Cedimenti nelle fondazioni. Spunti di approfondimento da un’indagine peritale

A cura dell’ing. Pierpaolo Cicchiello, curatore del nostro Speciale Antisismica, pubblichiamo un’interessante perizia svolta per conto del CTU incaricato dal Tribunale Civile di Monza, sede staccata di Desio. Oggetto della perizia sono le lesioni comparse in un appartamento ubicato al piano primo di un edificio, con tre livelli fuori terra, sito in Bovisio Masciago (Monza Brianza), adiacente ad un’area su cui sono stati costruiti dei box interrati.

Definire il danno, subito da una struttura, in seguito ai cedimenti della sua fondazione, non è un’operazione univoca, dal momento che il concetto stesso di danno è legato a molteplici fattori, che dipendono dal tipo di struttura e dalla sua destinazione.
Non è, quindi, necessario intendere in maniera univoca il danno solo come comparsa di crepe, fessure, ma, con una “lettura” più corretta e coerente, vanno considerate anche le modifiche dell’assetto d’insieme, relativamente alla destinazione d’uso ed alla funzionalità della struttura.

È risultato evidente come a ridosso dello scavo, la muratura su cui si scaricano i solai presentasse un’apertura che lascia operante un tratto di muratura di circa 1,5 m, formante lo spigolo del fabbricato pre-esistente.
Lo stato d’efficienza di sistemi di fondazione di edifici in muratura risulta fortemente influenzato dalla stabilità del terreno di fondazione (Consolidamento di terreno e fondazioni. La tecnica del Jet Grouting).
Come è ben noto, la presenza di edifici contigui, nei quali possono essere avviati lavori di manutenzione o ampliamento, la presenza di alberi di grosso fusto, eventuali dissesti dei sistemi fognari, scivolamenti dei versanti e frane, possono, in diverso grado, penalizzare la statica di una costruzione, attraverso azioni distorsionali, che vengono trasmesse dalle fondazioni a contatto con il terreno.

Continua a leggere l’articolo Cedimenti nelle fondazioni. Spunti di approfondimento da un’indagine peritale (tratto dalla rivista Consulente tecnico di giugno 2010)


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico