Antisismica. Microzonazione sismica e stima degli Effetti di Sito

Riprendiamo, con questo articolo dell’ing. Cicchiello che segue la prima parte pubblicata il 30 marzo scorso (Antisismica. Microzonazione, amplificazione locale e Vs30), l’interessante percorso nell’ambito della stima dei cosiddetti effetti di sito, fenomeni di amplificazione locale delle onde sismiche che si verificano in condizioni geologiche e topografiche particolari.

Essi sono molto più difficili da caratterizzare di quanto sia possibile per instabilità dei suoli. Il caso tipico è quello della risonanza dovuta alle coltri di sedimenti, in cui l’onda sismica che giunge dal basso sulla coltre sedimentaria li mette in oscillazione alla frequenza propria con un’ampiezza che può essere limitata solamente dal damping della struttura.
Un analogo effetto di amplificazione è quello legato alla topografia, in cui le onde sismiche inducono sollecitazioni periodiche su un rilievo topografico di modeste dimensioni alla sua frequenza propria.

Continua a leggere l’articolo Microzonazione, amplificazione locale e Vs30. Ancora sulla stima dei cosiddetti ‘effetti di sito’ nel pdf allegato tratto dal numero di febbraio 2011 della rivista Ingegneri

Scarica gratuitamente i pdf dei fascicoli della rivista Ingegneri


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico