Eolico, un 2008 col “vento in poppa”

Ancora un anno eccellente per l’eolico che nel 2008 ha visto crescere il dato di installazioni annuali di circa il 35% mantenendo un tasso di crescita analogo a quello degli anni precedenti.

A renderlo noto è l’Associazione nazionale energia del vento, assieme a Aper, Enea e Gse, precisando che il 2008 si è concluso con il massimo di installazioni di sempre per il nostro paese. Un dato che conferma una crescita ancora non al livello dei nostri vicini europei, ma comunque in linea con il raggiungimento degli obiettivi comunitari in tema di rinnovabili al 2020.
L’anno appena concluso – precisa l’Anev in un comunicato – ha fatto registrare per il settore eolico italiano un nuovo record assoluto sia in termini di nuova potenza installata che ha raggiunto i 3.736,47 MW, sia per quanto riguarda la produzione elettrica pari a oltre 6 TWh pari a quasi il 2% del Consumo Interno Lordo dato che dimostra la continua crescita della penetrazione di questa fonte pulita nel sistema elettrico nazionale“.

Anev-Aper-Enea-Gse sottolineano con soddisfazione che le previsioni svolte e le realizzazioni effettuate, giungono finalmente a delineare un quadro di crescita più stabile – aggiunge il comunicato – nonostante tutti gli ostacoli tutt’ora esistenti relativamente agli iter autorizzativi e alle lungaggini necessarie per la connessioni per i nuovi impianti e la mancanza di una ripartizione regionale dell’obiettivo nazionale (burden-sharing)”.
Secondo i dati registrati, il risultato raggiunto con i 3.736,47 MW installati e i 6 TWh prodotti è ancora più importante alla luce dei nuovi obiettivi comunitari al 2020 che impegneranno il nostro paese ad uno sforzo significativo che potrà vedere il positivo raggiungimento dello stesso “a patto che venga sostenuto nel tempo con efficacia e unità di intenti da parte di tutti i soggetti e le Istituzioni interessati“.
Tale dato é da considerarsi, per l’Anev, come estremamente positivo in considerazione del permanere di alcune incertezze e difficoltà tuttora esistenti, “nonostante le recenti positive novità introdotte dal decreto Rinnovabili recentemente emanato, il quadro normativo è ancora incompleto, mancando i decreti attuativi sulla Autorizzazione unica semplificata con connesse linee guida nazionali e ripartizione dell’obiettivo nazionale sulle singole regioni“.

I dati del 2008 finalmente sono in linea con gli obiettivi settoriali, e sufficienti a rimettere l’Italia in carreggiata e a ridurre il ritardo accumulato –  continua il comunicato – , pertanto occorre sottolineare come tale risultato sia un buon punto di partenza per il raggiungimento degli obiettivi preposti e per consentire di sfruttare a pieno il reale potenziale stimato in oltre 16.000 MW di questa fonte pulita“.
In particolare – conclude l’Anev – la ripartizione dell’obbligo tra le Regioni e la semplificazione delle connessioni, oltre a quella dell’iter autorizzativo unico, dovranno vedere quanto prima attuazione per non perdere l’onda positiva di sviluppo che finalmente anche in Italia sta consentendo all’eolico di rivestire il ruolo di sua competenza“.

Fonte: www.anev.org


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico