Antisismica. Edificio a tre piani supera il test antisismico più severo d’Europa. Disponibili i Video

Superata a pieni voti la prova antisismica più potente d’Europa su tavola vibrante da parte di una struttura in legno a tre piani. L’esperimento condotto il 18 maggio 2011, presso la Fondazione Eucentre, Centro europeo di formazione e ricerca in ingegneria sismica di Pavia, ha simulato una scossa di terremoto della durata di 30 secondi. L’abitazione, che ha subito accelerazioni più alte di quelle del terremoto che ha colpito L’Aquila, non ha riportato danneggiamenti significativi alla struttura portante.

Obiettivo del test, condotto all’interno di TREES Lab il laboratorio di Eucentre con la tavola vibrante per le simulazioni sismiche più potente d’Europa, era verificare la resistenza e il comportamento dell’edificio di fronte a terremoti ad alta intensità, caratterizzati da elevata accelerazione. L’accelerazione è la forza che il sisma esercita alla base dell’edificio con “oscillazioni” orizzontali. Durante l’esperimento la casa, alta 10 metri e con una pianta di 30 metri quadri, è stata sottoposta a diverse prove sismiche sempre più forti. L’ultima prova ha simulato un’accelerazione superiore a quella del sisma dell’Aquila che è stata pari a 0,65 g. Un’accelerazione di 0,65 g corrisponde ad una forza pari al 65% del suo peso.

L’edificio ha retto alla scossa: la sua struttura portante non ha riportato danni significativi
L’abitazione sottoposta al test è stata ideata da Dolomiti Pro, progetto di ricerca che vede coinvolte tre aziende trentine attive nel campo dell’edilizia.

I Video del test antisismico
Nei video che presentiamo qui sotto si può vedere il risultato della simulazione con una ripresa panoramica dall’esterno e dall’interno.

Dopo il test continuano fino al 20 maggio gli incontri dedicati all’ingegneria sismica cui partecipano ricercatori, progettisti, costruttori e istituzioni. Il 19 maggio ricercatori giapponesi e neozelandesi illustreranno per la prima volta in Italia i terremoti che di recente hanno colpito i rispettivi Paesi d’origine. Si farà il punto in particolare su cosa ha reso unici i due eventi e sul modo in cui queste caratteristiche peculiari influenzeranno la sismologia e l’ingegneria sismica mondiali.
I ricercatori interverranno nella sessione di apertura dell’undicesimo seminario internazionale della Rose School, la Scuola europea di formazione avanzata in riduzione del rischio sismico fondata dallo IUSS di Pavia.

Il 20 maggio Il seminario della Rose School si concluderà con la lezione del professor Paolo Emilio Pinto, dell’Università “La Sapienza” di Roma, che parlerà del tema Metodi affidabilistici di uso pratico per la valutazione della resistenza sismica degli edifici esistenti.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico