Costruire infrastrutture nel rispetto dell’ambiente: a Venezia gli ingegneri si interrogano

Ponti, ferrovie, gallerie, porti, dighe, discariche: realizzare oggi grandi infrastrutture nei paesi sviluppati o in via di sviluppo significa quasi sempre intervenire su contesti fortemente popolati, con evidenti condizionamenti e limiti ambientali e sociali alla progettazione.

Grandi strutture ed infrastrutture per aree urbanizzate nel rispetto dell’ambiente sarà dunque il tema centrale del prossimo IABSE (International Association for Bridge and Structural Engineering), il Simposio internazionale che da mercoledì 22 a venerdì 24 settembre radunerà al Lido di Venezia oltre 700 tra ingegneri strutturisti, architetti, designer, appaltatori di tutto il mondo.
Si tratta di un appuntamento di grande respiro scientifico e di assoluto livello internazionale che giunge alla sua 34° edizione, organizzato dal Gruppo Nazionale Italiano IABSE, in collaborazione con le Università IUAV di Venezia e Politecnico di Milano e con il supporto del Consorzio Wylford di Milano.

Il programma di IABSE Venice 2010 si articolerà in 3 giornate di studio e dibattito in cui verranno affrontate le sfide più attuali che l’Ingegneria Civile ha davanti a sé, analizzando i nuovi approcci concettuali e le applicazioni tecnologiche all’avanguardia nel settore dell’industria edile.

Si parlerà di finanziamento di grandi opere, responsabilità sociale ed estetica delle infrastrutture, di rischi e sicurezza, ma ci sarà anche la possibilità di dialogare con i progettisti di strutture in acciaio di grandi dimensioni come quelle in fase di realizzazione in Cina, dei ponti ferroviari tedeschi, delle torri antisismiche in Giappone o dei tunnel nel Niagara.

Di particolare attualità saranno anche i contenuti “italiani” di IABSE: la relazione “tecnica” d’apertura sarà infatti dedicata al Mose, il sistema di difesa contro l’alta marea in costruzione ai tre ingressi della laguna veneta; una sessione dei lavori riguarderà il Ponte sullo Stretto di Messina, con le sue problematiche legate al vento. Per la prima volta sarà messo a tema a livello mondiale il Progetto Rialto, con la soluzione tecnologica del sollevamento degli edifici, sia anti-acqua alta a Venezia, sia a scopo antisismico, con una sperimentazione in corso a L’Aquila.

Ai grandi terremoti recenti (L’Aquila: aprile 2009; Haiti: gennaio 2010; Cile: febbraio 2010, Cina, Sichua: aprile 2010) e alla riduzione del rischio sismico sarà dedicata la Tavola rotonda conclusiva del Simposio. I singoli esperti, ognuno con esperienze personali nell’evento e negli interventi post-evento, illustreranno ciò che è avvenuto in ognuno dei quattro terremoti, quali sono state le politiche adottate per affrontare l’emergenza, il breve-medio termine e quanto previsto per il lungo termine.

IABSE Venice 2010 prevede infine un Social Program ma soprattutto Visite tecniche finalizzate a far conoscere da vicino a tutti i delegati alcune strutture di rilievo di Venezia e dintorni : le paratie del Mose, il Ponte della Costituzione (di Calatrava), il Ponte Strallato di Marghera e il tetto di vetro del Laguna Palace.

Per ulteriori informazioni


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico