Miglioramento degli edifici per la prevenzione del rischio sismico

Il 1° dicembre 2010 è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale l’ordinanza 3907, che disciplina i contributi per gli interventi di prevenzione del rischio sismico previsti dall’art.11 della legge 77 del 24 giugno 2009 relativamente ai fondi disponibili per l’annualità 2010. Procedure, modulistica e strumenti informatici per la gestione degli interventi previsti da questa ordinanza saranno specificati in successivi decreti del Capo Dipartimento della Protezione civile.

Sono quattro le modalità di intervento previste dall’ordinanza, che possono essere così riassunte
1. fondi per indagini di microzonazione sismica (stanziati 4 milioni di euro);
2. fondi per interventi strutturali di rafforzamento locale o di miglioramento sismico, o, eventualmente, di demolizione e ricostruzione, degli edifici di interesse strategico e delle opere infrastrutturali strategiche, ad esclusione degli edifici scolastici;
3. fondi per interventi strutturali di rafforzamento locale o di miglioramento sismico, o, eventualmente, di demolizione e ricostruzione di edifici privati (stanziati 34 milioni di euro)
4. fondi per altri interventi urgenti e indifferibili per la mitigazione del rischio sismico (stazniati4 milioni di euro).

Nell’allegato 7 sono elencate le accelerazioni massime al suolo “ag” dei comuni d’Italia. I fondi sono riservati per interventi localizzati nei comuni che presentano una ag superiore a 0,125.

Ordinanza 13 novembre 2010 n. 3907, Attuazione dell’articolo 11 del decreto-legge 28 aprile 2009, n. 39, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 giugno 2009, n. 77 in materia di contributi per interventi di prevenzione del rischio sismico.

Allegato 1, Obiettivi e criteri definiti dalla Commissione di cui all’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3843/2010

Allegato 2, Ripartizione delle risorse

Allegato 3, Criteri di priorità per interventi su edifici privati

Allegato 4, Modulo per la richiesta di contributo ai sensi dell’articolo 14, comma 5

Allegato 5, Condizioni per l’applicabilità del rafforzamento locale (assenza di carenze gravi (articolo 11, comma 2)

Allegato 6, Indicazioni di massima per la definizione di edificio e per le procedure di erogazione dei contributi

Allegato 7, Elenco dei comuni con ag>0,125 g e periodi di classificazione


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico