Bio costruzioni. Il sistema Climablock

Una abitazione con struttura tradizionale e bassa manutenzione con consumi ridotti sia per il riscaldamento che per il raffrescamento estivo. Il tutto ottenuto con grande facilità costruttiva e con costi ridotti rispetto a quelli da sostenere per abitazioni con prestazioni inferiori costruite con altre tecnologie.

Questa costruzione si sta realizzando tra Cordovado e Sesto al Reghena in provincia di Pordenone, utilizzando il sistema Climablock (www.climablock.it) della Pontarolo Engineering, azienda friulana specializzata nel risparmio energetico, nel comfort abitativo e nella bioedilizia.
Il comfort estivo sarà garantito da murature e coperture dotate di grande massa (anche 700 kg/mq) che assicurano che il sole, nel corso delle ore in cui irraggia maggiormente, non riesca a riscaldare la struttura in tutto il suo spessore, impedendo, di fatto, al calore di penetrare all’interno dell’edificio, oltre, ovviamente, a sistemi di ombreggiamento e oscuramento dei serramenti esterni.
Per quanto riguarda il riscaldamento invernale, i progettisti hanno fatto conto sull’irraggiamento solare, che nei mesi freddi entrerà attraverso i vetri non oscurati, unito a un piccolo impianto termico a bassa temperatura.
Tutto ciò è sostenibile grazie a un’accorta progettazione dell’edificio.
Grande attenzione è stata posta all’orientamento dell’abitazione che, per le caratteristiche climatiche della provincia di Pordenone, ha spinto a realizzare limitate aperture a nord e più ampie a sud. Sono stati poi impiegati serramenti ad alte prestazioni inseriti nelle murature, costruite con il sistema Climablock.
Tra le caratteristiche di questo sistema, vincitore del premio innovazione 2008, si citano l’antisismicità garantita, grande isolamento (trasmittanza di 0,14 W/mqK con 39 cm di spessore), assenza totale di ponti termici e qualità costruttiva certa anche con mano d’opera non specializzata (si monta come un lego) e tempi di realizzazione ridotti a 1/5.

I muri del primo piano, per esempio, comprensivi di struttura in cemento armato, isolamento spessore 24 cm, controtelai, scarichi ecc. sono stati eseguiti da tre operai in un giorno e mezzo di lavoro.
È stato previsto, inoltre, di dotare l’abitazione di un impianto di pulizia dell’aria interna (ventilazione) controllato e continuo che, nell’espellere l’aria viziata, ne usa il calore per riscaldare l’aria che entra con un recupero anche del 90% del calore stesso.
Infine, per migliorare ulteriormente il benessere interno, la parete Climablock è dotata di un importante spessore d’isolamento all’esterno (18 cm) della muratura, ma ne presenta anche all’interno (6 cm), ed è proprio la presenza di quest’isolamento interno che garantisce che la temperatura superficiale della parete sia praticamente uguale a quella dell’ambiente, dando così un eccellente sensazione di benessere, (le pareti non isolate internamente, quindi ad una temperatura inferiore rispetto a quella dell’aria interna, al contrario, danno una fastidiosa percezione di disagio dovuta all’irraggiamento del corpo freddo, a volte poco percettibile ma sufficiente a creare una sensazione di discomfort.

Altri articoli sui sistemi costruttivi:
Costruzioni in legno, sistema Steko
Costruzioni in zona sismica: il sistema Emmedue


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico