Penetrazione d’acqua in seguito a intervento di manutenzione

L’elemento oggetto del guasto è un edificio adibito a uffici con pareti perimetrali verticali realizzate con muratura esterna in laterizio intonacato e controparete interna in cartongesso, previa interposizione di isolamento termico in lana minerale. Copertura piana non isolata e impermeabilizzata con membrana bituminosa caratterizzata dalla presenza di un parapetto in calcestruzzo armato faccia a vista con aperture per il carico e lo scarico di materiali in copertura.

Il meccanismo di alterazione inizia in copertura (infiltrazioni) per estendersi poi anche in facciata, coinvolgendo quindi più parti e materiali, dall’intonaco di facciata ai serramenti, dall’isolante all’interno dei muri alla rasatura a gesso interna.

Descrizione del modo di guasto
Il guasto è stato causato da un intervento di manutenzione finalizzato a eliminare una delle aperture per il carico scarico materiali sul parapetto in c.a.
Il nuovo parapetto è stato costruito direttamente sulla copertura senza risvoltare l’impermeabilizzazione. Con il tempo questa è stata anche danneggiata a causa del contatto diretto con il c.a. del nuovo parapetto. Con la rottura dell’elemento di tenuta sono iniziate le infiltrazioni che hanno causato il degrado dell’intonaco di facciata e della controparete interna, nonché dell’isolante in lana minerale che, ha causa dell’acqua penetrata, non ha più svolto il proprio compito.

Suggerimenti per il ripristino
Il ripristino deve iniziare con un intervento in copertura per impedire nuove infiltrazioni: una doppia guaina bituminosa, quella esterna autoprotetta, risvoltata sul parapetto e una scossalina garantirebbero la tenuta all’acqua della copertura.
Successivamente si potrà intervenire sia sull’intonaco di facciata (sostituzione) sia sulla controparete interna (sostituzione della lana minerale e dei pannelli in cartongesso).

Suggerimenti per la prevenzione
L’accurata progettazione dei dettagli esecutivi delle coperture piane, con particolare attenzione ai risvolti dell’impermeabilizzazione, e comunque ai suoi punti singolari, è garanzia di durata nel tempo dell’opera, che deve comunque essere realizzata da operatori esperti. È possibile fare riferimento alla norma UNI 9307 Coperture continue. Istruzione per la progettazione. Elemento di tenuta.

Articolo di Fulvio Re Cecconi e Enrico De Angelis

Per saperne di più
Banca dati Guasti in edilizia, Maggioli Editore


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico