Prevenzione Incendi: presto le nuove regole

È stato approvato dal Consiglio dei Ministri il nuovo regolamento per la semplificazione dei procedimenti relativi alle attività soggette a controlli di prevenzione incendi per la verifica delle condizioni di sicurezza antincendio, che segue di pochi giorni la notizia della pubblicazione online dell’applicazione gratuita dei Vigili del fuoco per la compilazione guidata della relazione tecnica di prevenzione incendi.

In particolare lo schema di regolamento, licenziato dal Consiglio dei Ministri senza alcuna modifica, distingue le attività sottoposte ai controlli di prevenzione incendi in tre categorie, A (basso rischio), B (medio rischio) e C (alto rischio).

Queste attività vengono assoggettate a una disciplina differenziata in relazione al rischio connesso, alla presenza di specifiche regole tecniche e alle esigenze di tutela della pubblica incolumità.

In particolare, gli adempimenti connessi alla valutazione dei progetti verranno differenziati in relazione alle esigenze di tutela degli interessi pubblici : per le attività di cui alla lettera A, che sono soggette a norme tecniche e, sulla base delle evidenze statistiche, non sono suscettibili di provocare rischi significativi per la pubblica incolumità non è più previsto il parere di conformità. I progetti relativi a tali attività saranno presentati contestualmente alla segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) (Leggi anche SCIA e Procedure antincendio. Le indicazioni dei Vigili del fuoco).
Per le attività di cui alle categorie A e B i controlli avvengono, entro sessanta giorni mediante metodo a campione o in base a programmi settoriali .

Per quanto concerne le attività di cui alla categoria C, invece, il Comando effettua sempre il controllo entro sessanta giorni . In questo modo gli accertamenti saranno tempestivi e proporzionali alle esigenze di tutela della pubblica incolumità attraverso i controlli mirati sulle attività che, dalle evidenze statistiche, presentano un rischio più elevato.

Sono escluse dall’ambito di applicazione del nuovo regolamento le attività industriali a rischio di incidente rilevante , soggette alla presentazione del rapporto di sicurezza di cui all’articolo 8 del decreto legislativo 1 7 agosto 1999, n . 334, e successive modificazioni.

Regola tecnica prevenzione incendi per gruppi elettrogeni e unità di cogenerazione
Ricordiamo, infine che il 22 luglio 2011 è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.169 il d.m. del 13 luglio 2011 di approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l’installazione di motori a combustione interna accoppiati a macchina generatrice elettrica o altra macchina operatrice e di unità di cogenerazione a servizio di attività civili, industriali, agricole, artigianali, commerciali e di servizi.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico