Tetto fotovoltaico Interporto Padova. Allacciati i primi 3 MWp

Con l’allaccio alla rete elettrica dei primi 3 MWp è stato raggiunto nei giorni scorsi il primo traguardo nella realizzazione del tetto fotovoltaico più imponente d’Italia e tra i maggiori al mondo in termini di potenza in fase di sviluppo sugli edifici di Interporto Padova spa.

Firmato da Solon spa, azienda italiana del gruppo berlinese Solon SE, l’impianto vede l’impiego di moduli a km 0, realizzati nello stabilimento dell’azienda che ha sede nella stessa provincia di Padova, a Carmignano di Brenta.
Complessivamente sono stati messi in funzione gli impianti su cinque dei diciotto edifici coinvolti nel progetto e di una delle sette pensiline fotovoltaiche adibite al parcheggio delle auto.

Alla base del progetto vi è un’operazione del valore di 50 milioni di euro che ha come protagonisti, tra gli altri, il Fondo Sistema Infrastrutture di Orizzonte SGR spa e il Fondo PPP Italia, fondo infrastrutturale gestito da Fondaco SGR.

Al termine dei lavori, come ha dichiarato il presidente della società interportuale padovana Sergio Giordani, saranno generati 17 milioni di kilowattora all’anno sufficienti per rispondere alle esigenze energetiche di 5.000 nuclei famigliari. Dal punto di vista ambientale, invece, si stima un risparmio di anidride carbonica prodotta pari a 9.000 tonnellate. Infine, ma non meno importante in questo periodo di crisi del lavoro, da questa realizzazione si genererà un indotto in termini occupazionali di 450 persone per un anno.

Fondo PPP Italia
Il Fondo PPP Italia, che ha raccolto 120 milioni di euro per il progetto, è il primo fondo chiuso di diritto italiano riservato a investitori qualificati specializzato nelle infrastrutture. Con una durata fissata in 12 +3 anni, è attivo nel settore delle infrastrutture secondo il modello del “Partenariato Pubblico Privato” e nel comparto delle energie rinnovabili.

Esso si propone di acquisire partecipazioni di minoranza qualificata in società di capitali non quotate (aventi ad oggetto progetti di PPP) situate sul territorio italiano e attive nell’ambito della progettazione, realizzazione, manutenzione e gestione di infrastrutture e nel settore della gestione dei servizi pubblici locali e delle energie rinnovabili.

I Sottoscrittori del Fondo sono: BEI, KFW, Banco Espirito Santo de Investimento, Espirito Santo Activos Financeiros, Cassa Depositi e Prestiti, Fondazione Cariplo, Fondazione Cariparo, Fondazione Compagnia di San Paolo ed Equiter.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico