Nucleare da fissione sostenibile. Partono due progetti europei

Partiranno a breve due importanti iniziative europee riguardanti il nucleare da fissione sostenibile a cui parteciperà anche l’italiana Enea. L’annuncio è stato fatto in occasione dell’ultima conferenza dello Strategic Energy Technology Plan (SET-Plan), che ha avuto luogo a a Bruxelles il 15 novembre scorso.

Il primo progetto è la European Energy Research Alliance on Nuclear Materials (EERA-NM), per la quale l’Enea fungerà da focal point a livello nazionale.
Di particolare interesse, anche per il forte coinvolgimento dell’Ente italiano per le energie alternative, è il secondo progetto: European Suistanable Nuclear Industrial Initiative (ESNII).
Tale iniziativa è relativa al rapido sviluppo in Europa di dimostrativi e prototipi di sistemi nucleari a spettro neutronico veloce di IV generazione.
Per l’Italia fanno parte della relativa task force l’Ansaldo Nucleare e l’Enea.

Le due iniziative hanno ricevuto l’approvazione e il sostegno della Sustainable Nuclear Energy Technology Platform (SNETP)e sono state incluse nelle azioni di implementazione del SET-Plan europeo.

Il progetto ESNII
Promosso congiuntamente dalle maggiori industrie nucleari e organizzazioni di ricerca europee, la European Suistanable Nuclear Industrial Initiative (ESNII) prevede, in particolare, la costruzione in Francia di un prototipo, denominato ASTRID, di Reattore Veloce di IV generazione raffreddato a sodio entro il 2020 e la messa in servizio di un impianto di irraggiamento neutronico a spettro veloce e utilizzante la tecnologia dei metalli liquidi pesanti, denominato MYRRHA, presso il sito belga di Mol entro il 2023.

Successivamente è prevista la realizzazione di un dimostrativo di reattore veloce raffreddato a piombo (denominato ALFRED) e di reattore veloce raffreddato a gas ad alta temperatura (denominato ALLEGRO).

Fonte Enea


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico