Risanamento degli edifici e consolidamento terreni

Un terreno è costituito da tre parti: una solida, una liquida e una gassosa. A volte una di queste parti viene disturbata e subisce una variazione anomala, quindi l’equilibrio tra terreno e fondazione si può rompere. Quando ciò accade, anche molto tempo dopo la costruzione, appaiono crepe più o meno vistose sui muri dell’edificio.

Le cause di questo danneggiamento possono essere svariate. Ad esempio, periodi di siccità, piogge copiose, o perdite fognarie modificano la parte fluida del terreno, e possono portare ad un cedimento dell’edificio. In particolare, i terreni argillosi si comportano come una spugna: prima assorbono grandi quantità d’acqua aumentando di volume, poi dopo un periodo di siccità l’acqua evapora, il volume del terreno diminuisce e si creano dei vuoti sotto all’edificio.
Se, invece, il terreno è sabbioso o ghiaioso, l’acqua circola liberamente al suo interno trasportando con se le parti di terreno più fine creando dei vuoti.
In entrambi i casi, il risultato è il possibile cedimento dell’edificio. Altri disturbi del terreno che possono favorire la comparsa di crepe nei muri sono riconducibili a forti vibrazioni dovute a traffico veicolare limitrofo all’edificio ceduto, presenza di piante ad alto fusto e apparati radicali importanti, realizzazione di scavi profondi limitrofi alla costruzione.

Le possibili soluzioni al cedimento
Per risolvere questi problemi di cedimento delle costruzioni, Geosec si avvale di tecniche di intervento sempre più precise, quanto mirate, delicate e mini invasive. Con i suoi numerosi depositi brevettuali, frutto di sapiente e costante attività di ricerca e sviluppo, Geosec interviene ogni anno in Europa con successo su centinaia di casi di cedimento del terreno.

La Tomografia elettrica tridimensionale ad “inversione” di ultima generazione è l’elemento che maggiormente caratterizza il sistema Geosec, un supporto tecnologico fondamentale che permette in corso d’opera di mirare concretamente le iniezioni andando a colpire proprio quei volumi di terreno che sono risultati causa del cedimento.

Presenza di vuoti, porosità, concentrazioni e flussi di acqua interstiziale che disturbano la stabilità della casa vengono invece affrontati con il sistema di intervento esclusivo See&Shoot. Con tale sistema è infatti possibile controllare, senza scavi demolizioni vibrazioni, se l’iniezione di resina eseguita alla profondità necessaria nel terreno ceduto ha riempito vuoti e allontanato acqua, un vero consolidamento mirato (per approfondire e per il video esplicativo., leggi anche Consolidamento dei terreni di fondazione)
Al termine delle iniezioni il geologo specializzato Geosec potrà eseguire quindi delle prove penetrometriche comparative per rilevare il miglioramento della compattazione finale del terreno.

Come detto le iniezioni verranno eseguite nel terreno sotto alla fondazione e alla profondità ritenuta necessaria dalle indagini geologiche preliminari. Il quantitativo di resina Eco Maxima sarà poi in funzione del risultato perseguito e verificato direttamente in corso d’opera dal nostro geologo per mezzo delle indagini e delle prove geologiche effettuate.

La resina è un formulato speciale eco compatibile e conforme alle norme di sicurezza ambientale d.lgs. 152/2006 e s.m.i.. Geosec è impresa certificata da Costruttori Qualificati Opere Pubbliche “CQOP” per l’esecuzione di opere del patrimonio Pubblico nella categoria OS21 cl. II e il suo sistema di gestione qualità è conforme alla norma UNI EN ISO 9001:2008 per il settore EA28, infine il procedimento di intervento See&Shoot di Geosec è una domanda di brevetto europeo. Per maggiori informazioni, sopralluoghi e preventivi gratuiti i geologi e gli ingegneri della società sono a disposizione. È possibile richiedere ulteriori informazioni senza impegno, compilando e inviando direttamente a Geosec il modulo qui sotto.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico