SISTRI. In Zona Cesarini arriva la proroga al 1° settembre

Clamoroso al Cibali! Per usare un gergo calcistico si può proprio dire che le associazioni imprenditoriali hanno fatto gol all’ultimo minuto, strappando al Ministero dell’ambiente una nuova proroga all’entrata in funzione del SISTRI, prevista adesso per il 1° di settembre. L’accordo è stato raggiunto ieri sera a seguito dell’ultimo tavolo di confronto tra i tecnici del MAATM e i rappresentanti delle principali organizzazioni imprenditoriali Confindustria e Rete Imprese.

Dopo il quasi certo “semaforo verde” per l’inizio del sistema di tracciabilità dei rifiuti al 1° di giugno, sono state infine ascoltate le grida di allarme delle migliaia di operatori del settore atterriti dalle difficoltà di utilizzare un sistema sì utile, ma ancora largamente bisognoso di modifiche ed emendamenti (leggi alcuni dei commenti degli addetti ai lavori in calce all’articolo SISTRI. Le imprese chiedono la proroga. Il Ministero risponde).

Credo che la rimodulazione in chiave di progressività dell’entrata in vigore del SISTRI sarà utile a collaudare al meglio il sistema e aiuterà le aziende a prendere confidenza con le nuove procedure elettroniche”, ha dichiarato il ministro Prestigiacomo, evidentemente convinta che il “pieno successo del SISTRI Click Day” sbandierato dal ministero non fosse poi così pieno! (Leggi anche SISTRI Click Day: Grande Successo o Clamorso Flop?).
Sulla proroga interviene anche il sen. Francesco Ferrante, responsabile delle politiche sui cambiamenti climatici del Partito Democratico: “Questa deve essere assolutamente l’ultima proroga , perché va messa una parola fine a una situazione che si è trascinata già troppo a lungo“.

Nel corso dell’incontro si è poi ridisegnata la Roadmap delle date in cui il SISTRI entrerà in vigore:

1° settembre 2011
SISTRI in vigore per produttori di rifiuti che abbiano più di 500 dipendenti, per gli impianti di smaltimento, incenerimento, etc. (circa 5.000) e per i trasportatori che sono autorizzati per trasporti annui superiori alle 3.000 tonnellate (circa 10.000);

1° ottobre 2011
SISTRI in vigore per produttori di rifiuti che abbiano da 250 a 500 dipendenti e “Comuni, Enti ed Imprese che gestiscono i rifiuti urbani della Regione Campania”;

1° novembre 2011
SISTRI in vigore per produttori di rifiuti che abbiano da 50 a 249 dipendenti;

1° dicembre 2011
SISTRI in vigore per produttori di rifiuti che abbiano da 10 a 49 dipendenti e i trasportatori che sono autorizzati per trasporti annui fino a 3.000 tonnellate (circa 10.000);

1° gennaio 2012
SISTRI in vigore per per produttori di rifiuti pericolosi che abbiano fino a 10 dipendenti.

Appuntamento a settembre, quindi!


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico