni di moduli a copertura di tetti dei capannoni industriali.

Installazione impianti fotovoltaici, Vigili del fuoco e CPI
È all’interno di capannoni industriali che spesso si svolgono attività produttive soggette a CPI (certificato prevenzione incendi).
Il 26 maggio 2010 i Vigili del Fuoco hanno emanato la circolare Guida per l’installazione degli impianti fotovoltaici, in cui si raccomanda che gli impianti fotovoltaici nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi da parte dei Vigili del fuoco vengano dotati di un dispositivo di sezionamento sotto carico, azionabile da comando remoto, ubicato in posizione segnalata ed accessibile, in modo da mettere in sicurezza ogni parte dell’impianto elettrico all’interno del compartimento antincendio, anche nei confronti del generatore fotovoltaico.
Di fatto rimane però che, dal punto di vista della sicurezza, è impossibile porre il sistema fuori tensione in presenza di luce solare, dove agli estremi delle stringhe di moduli fotovoltaici, continuano a esser sempre presenti tensioni elevate in corrente continua.

La soluzione
Il sistema MPS è costituito da un’elettronica intelligente integrata all’interno della scatola di giunzione installata sul modulo e permette di controllarne la temperatura. In caso di superamento dei limiti impostati nel sistema, l’elettronica provvede a cortocircuitare il modulo stesso.
Altra caratteristica del Sistema MPS è di proteggere i moduli dalle sovratensioni e dai danni causati dai fulmini.
Il sistema MPS protegge i moduli anche dai furti: nel caso in cui il modulo venga rubato, questo si disattiva e si cortocircuita con la possibilità di essere riattivato solamente attraverso specifica strumentazione e per mezzo di codici in possesso del solo proprietario del modulo fotovoltaico.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico