Palafuksas di Torino. Inaugurazione il 25 marzo 2011

Verrà inaugurato dal sindaco di Torino la mattina di venerdì 25 marzo il nuovo edificio denominato “Palatino” (fino ad oggi conosciuto come Palafuksas), situato in Piazza della Repubblica. L’intervento ha interessato la riqualificazione della porzione nord-ovest della piazza e ha visto la demolizione del Mercato dell’Abbigliamento, realizzato negli anni ’60, sostituito da uno shopping center che ospiterà mostre transitorie e dove sarà presente un ristorante panoramico.

Per creare una soluzione d’eccellenza, alla fine degli Anni Novanta fu scelto a seguito di una gara pubblica l’arch. Massimiliano Fuksas, a capo di un raggruppamento con l’arch. Carlo Novara, Ai Engineering Srl ed Ai Studio.
In particolare, Ai Engineering e la consociata Ai Studio si sono occupate delle opere strutturali delle quali è stato responsabile l’ing. Adriano Venturini con l’assistenza dell’ing. Gabriele Chiellino, delle opere impiantistiche, curate dall’ing. Stefano Cremo, del coordinamento per la sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione delle opere a cura dell’ing. Adriano Venturini e della Direzione Lavori generale seguita dall’ing. Paolo Erbetta.

L’edificio è composto da cinque piani di cui due piani interrati, il primo adibito a parcheggio, il secondo per le centrali tecnologiche e i tre piani fuori terra adibiti ad attività commerciali, l’ultimo dei quali dedicato per intero all’attività di ristorazione. Sono stati adottati i più innovativi sistemi tecnologici di gestione delle differenti attività previste. L’area commerciale è organizzata lungo il perimetro dell’edificio così da disegnare una piazza interna nella parte centrale, in corrispondenza di due ghiacciaie del ‘600 riportate alla luce e che un tempo consentivano la conservazione del cibo e la produzione di ghiaccio, oggi utilizzate come spazi per l’allestimento di mostre temporanee. Anche il primo piano è organizzato secondo lo schema del piano terra con superfici commerciali lungo il perimetro, un bar, un blocco servizi per commercianti nell’angolo sudovest, un percorso a ballatoio anulare e un sistema di rampe che attraversando il vuoto centrale collegano i diversi piani dell’edificio.

Segno distintivo dell’intervento dal punto di vista strutturale è la corte centrale al piano terra, intercalata da 11 pilastri prismatici pluripiano attrezzati con mensole metalliche incastrate, destinate a sostenere il carico di tre passerelle metalliche che collegano i vari piani. I medesimi pilastri sostengono in sommità la struttura di copertura, costituita da un graticcio di travature metalliche articolate nello spazio a formare un percorso continuo di falde inclinate. La copertura è enfatizzata da un rivestimento in zinco e ripropone il disegno dei percorsi che hanno generato lo spazio sottostante, permettendo la penetrazione della luce naturale attraverso piani vetrati verticali e orizzontali. Una porzione di edificio sovrasta le cupole ipogee appoggiando indirettamente su un impalcato costituito da travi in C.A.P. e soletta collaborante.

Sotto l’aspetto energetico ed impiantistico, l’intervento è caratterizzato da un sistema geotermico a ciclo aperto. L’impianto del tipo ad anello liquido e volano termico è in grado di fornire l’energia termica e frigorifera per il fabbricato utilizzando come fonte primaria di energia l’acqua di prima falda e come volano termico la vasca di accumulo dell’acqua antincendio. Ogni singola unità commerciale è climatizzata con una pompa di calore ad elevata efficienza, collegata all’anello liquido. Questo tipo di impianto consente di evitare l’impiego di generatori di calore nel fabbricato, con l’azzeramento dell’inquinamento atmosferico e l’eliminazione dei rischi connessi all’utilizzo del combustibile. Lo scambio geotermico consente una elevata efficienza energetica e un abbattimento dei costi per il riscaldamento e raffrescamento dei locali.

Identikit
Anno di realizzazione: 1998-2011
Committente: Città di Torino
Superficie costruita: 13.000 m2
Superfici facciate: circa 2.000 m2
Elementi di facciata: 60.000 pannelli di vetro e 150.000 kg di acciaio
Progetto architettonico: Massimiliano e Doriana Fuksas
Progetto strutturale: Ai Studio – Ai Engineering srl, Torino
Progetto Impianti: Ai Studio – Ai Engineering srl, Torino


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico