Ricerca combinazioni accelerogrammi, disponibile la v. 2.61 beta del software Rexel

È stata rilasciata in aprile la versione 2.61 beta di Rexel che sostituisce la versione 2.6 beta. Rexel permette la ricerca di combinazioni di accelerogrammi naturali compatibili con gli spettri delle Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC 2008), dell’Eurocodice 8 o definiti dall’utente arbitrariamente.
ATTENZIONE: a partire dal 1° novembre 2010 la versione 2.61 è stata sostituita dalla nuova versione 3.0 (beta) che sarà valida fino al 30 giugno 2011. Leggi anche Ricerca combinazione accelerogrammi. Nuova versione 3.0 (beta).

Gli accelerogrammi possono anche rispecchiare caratteristiche di sorgente di interesse in termini di magnitudo e distanza epicentrale. Le registrazioni accelerometriche a cui si fa riferimento sono quelle dell’European Strong Motion Database (ESD) e ora anche quelle dello Italian Accelerometric Archive (ITACA) (per la corrispondenza dei record di ITACA con i codici degli accelerogrammi restituiti da Rexel si veda qui).
Le registrazioni di queste due banche dati sono contenute all’interno di Rexel al solo scopo di facilitare l’utente. Per dettagli cambiamenti della versione 2.61 (beta) si veda change log.

Installazione
Rexel è sviluppato in ambiente MATLAB e per la sua esecuzione è necessario installare preliminarmente MATLAB Component Runtime (MCR) 7.11 eseguendo il file MCRInstaller.exe.
Si consiglia di riavviare il PC dopo aver installato l’MCR. Per installare Rexel è sufficiente eseguire il file REXELInstaller.exe e seguire le istruzioni a video del programma di installazione.
Il primo avvio di Rexel può durare qualche minuto, è necessario aspettare pazientemente, ma poi funziona velocemente!

Scarica MCRInstaller (L’MCR è necessario per il funzionamento di REXEL);
Scarica REXEL v 2.61 beta;
Scarica il tutorial in formato pdf.

Questa versione è valida fino al 31 ottobre 2010, la nuova versione sarà disponibile dopo tale data.

È possibile che si verifichino problemi al lancio di Rexel dopo l’installazione su computer con sistema operativo Windows Vista o 7. Può essere, infatti, necessario disattivare le restrizioni di “controllo account utente” (UAC). Per fare ciò cliccare sul file eseguibile di Rexel con il tasto destro, selezionare proprietà e disattivare le restrizioni UAC. Fatto ciò REXEL partirà senza ulteriori problemi.
Più semplicemente si può cliccare con il tasto destro sull’icona che lancia Rexel e poi selezionare la voce ‘Esegui’ come amministratore nel menù contestuale che compare (e poi rispondere continua/consenti al messaggio che comparirà).

Si ricorda che i record che Rexel restituisce sono espressi in m/s2.

Rexel e il relativo tutorial possono essere utilizzati e diffusi gratuitamente da tutti, mentre viene negato il consenso alla revisione ed alla commercializzazione degli stessi. Gli autori, pur assicurando di aver fatto ogni sforzo per il corretto funzionamento del programma, non riconoscono agli utenti alcuna garanzia e non saranno in alcun caso responsabili per i danni derivanti dall”utilizzo del software.

L’utilizzo di REXEL va citato come: Iervolino I., Galasso C., Cosenza E. (2009). REXEL: computer aided record selection for code-based seismic structural analysis. Bulletin of Earthquake Engineering, 8:339-362. DOI 10.1007/s10518-009-9146-1

Fonte ReLUIS e DIST Dipartimento Ingegneria strutturale (vai alla pagina del software)



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico