Rimuovere e smaltire l’Amianto in 60 giorni? No, Grazie!

È legittimo ordinare di rimuovere e smaltire l’amianto da un sito entro 60 giorni? La risposta è no, per il semplice motivo che per eliminare il pericoloso materiale senza rischi, occorre procedere con calma,prudenza e cautela per non causare più danni che benefici. A stabilirlo è una recente sentenza del T.A.R. Puglia, che ha ritenuto illegittimo un ordine di rimozione e smaltimento di tutto l’amianto presente in uno stabilimento entro 60 giorni.

Anche se è ovviamente da valutare positivamente qualsiasi intervento pubblico mirato alla rimozione e all’eliminazione di manufatti contenenti amianto, non ci si deve dimenticare che si tratta di un materiale molto pericoloso per la salute umana. Un intervento di bonifica, tramite rimozione, eseguito in maniera impropria può elevare la concentrazione di fibre aerodisperse, aumentando, invece di ridurre, il rischio di malattie da amianto (leggi anche Bonifica amianto coperture. Obbligatoria solo se manca la manutenzione).

Come noto, infatti, l’elevato livello di pericolosità dell’amianto deriva proprio dalle sue polveri che, se disperse in aria o diluite in acqua, possono rivelarsi enormemente nocive per la salute umana.

Per il giudice del Tribunale amministrativo pugliese, dunque, l’imposizione di un tempo relativamente breve per mettere in sicurezza il sito dal pericolo amianto, potrebbe causare più danno che altro: “a prescindere dalla sussistenza del presupposto della situazione di necessità grave e urgente”, scrive infatti nella sentenza, “non appaiono congrui i tempi assegnati dall’ordinanza per la realizzazione della bonifica, che non tengono conto dei delicati passaggi procedurali, necessari non solo per l’esigenza di prescegliere in modo ponderato e di ianificare attentamente le modalità delle operazioni … ma anche per tutelare i lavoratori impiegati nella pericolosa attività di contatto con fibre di amianto”.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico